Torino, Miha rilancia l’opzione Gustafson: “Era pronto per la Lazio”

Torino, Miha rilancia l’opzione Gustafson: “Era pronto per la Lazio”

Il tecnico serbo ha rivelato che il ragazzo era stato scelto come titolare contro la Lazio, ma lo ha colpito un attacco febbrile: il centrocampista potrebbe avere delle chance

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Un dettaglio interessante è emerso dalla conferenza stampa di oggi. Sinisa Mihajlovic ha rivelato un retroscena importante legato alla partita contro la Lazio, che ha visto il Torino ritrovare la vittoria grazie ad un 1-3 pregevole, propiziato dalle reti di Berenguer, Rincon e Edera. Ma ciò che Mihajlovic ha detto in conferenza stampa riguarda un giocatore che non ha preso parte al match dell’Olimpico di Roma ma che, fino a poco prima, era quotato come un titolare nella sfida contro la squadra biancoceleste. Si parla di Samuel Gustafson, centrocampista svedese che sta cercando di ritagliarsi un ruolo in questo Toro, tra molte difficoltà dovute all’ambientamento prima e alla concorrenza poi.

Scatto di Chiara Brunero
Scatto di Chiara Brunero

“A centrocampo abbiamo tante soluzioni. Obi, Acquah, Gustafson… Quest’ultimo lo volevo fare giocare titolare a Roma! Ma ogni volta che gli si dice che gioca, gli viene la febbre… In settimana lo avevo visto bene, e gli ho detto che pensavo di farlo giocare. Poi gli è venuta la febbre”. Sono state queste le parole rilasciate in conferenza stampa da Mihajlovic, che non lasciano molto spazio ad interpretazioni: Gustafson era ad un passo da scendere in campo come titolare, ma solo un guaio di salute l’ha tenuto fuori dal campo contro la Lazio di Simone Inzaghi. Soltanto un’evidente dichiarazione di stima a parole, ma che potrebbe concretizzarsi con un’opportunità concreta per il ragazzo.

Mihajlovic pre Torino-Napoli: “Il contratto? Ne parleremo anche se fosse Europa”

 “Comunque è un giocatore che è cresciuto e prima o poi giocherà”. Ha concluso così Sinisa Mihajlovic, chiudendo una parentesi molto importante. Evidente è il fatto che il tecnico serbo abbia visto nello svedese una maturazione importante e che lo voglia considerare quanto meno come una riserva, una carta in più da giocarsi. Contro il Napoli è possibile che Gustafson rimanga ancora in panchina all’inizio, ma non è da archiviare l’ipotesi che possa entrare a gara in corso. Di certo Mihajlovic ha voglia di vederlo all’opera come titolare nel Torino e, probabilmente, più di un’occasione si scorge all’orizzonte. In tre giorni, il Toro disputerà due gare, una contro la Roma in Coppa Italia (ottavi di finale, il 20 dicembre) e l’altra contro la SPAL in campionato (23 dicembre): in una di queste due gare potrebbe arrivare il gettone a disposizione di Gustafson, che potrebbe mettersi in mostra e creare qualche dubbio in più a Mihajlovic. Sempre che la febbre lo risparmi…

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabrizio - 1 anno fa

    secondo me non e’ male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GranataForce - 1 anno fa

    Il suo ingresso in coppa Italia con il Carpi mi aveva fatto buona impressione. Sarebbe un’ottima alternativa a centrocampo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Flower17 - 1 anno fa

    Ha buone qualità ma mi da l impressione di mettere un po’ il piede molle e di essere quindi poco da Toro. Comunque sia chiunque giochi forza ragazzi e forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. maraton - 1 anno fa

    per conto mio non è una mezz’ala classica, ma può giocare come rifinitore vista la capacità di verticalizzare con uno-due tocchi, senza perdersi in inutili dribbling. dal lato tecnico mi è sempre piaciuto, forse un pò gracilino, ma se hai tecnica e sei sveglio di testa i muscoli li fai crescere. (anche senza cura ventrone come a del piero)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy