Torino-Sampdoria: una partita dal sapore europeo

Torino-Sampdoria: una partita dal sapore europeo

Domenica si incontrano due squadre che nelle ultime stagioni si sono qualificate entrambe in Europa League per il rotto della cuffia ma che all’interno della competizione hanno avuto un rendimento opposto. Un’occasione in più per il Toro per dimostrare di essere più forte, in una partita che ormai fa pensare all’Europa

1 Commento
Formazioni Bruno Peres

Da una parte l’eliminazione agli ottavi di finale contro lo Zenit San Pietroburgo, riuscendo a sfiorare l’impresa nella partita di ritorno; dall’altra la sconfitta al terzo turno preliminare contro il Vojvodina, a causa di un umiliante 0-4 rimediato nella partita di andata: è in questi due risultati contrapposti che emerge la gioia e l’orgoglio del tifoso del Toro per le imprese europee della propria squadra a confronto con la disfatta vissuta dal pubblico sampdoriano, per altro proprio all’Olimpico di Torino. Un esito così diverso per due campagne europee nate in maniera pressoché identica, avendo beneficiato entrambe le squadre delle sfortune altrui: il Toro ammesso in Europa League due campionati fa grazie ai guai finanziari del Parma; la Samp favorita la scorsa stagione dalle disattenzioni burocratiche dei cugini del Genoa.

Torino-Athletic Bilbao
I giocatori del Toro festeggiano il gol di Maxi Lopez contro l’Athletic Bilbao nella partita di andata dei sedicesimi di finale di Europa League dello scorso anno (foto: Dreosti)

Torino-Sampdoria è ormai una sfida dal forte sapore europeo, che accende ancora di più una rivalità tra le due tifoserie già molto sentita. Dopo il testa a testa dello scorso campionato per entrare in Europa e dopo la scelta dei liguri di venire a giocare a Torino il preliminare di Europa League terminato con una sonora batosta, la partita di domenica pomeriggio assume ancora più fascino, visto che le due squadre anche quest’anno puntano allo stesso obiettivo e sono entrambe partite molto bene in campionato.

L'esultanza di Acquah in Verona-Torino
Acquah esulta dopo la sua rete in Verona-Torino: per i granata in tre partite l’ottimo bottino di 7 punti conquistati. Esattamente come la Sampdoria (foto: Getty Images)

È vero che ci apprestiamo a vivere solo la quarta tappa di una lunga maratona e che ciò che ha espresso finora la classifica fa testo fino ad un certo punto, visto che alcune squadre devono ancora trovare i giusti automatismi e la graduatoria è influenzata anche dagli abbinamenti che si sono verificati in queste prime giornate; Toro e Sampdoria hanno però fino ad ora ampiamente meritato la posizione che occupano in campionato e lo scontro diretto di domenica può risultare interessante anche nell’ottica di una sfida per le posizioni ‘europee’.  Vincere uno scontro diretto (come quello di domenica è a tutti gli effetti) infatti è sempre molto importante per il morale e per mandare un messaggio psicologico agli avversari; soprattutto poi permetterebbe a chi dovesse uscire dall’Olimpico con i tre punti in tasca di continuare la striscia positiva di risultati. Né Ventura, né Zenga hanno intenzione di fermarsi adesso dopo il bell’avvio delle proprie squadre e anche se a maggio mancano ancora tanti mesi il desiderio di Europa è già lì che naviga nei pensieri dei tifosi.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxmurd - 2 anni fa

    Apunto loro in EL nemmeno ci sono entrati!! Sarà il caso quest’anno di non farceli tornare, o perlomeno di farli star dietro, perchè è un posto sprecato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy