Torino-Sampdoria 2-2, questa volta il cinismo non è di casa

Torino-Sampdoria 2-2, questa volta il cinismo non è di casa

I granata non vanno oltre il pari contro la Samp: nella ripresa tante occasioni buttate al vento

Non va oltre il pareggio il Torino, contro una Sampdoria brava a contenere e a colpire: finisce 2-2, ma succede tutto nel primo tempo, con il Toro che la ribalta ma viene a sua volta recuperato. Nella ripresa, i granata ci han provato di più – ma hanno sicuramente qualcosa da recriminare a loro stessi viste le quattro buone occasioni avute, e non concretizzate da Belotti e compagni.

Il Toro subisce immediatamente la grande verve ospite (qui il commento del primo tempo), con la Samp che passa dopo appena 20 secondi grazie alla rete di Duvan Zapata – sul quale è imperfetto Moretti. La reazione sta tutta tra 13′ e 15′: prima Baselli piazza all’incrocio di prima intenzione un pallone scaricato da Niang, e poi Belotti finalizza da grandissimo bomber una bella imbucata di Ljajic. I granata giocano bene, ma quando la Samp sfonda sulla sinistra fa sempre male, e infatti al 34′ un cross lasciato partire da quel settore coglie impreparata la retroguardia granata, che si fa infilare dal solito Quagliarella.

Dopo lo spettacolo del primo tempo, la Samp inizia nuovamente con l’acceleratore premuto – ma il Toro sa ripartire, e quando riesce a farlo spaventa e non poco i blucerchiati. All’8′ grandissima occasione per i granata: grande palla di Iago Falque per Niang, che taglia lla grande, si presenta davanti a Puggioni ma coglie solo l’esterno del palo. Il Toro spinge, e qualche minuto dopo è di nuovo Iago a mettere su Belotti la palla buona, ma il Gallo – da appena dentro l’area – calcia col colpo all’indietro, mandando la sfera alle stelle .

La Samp non si fa viva praticamente mai dalle parti di Sirigu, il Toro prova qualche ripartenza – ma la gara, in questa seconda frazione, non ha i ritmi forsennati del primo tempo, con le sqaudre davvero poco precise negli ultimi metri. Il Toro, però, crea sicuramente di più, ma non è cinico: dopo le due buone occasioni di inizio ripresa, a 15′ dal termine Belotti ha sul destro un pallone delizioso di Ljajic, solo da spingere in rete, ma il Gallo sbaglia incredibilmente la mira da pochi passi. Nei granata entrano Boyé, Edera e Gustafson (quest’ultimo per Baselli), ed è proprio il classe ’97 a provarci immediatamente, ma il suo mancino finisce a lato. E’ l’ultimo sussulto degno di nota, termina 2-2 Torino-Sampdoria: granata che ci han provato di più, ma nella ripresa han peccato di poco cinismo.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Forvecuor87 - 2 mesi fa

    Oggi ho visto due squadre più o meno dello stesso livello. Ad oggi il Nostro problema sembra proprio essere il gioco… troppa confusione in fase offensiva facciamo fatica ad andare in conclusione, mi auguro davvero che si trovi una soluzione con il lavoro e il lavoro sulla tattica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mauro69 - 2 mesi fa

    Oggi abbiamo restituito quello che la buona sorte ci aveva benevolmente regalato domenica scorsa.
    Inutile recriminare: il Toro ha i punti che si merita.
    Quello che ancora manca è la continuità, non si può giocare a sprazzi, e la mentalità vincente, aspetti su cui c’è ancora molto da lavorare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. silviot64 - 2 mesi fa

    Commento alla Boskov: partita vinci se butti dentro palla. Troppe occasioni sprecate e troppa confusione là davanti. Percussioni centrali individuali che non portano a nulla, solo a perdere palla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Torogranata - 2 mesi fa

    Partita con poche cose positive e molte negative,ma che col tempo possono essere migliorate.
    Positivo il rientro di Baselli che a parte il gol molto bello ha dimostrato un buon affiatamento con Rincon,quando c’è tecnica è tutto più facile.
    Molti di voi criticano giustamente Niang,ovviamente non può essere questo un giocatore che serve al Toro se continua cosi,ma ricordo che anche Liajc l’anno scorso ad inizio campionato aveva lo stesso atteggiamento,teneva troppo palla e sopratutto non rientrava in difesa,ora sta tutto a Miha fargli capire che deve sacrificarsi per la squadra.
    Per il resto gli infortuni a centrocampo ci hanno penalizzato, e vedo Falque troppo timido sotto porta ho quando va al tiro,ma quello che mi preoccupa maggiormente è la scarsa cattiveria che ancora vedo sotto porta del Gallo,spero sia dovuta ancora da una scarsa condizione atletica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. michelebrillada@gmail.com - 2 mesi fa

    con questa velocita con questo non gioco con questo niang sarà bene salvarci in fretta altro che uefa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. cugio - 2 mesi fa

      ahahah non c’è più limite alle stupidate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mazede70 - 2 mesi fa

        ridi ridi, vedrai quante belle risate !!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mazede70 - 2 mesi fa

    squadra da 7 posto se tutto va bene, se non si dovrà contare sui panchinari !! Peccato non aver preso Zapata !! Su Niang preferisco tacere, almeno fino a dicembre !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. stevetoro - 2 mesi fa

    insistere su de silvestri è angosciante, il centrocampo non puo fare a meno di acquah e obi,la vedo dura arrivare in europa con berenguer che sembra bocciato e niang che vale al massimo 3 milioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Torogranata - 2 mesi fa

    Partita con poche cose positive e molte negative,ma che col tempo possono essere migliorate.
    Positivo il rientro di Baselli che a parte il gol molto bello, nel primo tempo ha dimostrato un buon affiatamento conRincon,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Brescipi - 2 mesi fa

    Siamo troppo Liajic dipendenti e non abbiamo nessuno che osa tirare da lontano ho di dribblare.Certi Giocatori che hanno la Tecnica non la usano. Sotto Porta a posta di tirare di Potenza di utilizzare la Finezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy