Torino, Sirigu: il para-rigori di livello europeo che si oppone alla deriva

Torino, Sirigu: il para-rigori di livello europeo che si oppone alla deriva

Focus on / Altra grande prestazione del portiere ex-PSG che sta tornando su livelli altissimi: il Torino non deve farselo scappare e Cairo ha pronto un nuovo contratto

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

La stagione che si sta per concludere porterà a diverse inevitabili riflessioni in casa Torino, tra cui la convinzione che per poter ambire a lidi migliori del decimo posto che maturerà con tutta sicurezza in questa stagione, la rosa del Toro dovrà subire un forte restyling. Come ha dichiarato lo stesso presidente Urbano Cairo, il Torino non è tutto da buttare e potrà ripartire da alcune basi solide. Una di queste è rappresentata sicuramente da Salvatore Sirigu, che giornata dopo giornata diventa sempre più fondamentale e sta conducendo una stagione a livelli importantissimi dal punto di vista personale. Contro la Lazio è stato l’unico granata ad opporsi a quella che avrebbe potuto essere una sconfitta ben più larga, mettendo una serie di toppe alle falle di una squadra scarica, spenta e senza più motivazioni.

LEGGI – Cairo blinda Sirigu: “Gli faremo un nuovo contratto”

PARARIGORI – I numeri del portiere granata sono da capogiro. Quello di Luis Alberto è il terzo rigore parato su quattro in Serie A nel 2018, dopo quelli a Pulgar del Bologna e Veretout della Fiorentina: nell’anno solare nessuno nei 5 maggiori campionati europei è meglio di lui. Le sue virtù di para-rigori, tra l’altro, non si scoprono oggi, se si pensa che un anno fa – durante la sua esperienza in Spagna all’Osasuna – Sirigu parò addirittura 2 rigori in meno di due minuti in un match contro l’Atletico Madrid. Con 35 presenze all’attivo è stato sempre presente in campionato e ha subito 42 goal. Per fare un paragone, Hart durante lo scorso campionato ha subito la bellezza di 64 goal in 36 presenze mentre Padelli nell’ultima stagione da titolare al Toro vantava uno score di 50 goal subiti in 35 partite. La differenza è già percepibile nei numeri, ma si comprende andando a rivedere la moltitudine di goal salvati dal portiere. Sirigu fa la differenza e il Torino ha finalmente blindato la porta dopo diverse stagioni in cui l’estremo difensore era diventato un problema: ora non deve farselo sfuggire.

RINNOVO – Sirigu ha il contratto in scadenza nel 2019, ed è inevitabile che prossimamente si dovrà intavolare la discussione per un rinnovo. Nel post partita di ieri il presidente Cairo ha ribadito l’intenzione di prolungargli il contratto: perdere un portiere di questa caratura, per giunta ad un prezzo modesto rispetto al suo valore, sarebbe un peccato mortale. Il portierone di origini sarde ha spesso tenuto in piedi la baracca in questo campionato e anche contro la Lazio solo la sua prova superlativa ha evitato un passivo più pesante. Le sue prestazioni l’hanno riportato anche in orbita nazionale, da cui era uscito in virtù dello scarso utilizzo negli ultimi tempi in Francia e poi in Spagna. L’aria di casa gli ha fatto bene e Sirigu ha dimostrato di essere ancora al top nel suo ruolo, non solo in Italia ma anche in Europa.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. pinomu_368 - 6 mesi fa

    grande acquisto che si tramuta in ottima plusvalenza per braccino. Poi ci saranno i cortigiani di turno che diranno Milinkovic Savic è più forte di Sirigu. Andando avanti così del cuore TORO non resterà nulla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 6 mesi fa

    Quando giocatore vale piu’ di prezzo di acquisto vendere subito. Cit. Cairo-Boskov che poi fa la fine del Gallo e mi si deprime a giocare in questa squadra di merda un altro anno

    tanto MSavic e’ buono dai, facciamo soldi che piace, w il bilancio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toro71 - 6 mesi fa

    Sirigu merita sicuramente un top team non certo il Toro attuale. Poi è normale che si possa incazzare con Belotti che nelle ultime 2 partite non ha mai tirato in porta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. WGranata76 - 6 mesi fa

    Una società seria ha due possibilità entrambe valide se vuole cercare risultati sportivi:

    Puntare su Sirigu e quindi rinnovare già quest’anno senza aspettare. A questo punto con meno soldi in cassa si dovrà puntare ad un programma sportivo più lento, magari integrando i migliori elementi della primavera e puntare all’europa in due anni con la crescita di quest’ultimi.

    Oppure vendere Sirigu, ma ad un prezzo molto buono almeno 20 milioni per reinvestire in ulteriori acquisti e puntare subito il prossimo anno all’europa. Considerando che il nostro Milinkovic è comunque un ottimo elemento.

    Punterei sulla prima opzione comunque e chiederei al serbo di avere pazienza o fare un anno in prestito in una neo promossa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 6 mesi fa

      Non ho capito perché ci sarebbero meno soldi in cassa. Un progetto più lento? Il nostro già mi sembra tra i più lenti della storia. Qui ci vuole la pazienza di giobbe. Con cinquanta milioni di euro in cassa il nostro presidente è ora che faccia la sua parte ne metta un altra trentina, qualche svendita di paracacarri per tirare su una ventina di milioni et voilà, cento milioni per il mercato. Questo significa credere nella crescita il resto sono puttanate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bilancio - 6 mesi fa

        Non lo farebbe neanche sotto ipnosi con jucas casella consigliato dal piu tifoso tra noi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Junior - 6 mesi fa

    abbiamo fatto un salto di qualita’ non da poco. ci ha risolto situazioni che qualche anno fa sarebbero risultate in goleada….e sapete a chi mi riferisco…
    Salvatore ha davvero onorato la maglia, onore a lui e contratto subito. non facciamocelo scappare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dukow79 - 6 mesi fa

    Ottimo portiere ma il rigore di ieri lo prendevo anche io…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dukow79 - 6 mesi fa

      Quando sei abituato a Padelli ogni parata ti sembra un miracolo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy