Torino, che pressing sulle fonti di gioco: così Mazzarri neutralizza Giampaolo

Torino, che pressing sulle fonti di gioco: così Mazzarri neutralizza Giampaolo

Confronto Allenatori / Ieri ha prevalso lo stile del tecnico granata

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Il Torino ritrova la vittoria, nella gara importantissima in ottica europea nella quale i granata hanno prevalso sui blucerchiati grazie ad una doppietta di Belotti. Il risultato della sfida sul campo è frutto di quella che è stata giocata dai due tecnici, Walter Mazzarri e Marco Giampaolo, dapprima nelle rispettive conferenze stampa – nelle quali si sono susseguite delle frecciatine – e poi nel campo dell’Olimpico Grande Torino.

MODULI – L’allenatore della Sampdoria ha confermato il suo 4-3-1-2 tipico; il tecnico granata un 3-5-1-1 adattato all’avversario che aveva di fronte. Due moduli diversi, per un interessante confronto di stili. Nella prima mezz’ora si è visto un Torino in costante pressione sui portatori di palla della Sampdoria, pronto a recuperare palla per attaccare in velocità puntando molto sui cross dalle fasce. Si spiega così la traversa di Baselli al 13’, su cross di Ansaldi ed il primo goal di Belotti, la splendida incornata trasformata in goal dopo il traversone di De Silvestri.

PRESSIONE – I granata, dopo il secondo goal, hanno poi continuato ad asfissiare gli avversari. Per provare a riprendere il risultato, Giampaolo (costretto a cambiare Colley con Tonelli) al quarto d’ora della ripresa è passato ad un 3-4-3 puro inserendo Defrel per Ramirez al 60’ e buttando nella mischia Jankto per Linetty. Mazzarri invece ha sostituito l’acciaccato De Silvestri con Parigini, che si rende protagonista di un ottimo parziale di gara; poi è entrato Djidji per Moretti. Dopo che Gabbiadini ha accorciato le distanze, Mazzarri blinda il risultato mettendo Lukic a posto di Berenguer.

BESTIA NERA –  Mazzarri in sede di presentazione della partita lo aveva detto: “Cercheremo in primis di non farli giocare”. La Sampdoria ha infatti un impianto di gioco consolidato che può mettere in difficoltà chiunque. Il fattore chiave è stato il baricentro alto, volto a impedire la prima costruzione della Sampdoria: Meite e Baselli a turno hanno attaccato Vieira e impedito a Praet e Linetty di ragionare ogni volta che ricevevano palla, bloccando così i rifornimenti per i tre giocatori offensivi. Dopo questo risultato, Mazzarri si conferma la vera e propria bestia nera di Giampaolo: su 9 confronti giocati tra i due, il bilancio è tutto a favore del granata: 5 vittorie, 4 pareggi e zero sconfitte.

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata - 3 settimane fa

    Ieri sera si è intravisto cosa può fare la squadra con gli interpreti giusti. Berenguer si fa preferire seconda punta e non esterno al quale preferisco, da sempre, Parigini. Ieri sera Vittorio mi è piaciuto molto quando , al 70esimo ha chiuso una bella diagonale difensiva sventando un azione pericolosa. Sta capendo cosa come e quando fare le cose. Una seconda punta agile, veloce è fondamentale, potrà diventarlo Berenguer ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. PietroCuoreGranata - 3 settimane fa

    Se la quata salvezza è alta,da sempre i campionati diventano più interessanti.Cosa che raramente è successa negli ultimi anni.E’ spesso da quella che si misura la difficoltà (non il livello) d’una competizione.I valori prima o poi inevitabilmente emergono,ma se non sono esageratamente sbilanciati,ecco spuntare lotte e sorprese in ogni fascia d’appartanenza.I divari diventano meno evidenti e ogni partita può fare storia a se.Ci si meraviglia d’un pari a Ferrara,di perdere con Bologna e Parma.Ma se torniamo al calcio che piaceva a tutti,fare risultato a Catanzaro,Pisa,Como,Avellino,Bari,Ascoli tanto per citarne alcune,era tutt’altro che una passeggiata,compreso per i pigiami,le milanesi o chi al momento andava per la maggiore.Quindi non mi sorprende un’altalena di risultati o il non fare filotti di vittorie se c’è più equilibrio.Anzi,direi che se per ora siamo li a giocarcela è perché incredibilmente e finalmente ne abbiamo avuto dopo anni e anni..W Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ciccio Graziani - 3 settimane fa

    Siamo gli unici che non si sono rinforzati a gennaio e la squadra ha migliorato il rendimento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ciccio Graziani - 3 settimane fa

    Sono d’accordo, l’unica squadra che non si è rinforzata è il Torino ed è quella che ha fatto meglio per ora nel ritorno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Biubiu65 - 3 settimane fa

    E poi…
    Un punto a Ferrara che schifo, la Lazio ha perso.
    Un punto a Udine che schifo.
    Il milan ha pareggiato in casa.
    E vediamo stasera la dea se vince facile con il Bologna….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Biubiu65 - 3 settimane fa

    Ciao, la lotta è ancora lunga ma la partita di ieri fa ben sperare. Speriamo che Parma non sia la fotocopia di Parma all andata, Bologna ritorno o Ferrara ritorno, dopo un ottima prestazione pile scariche e partite da dimenticare.
    Volevo sapere da coloro che a gennaio dicevano che tutte si erano rinforzate(fiorentina Muriel, Samp gabbiadini, Parma non ricordo) cosa dicono oggi.
    Wm non sarà mourinhio ma nessun entra in campo per perdere o non vincere, poi le dinamiche sono tante, e noi siamo tutti allenatori sapienti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy