Torino-SPAL 1-0: il trasformismo di Mazzarri batte l’organizzazione di Semplici

Torino-SPAL 1-0: il trasformismo di Mazzarri batte l’organizzazione di Semplici

Confronto allenatori / I tecnici schierano due squadre organizzate, ma Mazzarri la vince con il suo Toro camaleontico

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Quello che ha vinto contro la SPAL, è un Toro che sa adattarsi alle situazioni che la gara gli mette di fronte. La pioggia, la pausa e un’avversaria agguerrita ed organizzata non erano ostacoli da poco. Superandoli, il Toro ha incamerato i primi 3 punti del proprio campionato, mentre gli spallini hanno incassato la prima sconfitta. Il processo di crescita dei granata targati Mazzarri, continua e lo step ulteriore sarà la conferma contro l’Udinese, dopo la sosta. Intanto nella sfida di ieri sera è arrivata una vittoria voluta, cercata e difesa con i denti: nonostante qualche correzione da fare, Mazzarri può essere soddisfatto.

ORGANIZZAZIONE – Il derby toscano andato in scena ieri sera sulle panchine di Torino e SPAL, ha messo di fronte due tra i tecnici più meticolosi e preparati della Serie A. Mazzarri e Semplici non hanno tradito le attese, mettendo in campo due squadre pienamente consapevoli di quello che c’era da fare: Torino e SPAL sono apparse molto solide ed organizzate. Certamente il campo e le condizioni avverse non hanno permesso di vedere una partita troppo spettacolare, ma almeno tatticamente le due squadre (schierate – quasi – specularmente) hanno assolto pienamente il loro compito. Mazzarri però, ha cambiato sistema in corso risultando decisivo, mentre il passaggio al 4-3-3 di Semplici non ha portato risultati.

CAMALEONTICO – La sfida, infatti, l’ha vinta Walter Mazzarri e non solo per il punteggio. Il tecnico di San Vincenzo ha avuto la meglio sul proprio collega grazie alla caratteristica che sta cercando di imprimere su questo Toro: il trasformismo. E non nell’accezione negativa del termine, bensì in quella che è la migliore interpretazione possibile. Il Torino di Mazzarri sa cambiare pelle anche senza cambiare uomini in campo, e lo fa più volte in una partita. È una squadra che sa adattarsi ai momenti della gara, sa gestire le avversità e per questo riesce a vincere partite anche non giocando brillantemente. Il Toro è partito con una sorta di 3-4-3, che diventava 3-4-1-2 grazie alle incursioni centrali di Soriano e soprattutto grazie all’ingresso di Baselli. Non solo, l’ingresso di Zaza ha ‘appesantito’ ulteriormente l’attacco granata, cambiando ancora una volta lo stile di gioco, pur non cambiando lo schieramento. È proprio questa la peculiarità del Toro, saper cambiare pelle per adattarsi ai momenti: così Mazzarri ha vinto la sfida contro Semplici.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Trasformismo? Noi abbiamo segnato, loro no. Meritatamente. È stato un Toro sprecone che ha rischiato il pari. Belotti ha calciato in porta 3 volte in prossimità dell’area piccola ma non ha fatto centro. Idem Zaza in una circostanza. Poi 3/4 contropiedi sprecati in maniera indecorosa. Occhio ragazzi che non sempre può andare bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. TOROHM - 2 mesi fa

    Bah……ieri sera non era facile giocare e ancor meno vincere.Con il campo in quelle condizioni la squadra più debole trae beneficio.
    Per me vittoria da squadra forte , sudata ma vittoria e 3 punti.
    Avete visto il bel gioco dei gobbi voi ?
    Con le cosiddette squadrette ad inizio campionato è dura per tutti quindi figuriamoci per noi che non abbiamo una rosa come quelle della Gobba e di Napoli inter o milan o Roma o Lazio.
    Ieri vittoria da grande.
    Siamo più forti della Spal e abbiamo vinto, non senza sforzo naturalmente e neanche dominando .Solo a tratti li abbiamo pressati in area ma nulla di trascendentale loro si difendevano bene e con Lazzari ripartivano ancora meglio.
    Alla fine questi 3 punti faranno la differenza.
    Se perdiamo con juve roma inter napoli lazio milan e con una tra atalanta fiorentina e samp ma vinciamo sempre con le altre sai quanti punti sono.
    19 giornate all’andata meno 7 (quelle con le più forti di noi) fa 12 che per 2 (ritorno) fa 24 che per 3 punti fanno 72 punti.
    Magari succedesse, con 72 punti europa sicura senza preliminari (l’Inter con questi punti l’anno scorso in Champions).
    Io penso che con questa rosa si debba ambire a battere le più deboli (qualche svarione ci può stare) e fare qualche sgambetto a qualcuna delle più forti.
    Per ora nella tabella di marcia siamo a +1 (il pari con L’Inter).
    Andiamo avanti e speriamo.
    FVCG sempre e comunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13980137 - 2 mesi fa

    sei sballato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Vanni - 2 mesi fa

    La partita è stata equilibrata con la capolista (che si salverà a spese di Bologna, Frosinone e Chievo). Pari possesso e pari occasioni, ma con due super parate di Sirigu contro una di Gomis. Il nostro goal su calcio d’angolo. Ripartenze (2) finite male. Le loro occasioni con gioco, con limiti di qualità. Lazzari ha fatto ammattire Ola tanto è che in avanti non si è visto. Meite è buono ma troppo lento e ieri ha giocato indietro in coppia con Rincon. Non abbiamo nessun tipo di gioco dalla metà in su. Se non cambia in un 3-4-1-2 faremo poca strada. La EL per me rimane un sogno. Non capisco per quale motivo sua stato preso questo allenatore che ha disfatto mezza squadra, con medesimi se non peggiori risultati. Vedremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 mesi fa

      Vedrai che questa squadra smentira’ il tuo pessimismo cronico caro Vanni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Riba - 2 mesi fa

    forse ho visto un altro match, ma non ho visto ne grandi schemi e nemmeno tutto questo trasformismo…poi non ho nemmeno visto un partitone. Meno male che abbiamo vinto per il resto aspettiamo a fare proclami

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. One plastic - 2 mesi fa

    Trasformismo=culo…italiano lingua fantastica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. toroscatenato - 2 mesi fa

      Sei Vanni??
      Ahahah scherzo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. One plastic - 2 mesi fa

        No sono plasticone , e sono di Roma.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. prawn - 2 mesi fa

    Udinese, Napoli e Atalanta, le prossime tre diranno molto sul nuovo toro targato WM, ieri c’era troppa pioggia, vero che e’ camaleontico, anche vero che e’ piu’ robusto ma con pur buona tecnica (soriano, meite, ma anche aina).

    Forse presto con l’udinese, Napoli cmq sulla carta molto forte, direi che con l’Atalanta capiremo se possiamo puntare all’europa, sara’ la sesta giornata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-14010151 - 2 mesi fa

    non che 1-0 sia poi così tanto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy