Torino-Sampdoria, 90 minuti praticamente perfetti

Torino-Sampdoria, 90 minuti praticamente perfetti

Torino-Sampdoria 5-1 / Partita storica del Toro che gioca perfettamente e annienta la Sampdoria

La partita di ieri è stata una grande ubriacatura di emozioni una dietro l’altra, un successo netto oltre ogni aspettativa e speranza.

La Sampdoria che arrivata all’Olimpico era una squadra compatta, quadrata e tosta da affrontare, specialmente per un Torino che non aveva avuto un grande contributo dagli attaccanti fin qui. Invece il calcio è imprevedibile, o forse no. Ventura prepara in maniera perfetta la gara, mettendo in campo gli uomini giusti ed azzeccando i cambi. I granata hanno un paio di grandissimi pregi e li fanno entrambi valere contro la Samp. Ottima difesa, una delle migliori del campionato, ed una incredibile abilità a battere i calci d’angolo. I primi due gol sono figli della bravura sui calci d’angolo, mentre la resistenza agli attacchi della Samp sono una medaglia che la difesa tutta può appuntare al proprio petto. Dato significativo e, finalmente positivo, è il gol su calcio di rigore dopo un digiuno che durava da mesi in campionato. Quagliarella si è preso le sue responsabilità ed ha battuto un colpevole Viviano che non riesce a deviare un tiro non irresistibile del numero 27 granata, il risultato che resta è l’interruzione del digiuno dagli 11 metri.

Tante le notizie positive, come deve essere dopo una gara dominata in questa maniera, ma il Toro fa ancora un po’ di fatica nella manovra corale offensiva, però l’inserimento di Maxi Lopez aiuterà sicuramente a migliorare in questo aspetto. Adesso il Toro aspetta novità dal mercato, ma, per la prima volta in questa stagione, può guardare alle squadre che ha davanti senza preoccuparsi eccessivamente di quelle che ha alle spalle.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy