Torino: è un Chievo in crisi, ma anche spensierato

Torino: è un Chievo in crisi, ma anche spensierato

Momento negativo / L’ultima vittoria il 10 gennaio, poi dieci reti incassate e due segnate. Un punto nelle ultime quattro partite, ma attenzione a chi può giocare ormai con la mente sgombra

4 commenti

Il Torino attende il Chievo con l’obiettivo di lasciarsi alle spalle un periodo negativo e ritrovare finalmente la vittoria di fronte al pubblico dell’Olimpico: dopo aver perso due ottime occasioni contro Verona e Sampdoria, partite nelle quali Glik e compagni avrebbero meritata qualcosa in più per quanto prodotto ma che non sono andate oltre il pareggio, quella contro i clivensi si profila come la sfida giusta per ritrovare serenità (leggi qui) e tornare a fare punteggio pieno. Dall’altra parte però i ragazzi di Maran saranno altrettanto intenzionati a far bene, anche considerando gli ultimi risultati.

Se infatti il Torino è reduce da un periodo deludente, non si può certo dire che il Chievo navighi in acque migliori, anzi: l’ultima vittoria dei gialloblù è datata 10 gennaio e riporta alla rete di Simone Pepe al Dall’Ara di Bologna. Da quel momento, il Chievo ha collezionato solamente un punto nelle successive quattro partite disputate, ritrovandosi al fischio finale con passivi anche pesanti: se non è particolarmente negativo il punto ottenuto tra le mura amiche contro l’Empoli (match sbloccato dall’ormai ex Paloschi e ripianato da Tonelli), le tre partite consecutive parlano di numeri molto preoccupanti per i ragazzi di Maran anche se ottenuti contro formazioni di alta fascia.

AC Chievo Verona v Torino FC - Serie A
Periodo negativo per la difesa clivense, nonostante l’esperienza di Bizzarri

Dopo il pareggio con i toscani infatti i gialloblù sono stati ospiti della Lazio: Cesar aveva addirittura messo la firma per il colpaccio e la vittoria all’Olimpico, ma poi i clivensi sono crollati sotto i colpi dei padroni di casa ed in particolare di un ispiratissimo Candreva, 4-1 il risultato finale. Quattro le reti incassate anche nel match successivo, al Bentegodi contro la Juventus; in questa occasione i ragazzi di Maran non sono però riusciti a mettere a segno nemmeno una rete, esattamente come nell’ultima partita disputata: nell’infrasettimanale di San Siro il Chievo è uscito sconfitto per 1-0, decisiva la rete di Icardi. Le statistiche delle ultime partite mettono quindi in mostra un Chievo in profonda crisi, con dieci reti incassate e solamente due all’attivo. Il Torino non dovrà tuttavia sottovalutare gli avversari per centrare, finalmente, la tanto agognata vittoria.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. pupi - 1 anno fa

    “Come sta Gigi?”. Stringe le labbra. Forte. Tira su con il naso. Con violenza. Guarda lontano. Fantasmi. E sospira lungo: “Male. Ma proprio male, questa volta. Tre giorni fa l’hanno ricoverato in un Istituto specializzato. Sono stati costretti a farlo. Non parlava più. Piangeva. Poi ha smesso anche di piangere. Una statua che respirava. Ma se la sua mente è volata via, il suo fisico è ancora pieno di energie. E’ sempre stato un uomo forte, Gigi. Di gambe e di braccia. Sicchè, essendo il suo un male che può scatenare anche gesti di violenza, non era stato più possibile lasciarlo in casa con Nerina la sua povera moglie che non lo ha abbandonato in tutta la vita. Ora è in un letto muto e lo sguardo fisso a guardare chissà dove o chissà chi. Poco tempo fa Pupi, Zac ed io eravamo andati a trovarlo nella casa di Monza. Non ci aveva manco riconosciuti. Era finita. Che dolore. Che tristezza”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pupi - 1 anno fa

      Eraldo…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. VenturaVattene - 1 anno fa

      ….sono basito, senza parole, svuotato di ogni pensiero….ho un groppo alla gola e voglia di piangere….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Semper Taurum - 1 anno fa

      Grande!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy