Torino: se non segnano Belotti e Immobile…

Torino: se non segnano Belotti e Immobile…

Approfondimento / Mancano reti da difesa e centrocampo: dal ritorno di Ciro ad oggi, l’unico ad avere dato contributi oltre ai due attaccanti è Benassi

La partita contro il Milan a San Siro ha visto il Torino giocare con buona personalità. La squadra granata ha impensierito il Milan e avrebbe potuto portare a casa un punto se, nel primo tempo, Belotti e Immobile avessero concretizzato le occasioni avute: specie in stadi come San Siro, se non si va in vantaggio quando se ne ha l’occasione è quasi fisiologico pagare dazio successivamente. Ma non si può gettare la croce addosso ai due attaccanti.

Belotti, Le pagelle di Milan-Torino

Belotti e Immobile formano la coppia dell’attacco granata da nove partite. Hanno prodotto insieme otto reti delle undici segnate dalla squadra di Ventura, da quel Torino-Frosinone in poi; le altre tre (due segnate da Benassi e un’autorete) hanno visto comunque uno dei due entrare da protagonista nell’azione. Un rendimento non travolgente, ma comunque sufficiente. Il problema è che non sono supportati dal resto della squadra. Marco Benassi è l’unico giocatore del Torino non-attaccante ad avere visto la porta di recente; per trovare un altro goal realizzato da un giocatore di altri reparti, occorre risalire a Torino-Bologna del 28 novembre, quando Vives chiuse la partita nei pressi del novantesimo.

Le reti segnate dal Torino dal ritorno di Immobile
Partita Rete Assist
Torino-Frosinone Immobile (rig)     –
Belotti Immobile
Belotti Maksimovic
Benassi Belotti
Sassuolo-Torino Belotti Benassi
Sampdoria-Torino Belotti Immobile
Belotti Immobile
Torino-Chievo Benassi Immobile
Palermo-Torino Immobile (rig)
autorete Peres
Immobile

Mancano del tutto reti dei difensori da palle inattive; i centrocampisti non riescono ad inserirsi né a tirare da fuori (l’eccezione, come detto, è rappresentata da Benassi). Per non parlare dell’astinenza da goal degli altri attaccanti della rosa di Ventura, cioè Maxi Lopez e Martinez. Il Torino si regge quindi del tutto sulle spalle dei suoi due attaccanti; sono loro due, con le loro giocate personali, a dover portare i granata fuori dalle secche. E’ normale che, in una squadra di calcio, siano gli attaccanti ad avere i maggiori incarichi realizzativi, ma sono troppo pochi nove goal segnati dai centrocampisti e tre dai difensori. Insomma: mancano soluzioni diverse dal “palla a Belotti e Immobile”.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawda - 11 mesi fa

    Il problema del goal non e’ solo di oggi anche lo scorso campionato segnare era un problema enorme, in parte risoltosi con l’arrivo di Maxi a gennaio. Credo sia un insieme di cause dovute ai giocatori, perche’ tolto Immobile che pero’ e’ arrivato fuori condizione, non abbiamo nessuno che veda la porta, tecnico perche’ con un centrocampo incapace di costruire e verticalizzare anche avere delle occasioni diventa problematico di schemi perche’ se si gioca solo sulle fasce, e spesso solo su una, ovviamente e’ facile per gli avversari riuscire a fermare le azioni. Poi e’ vero che Glik lo scorso anno aveva segnato tanto ma era assurdo pensare che si ripetesse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. stto1962 - 11 mesi fa

    qualcuno mi spiega perchè non sappiamo mai dove passare la palla sul fallo laterale? Avete visto i milanisti quanti metri si prendevano senza che nessuno protestasse? Avete visto i pigiamati come protestavano se gli interisti provavano a prendere metri? Dettagli importanti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RDS- toromaremmano - 11 mesi fa

    Mancano le reti da palle inattive di Glik e in generale dei difensori, non abbiamo ancora trovato dopo un anno un buon battitore di corner. Mancano inoltre i gol su calcio di punizione dal limite ma questo è un problema atavico, l’ultimo fu di Quagliarella l’anno scorso contro l’Atalanta andando indietro l’ultimo che ogni tanto segnava era Rosina, ma possibile non si è ancora capito ne trovato che uno specialista alla fine dell’anno porta punti preziosi.
    E’ chiaro che se segnano solo le punte è sinonimo che giochiamo benino (non bene) solo in contropiede, e questo vuol dire che oramai lo schema o modulo o come cavolo lo volete chiamare è straconosciuto, tutti lo conoscono e sanno come bloccarlo, il nostro gioco ( visto che i centrocampisti non hanno ne geometria ne fantasia) si sviluppa sulle fasce, se poi aggiungiamo che Peres non azzecca piu’ un cross decente (forse arriva spompato al cross) gli altri Zappacosta e Molinaro su dieci ne indovinano uno e G.Silva è un difensore puro e non un tornante, il gioco è fatto.
    Secondo me, parere personale (da incompetente e come direbbe Ventura non conoscitore di calcio) questa squadra e’ nata male e costruita peggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 11 mesi fa

      PS. Fra i crossatori dimenticavo forse il migliore (Avelar) lì il destino è stato infame, ma purtroppo gli infortuni fanno parte del gioco e comunque la sostanza non cambia, i nostri centrocampisti non sanno verticalizzare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Puliciclone - 11 mesi fa

    Quagliarella segna sempre da quando l’abbiamo cacciato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 11 mesi fa

      Gli auguro di continuare a segnare, ma sinceramente non mi manca

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy