Torino, solo 1 punto in casa delle grandi: bisogna migliorare

Torino, solo 1 punto in casa delle grandi: bisogna migliorare

Il dato / I risultati si raggiungono contro le piccole, ma vittorie a sorpresa donano punti e morale

3 commenti
torino

Il Torino, al momento, si trova con 10 squadre davanti in classifica. I granata sono andati a giocare in casa di cinque di queste, respinti con perdite, spesso e volentieri. Certo, non si chiede al Toro di tornare costantemente con il bottino pieno dalle mura amiche delle grandi perché altrimenti, invece che all’Europa League, si dovrebbe puntare senza se e senza ma allo Scudetto. Certo è che però trovare il risultato positivo contro le corazzate del campionato dona, al di là dei canonici tre punti, anche entusiasmo e morale, permettendo di affrontare con serenità – da non confondersi con presunzione – anche i match seguenti contro le cosiddette piccole, i match nei quali si scrive spesso il risultato di una stagione.

Cinque partite esterne, si diceva. In ordine di classifica: Napoli, Juventus, Sassuolo, Lazio, Chievo. L’unico punto proviene dalla recente sfida contro i neroverdi, mentre fino ad allora erano arrivate quattro sconfitte. Dura da digerire soprattutto quella nel derby, arrivata – di nuovo – allo scadere dell’ultimo minuto, come quella della Lazio, forse una delle peggiori partite messe in campo dal Torino di quest’anno, con i biancocelesti – parenti marziani della squadra insicura di oggi – che seppellirono i granata 3-0, il passivo più pesante della stagione in campionato. La sconfitta contro i partenopei, invece, è arrivata nel momento più difficile dei granata, al rientro delle vacanze invernali, ma la prestazione degli uomini di Ventura non fu da condannare. Lascia l’amaro in bocca, invece, l’incontro con gli uomini di Maran, in quello che era il miglior momento della stagione del Torino: tre punti che avrebbero potuto dare un’altra dimensione alla stagione di Glik e compagni.

La rete di Castro che ha regalato i 3 punti al Chievo
La rete di Castro che ha regalato i 3 punti al Chievo contro il Torino

Insomma, uno score piuttosto deludente, che la gara contro la Fiorentina ha lo scopo di migliorare: le due squadre arrivano da periodi di forma differenti (i granata da 4 punti in due partite, la Viola dalla sconfitta contro il Milan e con qualche striscione di troppo, leggi qua, sullo stomaco), e il Torino, in questo periodo, sta tornando alla possibilità di alzare nuovamente l’asticella, per regalarsi punti e morale, cosa che, quest’anno, è successa troppo di rado.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cecio - 1 anno fa

    Ahimè questa statistica fotografa un’indicazione molto chiara sul tipo di gioco che proponiamo quando giochiamo contro squadre più blasonate.
    Se sei troppo rinunciatario, le squadre tecnicamente attrezzate prima o poi ti segnano…bisognerebbe essere un pelo più spregiudicati per provare ad ottenere più punti fuori casa contro squadre più forti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. antonio.terreno@gmail.com - 1 anno fa

    Verona, Frosinone, Carpi, Palermo, Genoa, Bologna, Sampdoria, Udinese, Atalanta, Chievo, Empoli sono squadre dove i 3 punti sono d’obbligo.

    Fiorentina, Roma, Milan, Sassuolo, Lazio si fa quel che si puo’, magari un punto magari 3.

    Con la Rubentus discorso a parte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. wtoro - 1 anno fa

      Hai dimenticato l’inter

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy