Torino-Sassuolo, Di Francesco: “Loro solidi e preparati, vogliamo migliorare”

Torino-Sassuolo, Di Francesco: “Loro solidi e preparati, vogliamo migliorare”

Conferenza stampa / Il tecnico neroverde: “Il rinnovo? Sono felice. Abbiamo lasciato troppi punti per strada: siamo in difficoltà numerica”

Di Francesco. Sassuolo, Torino

Domani pomeriggio, per la prima volta allo “Stadio Grande Torino”, andrà in scena la sfida tra i padroni di casa guidati da Ventura ed il Sassuolo di Di Francesco. Proprio il tecnico dei neroverdi, che hanno vissuto una stagione da protagonisti di questo campionato, ha presentato così l’incontro in conferenza stampa.

Comincia subito parlando del recentissimo rinnovo, il tecnico degli emiliani: “Avrei preferito firmare dopo una vittoria, avrebbe dato ancora maggiore entusiasmo. Ma il rinnovo sta a significare che credo in questa società, nella progettazione, nella serietà delle persone che ci sono qui. E poi sulla mia scelta hanno influito anche i tifosi, perché mi fanno sentire importante. Futuro? La volontà è quella di migliorarsi: mia e della società. Vogliamo fare qualcosa in più, che non vuol dire arrivare terzi o quarti come pensa la gente, perché non è mai facile: significa invece dare continuità all’idea di gioco, al far crescere giovani interessanti, anche migliorando certi reparti”

Di Francesco esamina poi il risultato ottenuto contro la Sampdoria nell’ultimo turno ed il periodo generale della propria squadra: “Ultimamente abbiamo lasciato molti punti per strada e c’è grandissimo rammarico vedendo anche il risultato del Milan. Ma questo ci deve far guardare avanti e non indietro. Siamo cresciuti molto nella gestione del pallone, ma bisogna essere concreti e determinati sotto porta, lo dico dall’inizio dell’anno e dobbiamo continuare a farlo. Per il resto dobbiamo guardare con ottimismo alle prossime partite”

“C’è quindi rammarico ma questo deve servirci da ulteriore motivazione: penso che al di là dei risultati del Milan, questa squadra deve giocare fino alla fine per mantenere prima di tutto il settimo posto, essere a 49 punti a quattro giornate dalla fine deve essere un orgoglio. Nello stesso tempo grazie al Carpi possiamo ancora sperare, ma dipende più da noi che dalle altre”

Il tecnico degli emiliani passa poi ad analizzare la sfida in programma domani, contro il Torino: “Penso che sarà una bella gara, contro una squadra solida in un ottimo stato di forma, e con un tecnico che ha grandissima esperienza. Noi cercheremo di andare a fare la nostra partita, nonostante le grandi difficoltà che ho nelle scelte perché oggi ci siamo allenati in quindici, contando i due ragazzi della Primavera che ormai stanno con noi con continuità. Questo fa capire il nostro momento”

Da qui si apre il discorso giocatori: “Defrel è stato operato dopo la frattura al naso rimediata contro la Sampdoria: non ci sarà a Torino e forse nemmeno col Verona. Ha subito una brutta botta, e anche l’operazione è stata importante”

“Cosa ho detto a Berardi dopo il rigore sbagliato?” prosegue poi Di Francesco “Quasi niente, Domenico è un giocatore di grandissima qualità e se anche quest’anno gli riesce un po’ meno quello che ha fatto negli anni passati, bisogna ricordarsi l’età che ha e quello che ha fatto per noi. Penso sia relativo parlare solo del suo rigore sbagliato. Potevamo fare gol prima nelle tante occasioni che ci sono capitate. Non so se rimarrà e non parlo di mercato, ci sono tante situazioni legate a Berardi. La mia permanenza non è legata a nessun giocatore”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy