Torino: polveri bagnate contro la Lazio

Torino: polveri bagnate contro la Lazio

L’analisi dell’attacco / Immobile non molla mai, ma come l’artista:”perde la vista per la fame…gol”. Belotti realizza un nuovo record personale: ma le bocche di fuoco granata si inceppano dopo soli 20 minuti…

2 commenti

IMMOBILE ACCECATO

Immobile

Tanta, troppa voglia di fare per poi restare a mani vuote. Di sale. La partita di Ciro Immobile può essere riassunta così: il pensiero di tornare a gol, di riuscire a fare la differenza come una volta lo acceca al punto che l’attaccante granata non solo sbaglia il rigore del possibile due a zero (quello può capitare a tutti), ma spreca più di una chance nella ripresa con Marchetti di fatto battuto. Va sottolineato come il ragazzo stia maturando a vista d’occhio: Immobile non segna, ma è sempre più uomo squadra. E in avanti si carica il peso di tutto il gruppo, sfornando potenziali assist a ripetizione. Il primo a giovarne è stato proprio Belotti che con il suo arrivo ha messo a segno ben 6 dei 7 gol realizzati sinora. “L’artista che per la fame – di gol – perde la vista”.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Seagull'59 - 11 mesi fa

    Ciro è da portare ad esempio: grande cuore, impegno e dedizione alla squadra. Poi può sbagliare: è umano, ci vuole anche fortuna, come sempre nella vita, ma l’importante è metterci tutto l’impegno per provarci…e lui lo fa!
    Chi era allo stadio potrà testimoniare che dopo 10′ del 2^tempo aveva esaurito la benzina (così come Molinaro): perché non farli rifiatare? Non era mica offensivo o una bocciatura: tutto quello che hanno fatto prima testimoniava in loro favore ma ora è inutile anche solo parlarne…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rossogranata - 11 mesi fa

    Chiedo un grande favore alla redazione e cioè una analisi precisa di tutte le partite giocate dal Toro, almeno quelle del girone di ritorno per le OCCASIONI MANCATE DAVANTI AL PORTIERE AVVERSARIO. Sò soltanto che non sono state poche, ma mi piacerebbe sapere il numero.
    Senz’altro è un caso patologico da studiare non con Ventura ma con uno psicologo, quello appunto della società, il quale poverino mi dirà che la “situazione non è facile”…E allora pregherei Cairo di cambiare psicologo !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy