Torino si gode il Gallo 2.0: così la rovesciata diventa “alla Belotti”

Torino si gode il Gallo 2.0: così la rovesciata diventa “alla Belotti”

Focus on / Prestazioni e numeri da trascinatore: così Belotti è diventato da bomber a uomo-squadra. E la rovesciata diventa un marchio di fabbrica

di Nicolò Muggianu

Bomber, leader e trascinatore: il Torino si gode il nuovo Belotti 2.0. Una doppietta (e che doppietta) che tiene la squadra di Mazzarri attaccata al treno Europa League in un pomeriggio complicato, l’ennesima prestazione a tutto campo e una rovesciata identica a quella del 27 agosto 2017. Sempre in casa, sempre contro il Sassuolo, ma questa volta ancora più decisiva.

ROVESCIATA – Dalla prima chilena di Pelé alla rovesciata di Carlo Parola, divenuta iconico simbolo del noto album di figurine Panini, la rovesciata attraversa tutta la storia del calcio. In mezzo Djorkaeff, Van Basten, Rooney, Cristiano Ronaldo, Ibrahimovic, Quagliarella e tanti altri: esponenti di grande talento che hanno fatto la storia del gesto tecnico più tentato e più ambito dai giocatori di tutto il mondo e di tutte le età. Una cerchia ristretta di cui fa parte anche Andrea Belotti, divenuto ormai massimo esponente del calcio nostrano. Un vero e proprio marchio di fabbrica il suo, provato più volte nel corso della stagione e trasformato nel gol più bello contro il Sassuolo. La fotocopia di quello con cui il 27 agosto 2017 aveva battuto Consigli, sempre nella stessa porta: cross proveniente da destra, corpo orientato a trequarti rispetto alla sfera e conclusione volante che finisce nell’angolo. E se un indizio può rappresentare un caso, due iniziano a essere una prova: ecco perché parlare di “rovesciata alla Belotti” a questo punto può diventare una realtà.

I NUMERI – 15 gol in stagione (di cui 8 nel girone di ritorno), 13° doppietta con la maglia del Torino (tra campionato e Coppa Italia) ed eguagliata una leggenda come Ezio Loik a quota 70 nella classifica dei marcatori all-time della storia granata. Da aggiungere all’ormai consolidato 5° posto nella classifica dei goleador del Torino in Serie A (a quota 63 gol, staccati Ossola e Silano a 60). Numeri da bomber vero, ma non del tutto esplicativi dell’importanza di Belotti in campo. Mazzarri lo ha trasformato da puro goleador a uomo-squadra, un punto di riferimento a tutto campo. Utile ai compagni e decisivo sotto porta: è lui il vero simbolo del Torino di Mazzarri, già andato oltre ogni record e sempre più lanciato verso il sogno Europa League. Sullo sfondo c’è anche l’obiettivo di ritrovare la convocazione in Nazionale. E con prestazioni come quella vista ieri sembra impensabile che Mancini possa fare a meno di lui ancora per molto. Prima però testa alle ultime due “finali”, in cui il Torino si giocherà tutto: “Adesso non mi voglio fermare – ha detto Belotti nel post partita di ieri – voglio fare ancora moltissimi gol“. Le difese di Empoli e Lazio sono avvisate.

Torino, quota 60 punti non si toccava dal 1948-49. Ma per l’Europa non basta

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Wallandbauf - 1 settimana fa

    Comunque a mente fredda, ieri è stato dimostrato che se si creano azioni da gol in buona misura il Gallo segna…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabio.tesei6_13657766 - 1 settimana fa

    No avrei mai creduto che a 50 anni si poteva avere ancora un idolo che mi fa venire gl’occhi gonfi dall’emozione. E poi vedere mio figlio che prova ad emularlo non ha prezzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 1 settimana fa

    Io auguro a Belotti e a noi altri 100 goal così e di rimanere con noi fino alla fine della sua carriera,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13999465 - 1 settimana fa

    Ma vi siete dimenticatI di un certo PAOLO PULICI detto PULICICLONE…….
    Per lui era la normalità.
    Comunque grande Andrea GALLO Belotti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ottobre1955 - 1 settimana fa

    Belotti l’anno scorso è stato “gestito” male, l’hanno fatto giocare anche quando non aveva recuperato dai sui guai fisici,è pur sempre l’attacane che subisce più falli del campionato e fa ammonire due aversa a partita. È il Capitano ed è nosto!!! Chi ha vinta in Europa delle squadre Italiane! La filosofia del Presidente mantenere i più forti e puntellare la squadra è Vincente, a chi non sta bene se ne faccia una ragione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Aiax76 - 1 settimana fa

    Ho capito che è tornato quello di due anni fa quando ha calciato il rigore… La mia è naturalmente solo una battuta… Prima che qualcuno si senta offeso.. Col Gallo tutta la vita se è disposto ad una carriera senza trofei. Questa pultroppo non era una battuta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 1 settimana fa

      Caro Ajax…te lo dico con il massimo rispetto: hai detto una serie di PIRLATE!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. SiculoGranataSempre - 1 settimana fa

    Lasahna, Inglese, Kean. Provateci voi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13963758 - 1 settimana fa

    meglio che mancini convochi kean balo e pavoletti! mancini nn capisce un kzz di calcio, è un povero gagà frùfrù

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13962533 - 1 settimana fa

    È un uomo squadra e attaccante di razza! Solo quel coglione di Mancini non l’ha capito…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Junior - 1 settimana fa

    Andrea soffre solitudine la davanti ma nel momento in cui la squadra posta il baricentro di 10 metri, lui è incontenibile.
    Cmq
    1. Facciano crescere Zaza o trovassero un partner più adatto.
    2. Migliorasse nei rigori
    E abbiamo il nuovo puliciclone. Bravissimo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rayo - 1 settimana fa

      Esatto. Assolutamente d’accordo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ProfondoGranata - 1 settimana fa

      Facciamo crescere Zaza.
      Perchè è uno che si sacrifica come Belotti.
      Perchè ha scelto di venire al Toro.
      Perchè lui e Belotti si trovano bene a giocare insieme.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. PrivilegioGranata - 1 settimana fa

    GALLO SPACCATUTTO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. suoladicane - 1 settimana fa

    Avete dimenticato il migliore in quel gesto. E giocava nel Toro. Che tristezza che fate citate i gobbi e vi dimenticate di PUPI

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy