Torino-Udinese, ripresa o continuità: duello di qualità tra Baselli e Barak

Torino-Udinese, ripresa o continuità: duello di qualità tra Baselli e Barak

Testa a testa / Tocca ai due talenti della mediana, che stanno vivendo una situazione differente, infiammare la sfida attraverso il proprio estro

di Federico Bosio, @fedebosio19

Sarà un duello tutto qualità, quello che con ogni probabilità si accenderà questo pomeriggio sul manto erboso dello Stadio Olimpico Grande Torino nell’importante match tra i granata e l’Udinese, vero e proprio scontro diretto per restare agganciati al treno europeo. Mazzarri ed Oddo hanno, logicamente, bisogno di risposte positive e prestazioni superiori alla media da quei giocatori che superiori alla media lo sono, e che hanno le potenzialità per fare la differenza anche in incontri delicati come questo: ecco perchè non vi è alcun dubbio in merito all’utilizzo, da parte dei due tecnici, rispettivamente di Daniele Baselli ed Antonin Barak. Due pedine che hanno la qualità nel dna e che in qualche modo si somigliano.

Saranno loro il fulcro qualitativo delle due formazioni: entrambi schierati come mezze ali in un centrocampo a tre (a cinque quello dei friulani, ma poco cambia a livello di reparto mediano puro, escludendo i due esterni a tutto campo) ed “investiti” dai rispettivi tecnici di una maggiore libertà di azione, con la possibilità di spostarsi in alcune situazioni di gioco più a ridosso del pacchetto offensivo fungendo non raramente da jolly in attacco, per inserirsi ed andare al tiro o in chiave assist. D’altra parte, se il ruolo in qualche modo speculare è evidente, i numeri non mentono e segnalano come il centrocampista bianconero stia attraversando un momento di forma migliore rispetto a quello granata.

Doveva essere la stagione della definitiva esplosione per Baselli, che tuttavia ha vissuto un lungo periodo di prestazioni sotto tono – certamente condizionate anche da quelle non positive a livello di squadra – ed ora è in lenta ripresa, per tornare ad essere determinante. Determinante è stato sinora invece Barak, prelevato in estate dallo Slavia Praga ed il cui impatto con il campionato italiano si è rivelato un successo superiore alle aspettative: il ceco si è preso le mediana friulana con estro e personalità, iscrivendosi al tabellino dei marcatori già in ben sei occasioni. Due volti di quella che può essere considerata una medesima medaglia, osservata in momenti differenti. Il duello tra Baselli e Barak accende Torino-Udinese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy