Torino-Sampdoria, un anno fa fu Quagliarella-show: storico 5-1 all’Olimpico

Torino-Sampdoria, un anno fa fu Quagliarella-show: storico 5-1 all’Olimpico

Verso Torino-Sampdoria / Il ricordo dell’altisonante successo dei granata del primo febbraio scorso: doriani stesi dalla goleada della truppa di Ventura

2 commenti

Il Torino si appresta ad ospitare la Sampdoria in quello che sarà il quarto impegno delle rispettive compagini nell’attuale campionato. I blucerchiati giungono all’Olimpico memori dell’ultimo precedente: un 5-1 da sogno per i granata, da incubo per gli uomini allora allenati da Mihajlovic.

E’ il primo febbraio 2015 e gli uomini di Ventura sono reduci da due successi consecutivi ai danni di Cesena e Inter, mentre la Sampdoria occupa stabilmente la quarta posizione della graduatoria ed ha appena messo a segno il colpo di mercato Eto’o. Dalle premesse sarebbe lecito attendersi una gara equilibrata, ma una volta iniziato l’incontro si intuisce subito come Glik e compagni godano di una forma fisica e mentale nettamente migliore. Nei primi minuti di gioco, il Toro si piazza stabilmente nella metà campo doriana e allo scoccare del 15esimo minuto riesce a sbloccare meritatamente ed inevitabilmente il risultato con un tocco ravvicinato di Quagliarella, invitato a rete da una spizzata di Moretti sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Passata in svantaggio, la Samp non riesce a reagire, anzi, concede esattamente alla mezz’ora un calcio di rigore per una vistosa trattenuta di Silvestre su capitan Glik. Dagli 11 metri, è ancora il Quaglia ad andare a segno: il risultato è già chiuso. La prima frazione di gioco termina sul risultato di 2-0 per il Toro.

Quagliarella sblocca la partita dopo 16 minuti (foto Dreosti)
Quagliarella sblocca la partita dopo 16 minuti (foto Dreosti)

Nel secondo tempo il copione non cambia: i blucerchiati patiscono l’atteggiamento aggressivo e la lucidità nelle giocate dei granata, i quali al minuto 19 calano il tris con la tripletta personale del bomber di Castellamare, imbeccato da uno splendido passaggio di Benassi. Finita qui? Assolutamente no, perché negli scampoli finali Ventura concede una standing-ovation alla punta campana ed inserisce Amauri. Appena entrato, l’italo-brasiliano mette a segno la rete del 4-0 con una conclusione da posizione ravvicinata (sarà il suo unico gol in campionato). La Samp con un moto d’orgoglio realizza il gol della bandiera (colpo di tacco di Obiang che sorprende Padelli), ma è solo il preludio alla pregevolissima firma di Bruno Peres che dopo un azione insistita delle sue entra in area e insacca il pallone del definitivo 5-1.

Amauri realizza il gol del momentaneo 4-0 (foto Dreosti)
Amauri realizza il gol del momentaneo 4-0 (foto Dreosti)

Una vittoria altisonante che rilancia il Toro in ottica Europa League, ma soprattutto un risultato che ha dello storico: era dal 25 novembre 2001 che il Toro non realizzava 5 reti in casa in Serie A (all’epoca sconfisse con il medesimo parziale il Verona) ed è la prima volta che i granata riescono a superare i doriani con un passivo così pesante.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. F.V.C.G. - 2 anni fa

    un altro 5 a 1 non mi farebbe schifo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pupi - 2 anni fa

    Va bene anche uno sofferto 1-0…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy