Torino-Roma, l’attacco tra alti e bassi: la certezza è Maxi

Torino-Roma, l’attacco tra alti e bassi: la certezza è Maxi

Il reparto offensivo dei granata si fa sentire nel gioco di squadra; l’argentino cambia sempre le partite, bene anche Belotti

3 commenti
convocati, Maxi Lopez

La prestazione generale del Torino nel match di sabato contro la Roma è stata molto buona, quella dell’attacco in particolare merita un discorso a sé. I granata hanno creato parecchie occasioni, alcune in ripartenza clamorose, anche se non sono stati in grado di sfruttarle, ed hanno tirato sei volte nello specchio della porta giallorossa. Ancora una volta Ventura ha deciso di affidarsi  alla coppia Quagliarella-Belotti dal primo minuto, sperando che il periodo sotto tono del numero 27 terminasse magari grazie al ritorno al gol, che manca dalla quarta di campionato (doppietta alla Sampdoria)

Torino FC v AS Roma - Serie A

Sotto questo punto di vista, non ci sono stati grossi miglioramenti: Quagliarella è ancora un lontano parente di quello ammirato ad inizio stagione, sicuramente è sulla via del recupero ed alcune buone giocate (combinazioni con il Gallo o cambi di campo verso gli esterni) lo certificano ma non è al massimo della forma; un turno di riposo potrebbe fargli bene, il suo pieno recupero è fondamentale per i granata che hanno bisogno del suo apporto qualitativo non solo in fase realizzativa, ma anche di costruzione del gioco. Buona invece la prova di Belotti: l’ex Palermo è stato sfortunato nel non trovare la seconda rete consecutiva a pochi minuti dall’inizio della partita, ma come sempre ha regalato ai compagni copertura e ripiegamenti difensivi, oltre a buone combinazioni e qualche tentativo di azione personale; il giovane è in continua crescita ed il fatto che Ventura continui ormai a schierarlo stabilmente da titolare non è sicuramente un caso.

Torino FC v AS Roma - Serie A
Anche contro la Roma buona prestazione per Andrea Belotti

La vera nota positiva dell’attacco granata è però Maxi Lopez: ancora una volta l’argentino, fresco di meritato rinnovo, parte dalla panchina per poi entrare in campo e fare la differenza. Non ci riferiamo soltanto al pesantissimo sigillo dagli undici metri all’ultimo minuto (rigore calciato perfettamente a spiazzare il portiere), ma allo stile di gioco del Galina: il modo di arpionare e difendere la sfera, reggere i contrasti e riuscire a giocare il pallone in mezzo a più avversari lo rendono un giocatore di un’altra categoria; nel momento in cui l’argentino scende in campo diventa subito il punto di riferimento dei suoi compagni che lo cercano con insistenza e si appoggiano a lui anche in situazioni delicate, oltre a far notevolmente salire la squadra. Una menzione particolare merita Martinez: gettato in campo nei minuti finali per recuperare il risultato di svantaggio, il venezuelano è subito entrato bene in partita con la giusta carica e facendosi trovare pronto dai compagni; la spizzata per Belotti lesto a guadagnarsi il calcio di rigore è sua, una parte del merito di questo pareggio va anche al piccolo vinotinto.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

    Ora come ora è essenziale far giocare Maxi Lopez, Quaglia ha bisogno di riposo,
    Abbiamo questi tre attaccanti, Maxi nonostante i chili in più è inutile raccontarci cazzate, cambia le partite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

      E voglio fare pure il Papa nano, qualcuno ha detto che Maxi è entrato e non ha fatto un cazzo (testuali parole) ed ha realizzato solo il rigore,
      come se battere un rigore così pesante al 94° sia facile facile come bere un bicchier d’acqua, ecco questi sono quelli che amano il Toro e criticano solo perchè un calciatore del Toro ha quattro chili in più, come se bastasse averne 4 in meno per saper giocare a pallone.
      Ma andate a cagare!
      Vedono il truciolo e non vedono il trave, si dice dalle mie parti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FLAGHI - 2 anni fa

    Secondo me Gallo e Galina possono giocare insieme, magari dal primo minuto, farei anch’io rifiatare la Quaglia che potrebbe tornare utile a partita in corso. Il brigante resta un mistero, secondo me ha delle potenzialità ma sia lui che Gallo dovrebbero essere un pò meno confusionari, comunque Quaglia và recuperato perchè è un giocatore importante, magari con un pò di riposo si rigenera…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy