Torino: rispetto per tutti, paura di nessuno

Torino: rispetto per tutti, paura di nessuno

Verso Torino-Roma / Può sembrare mera retorica, ma il Toro deve affrontare a testa alta i secondi in classifica, rispettando gli avversari, ma senza sottovalutare le proprie capacità

 

Il titolo – preso in prestito da una canzone del rapper e cantautore torinese Ensi – è inopinabilmente un po’ “tamarro”, ma il concetto che esprime non è discutibile: il Toro deve aver il massimo rispetto di tutti gli avversari, da i più quotati ai meno, senza sottovalutare nessuno, ma è altrettanto innegabile che questo sentimento non debba assolutamente sfociare nella paura di non farcela e nel pericoloso timore reverenziale, “figli” sì del rispetto, ma di un rispetto portato all’esasperazione, dove i propri obbiettivi vengono assoggettati all’avversario, impedendo a chi nutre questo sentimento di avere la mente sgombra e , di riflesso, facendo sì  che non si riesca a dare il massimo in campo.

Il Toro domenica si troverà di fronte la Roma, una squadra che lotta per mantenere il secondo posto e che sicuramente non regalerà nulla ai granata. I giallorossi sono tra le squadre meglio attrezzate di questo campionato, e non “rispettare” una squadra tanto valida tecnicamente e tatticamente sarebbe davvero un errore imperdonabile per i ragazzi di Ventura. Ecco perchè, come mostrato più volte quest’anno contro le cosiddette “big”, il Toro deve tirare fuori quel carisma proprio di chi sa di giocarsi tutte le proprie carte lì, in quel momento, senza sottovalutare l’avversario, ma senza cedere alla paura di non farcela dato l’effettivo divario tecnico tra le due formazioni.

Grande rispetto, quindi, ma nessun cattivo pensiero: i ragazzi granata dovranno dimostrare nei fatti cosa vuol dire non aver paura di nessuno, neanche della seconda in classifica, facendo vedere quella faccia grintosa e libera dalle speculazioni della vigilia tanto cara al mondo granata e alla storia di questa squadra. Perché le quote non dicono tutto, e il Torino vuole nuovamente ribaltare ogni pronostico negativo, per volare in classifica e continuare a sognare l’Europa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy