Torino, verso la Coppa Italia con i cerotti

Torino, verso la Coppa Italia con i cerotti

Infermeria / Tanti infortuni che rischiano di minare l’esordio stagionale

Hull City-Torino

Il Torino ha terminato la tournée in Austria, che però ha lasciato degli strascichi sulla formazione di Sinisa Mihajlovic, oltre che delle buone impressioni riguardo al gioco e alle qualità dei nuovi innesti. Purtroppo queste settimane di ritiro hanno mietuto alcune “vittime”, le quali sono state alle prese con l’infermeria: il numero degli infortunati è cresciuto molto nel corso del tempo, e questo comincia ad essere un dato alquanto pericoloso, in particolare perché si avvicina l’inizio della stagione e del campionato di Serie A. Ma analizziamo la situazione con attenzione.

CAUSE – Ci possono essere milioni di motivazioni che hanno causato gli infortuni di Maksimovic, Benassi, Benassi, Zappaccosta e gli altri compagni di squadra, ma una di quelle più plausibili è quella che riguarda i carichi di lavoro a cui sono stati sottoposti i calciatori del Torino, in particolare in questa ultima settimana: il Toro, infatti, ha giocato una partita ogni due giorni da martedì a sabato, e i giocatori sono stati messi particolarmente alla prova. Questo era un test che serviva a Mihajlovic, ma che ha stressato l’apparato muscolare dei granata. Se si guarda la situazione da un un altro punto di vista, infatti, si vede come nell’amichevole di ieri pomeriggio abbia portato tre giocatori in infermeria con uno di questi (Zappacosta) che forse avrà delle conseguenze più gravi rispetto agli altri.

P1350364

TEMPO – C’è poco tempo, ora, per riuscire a recuperare tutti i giocatori che sono indisponibili, perché l’inizio della stagione, con la prima partita di Coppa Italia, è ormai alle porte, e non manca molto nemmeno all’inizio del campionato che vedrà i granata impegnati con il Milan all’esordio. Per la sfida di Coppa infatti c’è il rischio che i granata si trovino con qualche defezione importante e che possa anche essere determinante ai fini del risultato: ovviamente ci si augura che l’infermeria del Torino riesca a fare gli straordinari, ma la situazione è difficile.

13 commenti

13 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RobyRaby - 1 anno fa

    Se vogliamo un toro aggressivo i giocatori devono correre tanto. E quindi allenarsi tanto. Chi non regge se ne puo andare, devono pur guadagnarsi il loro sontuoso stipendio. La nazionale ha dimostrato che anche se sei scarso ma corri tanto puoi far bene.
    Redazione ma 2 tabelle con dei dati no???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. peter1 - 1 anno fa

    Quest’anno il Toro ha fatto una preparazione più dura ed ha incontrato avversari di caratura superiore agli altri anni. Da giorni mi pongo sempre la stessa domanda. Mihajlovic avrebbe fatto la stessa preparazione dura, finalizzata puù ad una partecipazione alle coppe europee, se alla prima giornata non ci fosse stato il Milan da incontrare? Non è che per togliersi qualche sassolino dalla scarpa abbia forzato un po’ troppo sulla preparazione? Non dobbiamo cantare solo in una notte agostana, ma possibilmente fino a maggio!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alberto Fava - 1 anno fa

    Si, sono d’accordo con il commento di chi mi ha preceduto.
    Penso che Mihailovic possa riportarci al “tremendismo” che alcuni hanno avuto la fortuna di vivere in passato.
    Ovviamente senza nulla togliere al suo Predecessore, che per noi è stato un salvagente, ed al quale non finirò mai di dire grazie come Tifoso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Max63 - 1 anno fa

    Miha non le manda a dire e soprattutto non si attacca al percorso di crescita recitato per 4 anni da Ventura.
    La squadra deve essere aggressiva così come deve essere il Toro e gli infortuni sono parte del gioco soprattutto ad inizio stagione. L’importante che non siano fratture o legamenti che di fatto portano il giocatore a star fuori mesi. Vedremo l’entità dello stiramento di Zappacosta che può essere l’unico infortunio con possibile assenza per qualche settimana, ma abbiamo i sostituti. Peres è assolutamente scarso nella fase difensiva e su quella offensiva ha qualche spunto ma nulla più è deve lavorare tanto. Se troviamo qualcuno disposto a darci 20 ke, diamolo perché oggi non li vale.
    Miha non è un filo aziendalista così come lo era Ventura ed giusto che alzi la voce se ritiene necessario farlo.
    Questo mister è l’impersonificazione del tremendismo granata. Fvcg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. The Mtrxx - 1 anno fa

    suggerisco di cambiare il dominio di toro news a notizie-estive-inutili-sul-toro

    come scritto sotto, magari una bella tabella con il calciatore, il problema fisico e la data di possibile rientro sarebbe un po’ piu’ utile.

    ah stessa tabella entrate/uscite della societa’, perche’ i conti non tornano al momento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giuseppe77 - 1 anno fa

    A me questo allenatore lascia sempre più perplesso. Non mi piace la sua aria da teppistello che manda ultimatum alla squadra, alla società, davanti ai microfoni e non nelle sedi preposte. Crea inutili ansie, destabilizzazioni. Un clima da caccia alle streghe che è l’ultima cosa di cui abbiamo bisogno. Un allenatore deve essere bravo a valorizzare il materiale che ha a disposizione. Se no che ci sta a fare? Non può pretendere che una società con restrizioni nei bilanci spenda 40 milioni di euro a 7-8 giorni dall’inizio del mercato. Su Peres ha fatto delle dichiarazioni inopportune. Ha tanta strada da fare, ha detto. Questo vuol dire che partirà e che, grazie alle sue sparate, dovremo pure svendere. Per non parlare del fatto che preferisce come riserva a Belotti Boyè e non Maxi Lopez (che sarà un altro che partirà). Io sono molto preoccupato. Per me comincia male, molto male. Spero che mi smentisca, ma non ho buone sensazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The Mtrxx - 1 anno fa

      non son d’accordo, i risultati di quest’anno diranno chi ha ragione ..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Leovigildo - 1 anno fa

      D’accordo con te.
      Sicuramente il mister sta dando molta determinazione ai giocatori.
      Ma queste dichiarazioni non servono a nulla.
      Sinisa lavora come vuoi, ma inciampo, non in sala stampa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Luigi-TR - 1 anno fa

    a me la squadra è piaciuta solo a Lisbona
    si vede che i carichi di lavoro sono stati pesanti per cui mi limito a giudicare solo ciò che ho visto fin’ora e sinceramente trovo il Toro fiacco…
    riguardo gli infortuni…giocherà qualcun altro…non abbiamo fenomeni per cui l’uno vale l’altro
    Sempre Forza Toro !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alexrunner - 1 anno fa

    ….mi sarei aspettato da questo artico un aggiornamento dettagliato su ogni atleta infortunato ….soprattutto sul “mistero”Avelar.Che ci siano molti infortunati lo capiamo da soli.Articolo inutile che sembra solo servire a mettere le mani avanti in caso di “falsa partenza”….pessimi!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. giuggia - 1 anno fa

    La mia opinione su tutti questi infortuni è che Sinisa ha fatto giocare queste amichevoli con un’intensità e una cattiveria agonistica (vedi il numero di ammoniti)che personalmente non avevo mai visto prima in partite di Luglio ed Agosto.
    Se i giocatori dovranno essere spremuti così per tutto il campionato arriveremo a Dicembre che faremo fatica ad arrivare ad 11.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Tenente Sheridan - 1 anno fa

    Sicuramente Sinisa sa il fatto suo, ma perchè tutti questi carichi e queste partite ravvicinate per correre dei rischi di tale entità.

    Va bene tutto, nuovo gioco, nuovi schemi, ambientamento ed inserimento dei nuovi arrivi, tuttavia seil prezzo da pagare è questo, mi sembra di poter dire che è parecchi elevato, anche perchè chi si ferma poi, a questo punto della preparazione, deve ricominciare pressochè da zero con nuovi, ulteriori rischi.

    “Cui prodest?”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dbGranata - 1 anno fa

      Non credo sia colpa delle partite, hanno avuto tutti problemi diversi. Se non fanno le partite si allenano ad alta intensità, e quindi il carico è lo stesso. I preparatori del Toro che Sinisa si è portato dietro sanno quanto si può e quanto non si può caricare sui ragazzi, quindi io non darei la colpa alle partite. Uno si è stirato allungandosi, l’altro si è preso una botta a muscolo teso (Ajeti), l’altro ancora in un contrasto duro si è aperto una ferita (Molinaro) e, infine, Baselli è da valutare ma potrebbe essere un affaticamento (quindi potenzialmente l’unico che si sarebbe infortunato a causa dei carichi)

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy