È un Torino da svegliare: troppi gol presi ad inizio partita

È un Torino da svegliare: troppi gol presi ad inizio partita

L’analisi / Il problema si verifica spesso tra le mura amiche

di Marco De Rito, @marcoderito

Un Torino che sbaglia sbaglia spesso, queste prima dodici giornate. Mazzarri in più occasioni l’ha ripetuto ma il problema non sembra esser mutato. Su 15 gol subiti, 4 (il 27% sui 15 subiti totali) sono arrivati nei primi 10’.  Nella prima giornata di campionato, contro la Roma, il problema non si è verificato visto che il gol di Dzeko è arrivato in zona Cesarini. La prima avvisaglia è arrivata contro l’Inter, al 7’ è Perisic a punire i granata. Dopo due giornate arriva ci pensa Insigne a punire i granata al 4’. Nelle ultime due gare, contro Fiorentina e Parma, Benassi al 2’ e Gervinho al 9’ hanno trafitto Sirigu.

PROBLEMA TRA LE MURA AMICHE – Il problema sembra verificarsi maggiormente tra le mura amiche. Dove i granata hanno faticato di più in questa prima fase di campionato (3 sconfitte, 1 pareggio, 2 vittorie) e contro Napoli, Fiorentina e Parma sono andati sotto nei primi minuti di gara. Fuori casa il gol nei primi minuti di gara è arrivato solo nella gara contro l’Inter, contro l’Udinese i padroni di casa sono passati in vantaggio per prima ma dopo 28’.

CAMBIO MENTALITÀ  – Nella sosta questo problema deve essere corretto, ci vuole un cambio di mentalità radicale tra i granata. “Nel calcio moderno dobbiamo essere sempre concentrati, anche nel pressing alto”, spiegava Mazzarri nel post-gara contro il Parma. Il tecnico deve approfittare della pausa per lavorare sulla testa dei giocatori, per evitare di commettere gli errori che si sono commessi con i ducali: “abbiamo sbagliato a lavorare in settimana tutti, io per primo, dovevo  far vedere di più il pericolo”. Contro il Cagliari ci si aspetta una svolta nell’approccio alla partita che, tranne in qualche occasione, è spesso sbagliato da parte di Belotti e compagni.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Michele Nicastri - 4 mesi fa

    Il rimedio secondo me è il seguente:
    ogni volta che si perde, niente giorno di riposo, niente rientro a casa, si va dritti dallo spogliatoio a 6 giorni in ritiro a 400km da mogli, fidanzate, amici, parenti, figli ecc.
    6 giorni full immersion allenamento-colazione-allenamento-pranzo-allenamento-cena-sonno senza un minuto per pensare a nient’altro che corsa, tecnica, tattica, preparazione della partita successiva.
    Vedi poi come filano… e i cali di concentrazione spariscono…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rock y Toro - 4 mesi fa

      E frustate col gatto a nove code no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Immer - 4 mesi fa

    Abbiamo cambiato decine di allenatori e la sostanza non è cambiata perciò stavolta non ce oho con Walter l’unico colpevole è e sarà sempre lui tutti lo sanno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granatissimo1973 - 4 mesi fa

    Si Mazzarri vattene, prendiamo Longo o Nicola e torniamo in B, perche’ se al Toro fallisce anche un allenatore bravo come Mazzarri nel giro di 2/3 anni è li’ che torniamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 4 mesi fa

      Ma va a caghè…!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Riba - 4 mesi fa

      Un allenatore bravo come Mazzarri??????? Ma davvero pensi che Mazzarri sia un bravo allenatore? Se lo dici tu…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hagakure - 4 mesi fa

        Lascia perdere, Riba, anche perchè basta leggere il suo curriculum (come bastava leggere quello del serbo, peraltro) per capire che non ha mai vinto nulla, che mai vincerà qualcosa e che è un perdente nato. (Zero Tituli)

        Ma in fondo la colpa non è nenache del tutto sua, poichè è bracciamozze che li sceglie e lui li vuole incompetenti, perdenti e soprattutto negativi in campo, fuori e verso i giocatori, in modo tale che, al di là di una salvezza tranquilla e di un campionato anonimo e mediocre, non corra il rischio di dover tirare fuori il portafoglio per “spese ed ingaggi pazzi” legati a classifica e a qualificazione in EL.

        Il vero cancro sono lui e i suoi tirapedi leccaculo in organigramma.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Riba - 4 mesi fa

          Sulla tua analisi riguardo la società sono d’accordo ma resto della mia idea che Mazzarri non sia comunque un buon allenatore. Adotta metodi obsoleti, comunica il contrario di quello che dovrebbe e mi dispiace dirlo ma io penso che non sia troppo intelligente oltre che culturalmente impreparato

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. roberto.64 - 4 mesi fa

    Mazzarri alla prossima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 4 mesi fa

    Doppio allenatore, Miha per le partite interne e Mazzarri per quelle fuori casa, Champions assicurata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 4 mesi fa

      …e mr. libidine per le interviste pubbliche…!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy