Torino, tempi ormai maturi: con il Napoli Zaza da subito a sostegno di Belotti

Torino, tempi ormai maturi: con il Napoli Zaza da subito a sostegno di Belotti

La situazione / L’infortunio di Iago Falque lancia la coppia d’attacco, tanto attesa, per la prima volta dall’inizio: sfida ideale per testare subito intesa e meccanismi

di Federico Bosio, @fedebosio19

Ha attirato l’attenzione mediatica sin dall’ultimo giorno di mercato, quando Simone Zaza è approdato all’ombra della Mole al fotofinish per diventare un nuovo giocatore del Torino, ed è stata una delle tematiche maggiormente toccate e chiacchierate di questo inizio di stagione: la convivenza dell’ex Valencia con Andrea Belotti per una coppia d’attacco potenzialmente esplosiva e fisicamente imponente, ma nella pratica tutta da provare e verificare. Le due punte hanno giocato in coppia in qualche occasione con la maglia della Nazionale, mentre in granata questo è capitato per “soli” 91 minuti nelle prime quattro partite di campionato: 19 contro la Spal, quando è arrivato l’esordio del centravanti lucano con la nuova maglia, e 72 sul terreno dell’Udinese dal momento in cui l’ultimo arrivato è subentrato all’infortunato Iago Falque.

Proprio sullo spagnolo ha finora preferito puntare Walter Mazzarri nel ruolo di seconda punta alle spalle del Gallo, un po’ per le caratteristiche tecniche più congeniali ad un determinato tipo di sviluppo dell’azione, un po’ per l’inevitabile maggiore bagaglio di esperienza in suo possesso: Falque è infatti alla terza stagione con la maglia del Torino e dunque vissuta in convivenza offensiva con Belotti, e conosce i diktat del tecnico toscano dallo scorso gennaio, quando egli subentrò a Mihajlovic. Impossibile e irreale pensare che Zaza possa aver assimilato la medesima conoscenza dal punto di vista della tattica e dell’intesa con il compagno nei suoi primi venti giorni nella nuova realtà, o poco più. Eppure i tempi sembrano essere maturi per osservare dal primo minuto la nuova coppia d’attacco del Torino all’opera. Il problema muscolare che ha costretto Falque ad abbandonare il campo della Dacia Arena anzitempo non è infatti ancora rientrato, e con ogni probabilità il giocatore non sarà presente domani contro il Napoli.

Un’assenza che lancia di fatto il nuovo arrivato come spalla di Belotti, e che proietta il duo all’esordio assoluto dal primo minuto in maglia granata: subito un incontro affatto semplice, quello contro i partenopei, e allo stesso tempo banco di prova particolarmente importante per oliare i meccanismi ma anche dimostrare già di aver affinato l’intesa e perfezionato la convivenza offensiva. La tradizione personale è positiva per entrambi, contro la squadra allenata da Ancelotti: sono quattro in sei precedenti le reti messe a segno dal Gallo con il Napoli; due invece quelle di Zaza in quattro gettoni. Il lunch-match domenicale si avvicina e l’attenzione non può che essere rivolta in gran parte a questa tematica, centrale e quanto mai attuale: si avvicina l’esordio dal primo minuto della coppia Belotti-Zaza, e la tifoseria granata freme per osservarli all’opera in quello che sarà un test particolarmente probante.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Kieft - 2 mesi fa

    Io speravo andasse in prestito ma adesso è l occasione di edera per iago ….zaza deve essere alternativa di belotti e poi vorrei vedere parigini nel ruolo occupato da soriano e baselli almeno 30 minuti e non 5! Col cazzo avremmo venduto barre a al Monaco per 10 milioni se non si faceva male molinaro…..i giovani devono giocare altrimenti gli roviniamo la carriera e anche la nazionale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Simone - 2 mesi fa

    In una settimana Zaza ha preso i ritmi partita?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. wally - 2 mesi fa

    se,come mi pare di avere visto, Zaza gioca più centrale, non vorrei che fosse Belotti a dovere fare da sostegno a lui..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. FVCG'59 - 2 mesi fa

    Personalmente, non li vedo giocare insieme, non si compensano ma sono l’alternativa uno dell’altro.
    Zaza e Belotti sono due centravanti che, se fatti giocare esterni, non hanno le qualità e caratteristiche per saltare l’avversario, crossare, e costruire l’azione: sono dei finalizzatori, spero…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy