Torino-Roma: giusto il pari, ma Ventura batte Garcia 3-0

Torino-Roma: giusto il pari, ma Ventura batte Garcia 3-0

I due tecnici / In un match molto aggressivo, i due allenatori hanno ottenuto indicazioni diverse per il proseguimento del campionato

Ventura, Garcia

Nella giornata di ieri si è giocato il secondo anticipo di Serie A, tra Torino e Roma, che si è conclusa con il punteggio di 1-1. Nel match, i due tecnici, Ventura e Garcia hanno agito in modi diversi, ottenendo un pareggio che per entrambi, paradossalmente, lascia un pizzico di amaro in bocca. Anche se è stato un match ricco di polemiche, il confronto tra i due allenatori è apparso impari: Ventura ha impostato al meglio la gara, mentre Garcia ha fatto parecchi errori di valutazione. La sfida sulle panchine, si chiude con un 3-0 a favore di Ventura.

ROMA BLOCCATA: PUNTO PER VENTURA – Torino e Roma sono state protagoniste di una partita impegnativa fisicamente, giocata prevalentemente a centrocampo, con numerosi falli e cartellini gialli (3 per i granata e 4 per i giallorossi). Ha nulla o quasi è servito pertanto l’atteggiamento di Rudi Garcia che, per riprendersi dal momento negativo della sua squadra, aveva sì bisogno di una prestazione molto dura da parte dei suoi giocatori, per riacquistare sicurezza. Ma a conti fatti, giallorossi non sono riusciti a giocare come volevano. Merito dell’impianto impostato da Ventura che ha bloccato con il pressing alto la manovra avversaria.

Torino FC v AS Roma - Serie A, Garcia, Torino-Roma
Garcia in Torino-Roma 1-1

GESTIONE DEI TEMPI: ALTRO PUNTO PER VENTURA –  Se i granata sono riusciti a mettere una pezza alla partita, nei secondi finali del match, il merito è del “Dio del calcio” che per una volta ha sorriso al Toro, lasciando cadere dal cielo un rigore a tratti generoso. Un penalty che storicamente non sarebbe mai stato concesso alla banda granata. Episodi a parte,  la mossa vincente del tecnico ligure è stata quella di affidarsi ancora una volta al blocco titolare, senza stravolgere o snaturare il proprio credo calcistico. Il Torino, a differenza della Roma di Garcia, ha è stato in grado di alzare o abbassare il ritmo a proprio piacimento. Forzando la giocata quando era necessario, addormentato il match nei momenti chiave.

BUON PUNTO PER IL TORO: VENTURA-GARCIA 3-0 – Dunque, alla fine di tutto, il risultato finale (quello che conta) è un giusto pareggio. Un po’ come sottolineato dallo stesso Vives in zona mista. Con il senno di poi c’è un po’ di rammarico per una gara che ad un certo punto poteva anche esser vinta. Se solo il Torino avesse sfruttato appieno le proprio occasioni da rete. Un buon punto per il Toro, non certo per la Roma. D’altronde i giallorossi ad inizio stagione avevano dichiarato di voler lottare per lo scudetto. Ed è così che i granata sono riusciti a dare un buon seguito alle tre vittorie consecutive (due in campionato e una in Coppa Italia) ottenute sinora, mentre la Roma continua il suo filotto di risultato negativi. Questa partita mostra ancora una volta come il Torino sia in grado di giocarsela davvero con chiunque.

Avversario bloccato, buona gestione dei tempi e risultato finale che – in generale – non è affatto da buttar via: nel confronto diretto tra allenatori, Ventura batte Garcia 3-0.

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Papa Urbano I - 1 anno fa

    GRANDE MISTER…e continui così…erano almeno 20 anni che non vedo un TORO all altezza della roma…tanta roba…questo mi sa che ai geniantiventura faccia bruciare un po’ il culo…ma ce ne faremo una ragione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Beppe - 1 anno fa

      cerebroleso del cazzo , continua con i tuoi copia e incolla delle tue minchiate , IDIOTA

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 1 anno fa

    …leggete bene i genianticairo…che poi sono sempre anche i geniantiventura…fateci caso…importante è piangere e insultare insomma…quando il TORO perde…adesso anche quando pareggia contro una delle squadre + forti della A…tornano arzilli come una volta…e lacrimano…peggio dei gobbi…leggeteli bene…solo insulti e lacrime…e capirete tanta cose…mi sa troppe…che tristezza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio sala 68 - 1 anno fa

    La differenza la fanno i gol non il gioco , non è che sassuolo ed atalanta giocano come il barcellona. Se Belotti incomincia a segnare con continuità allora possiamo fare qualche sogno , altrimenti finiremo 8-9 in classifica. Ciao a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Beppe - 1 anno fa

    Solito commento idiota di papanano a parte , conta il risultato , che con un po’ di coraggio sarebbe stato (largamente) a nostro favore ; se mister libidine non cambia atteggiamento , saranno ca..i amari ; oggi ci ha sorpassato anche l’atalanta ed il sassuolo vince già 2-0 a Genova con la samp .
    Quando capirete che con questo mister (perlomeno con questo gioco) non si va da nessuna parte ? O forse va bene a tutti limitarsi a salvarsi e arrivare noni o decimi ????? e va bene anche lanciare giocatori che poi chiedono regolarmente di andare via perché col Toro non vinceranno mai nulla ???
    Se non si cambia registro (E SOPRATTUTTO PORTIERE !!) , alla faccia dei punti in più (per ora) , arriveremo più indietro dello scorso anno ! Insomma , dove cazzo è la “crescita” promessa dal nano ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Papa Urbano I - 1 anno fa

    …ieri è stata una GRANDE dimostrazione di FORZA del TORO…contro una roma che ha coi gobbi la migliore rosa della serieA…costretta a vincere…e alla fine ha fatto 3 tiri in porta contro 5 del TORO…e sicuramente le occasioni migliori le ha avute il TORO…credo che Ventura abbia dato una lezione di tattica a Garcia…e gli ha dimostrato come con l’ organizzazione si possono battere anche squadre + forti tecnicamente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

      Dai idiota, stasera non è il caso stai zitto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pazko - 1 anno fa

    10-11ma riga , correggere “ha nulla e’ serviti….” , con “a nulla e’ servito” . Per l’articolo volevo sapere una cosa, Manolas tocca il pallone, poi atterra Belotti, che avrebbe comunque potuto battere a rete se fosse stato in piedi e in corsa, perché la deviazione di Manolas era lenta ed il pallone era ancora giocabile, per cui avrebbe potuto segnare ( forse anche Maxi poteva arrivarci…) . Per cui le sfaccettature sono molteplici, se non ci si ferma a ragionare pro Roma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

    La vittoria di Pirro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy