Torino, un mese alla Coppa Italia: da obiettivo sensibile a possibile fardello

Torino, un mese alla Coppa Italia: da obiettivo sensibile a possibile fardello

Doppio impegno / Considerata la delicata situazione, non sarebbe affatto sciocco risparmiare le energie per il campionato

Maxi Lopez Coppa Italia calciomercato

Tra un mese il Torino sarà chiamato a giocarsi le proprie carte nel quarto turno eliminatori della Coppa Italia. Un impegno certamente alla portata considerata – con il massimo rispetto dovuto – la caratura dell’avversario. Ossia il Cesena del granata (in prestito) Alfred Gomis. Una formazione, quella bianconera, che sta disputando un ottimo campionato di Serie B e che certamente giocherà questa partita come se fosse l’ultima.

Il tabellone della Coppa Italia 2015-16
Il tabellone della Coppa Italia 2015-16

L’undici del tecnico Massimo Drago, infatti, non culla certamente l’ambizione di vincere la competizione, ma di fare bella figura, questo sicuramente sì. E quale migliore occasione, se non quella di far trovare ‘pane duro’ ad un club blasonato come il Toro?

Dall’altro lato del campo, invece, ecco che per la formazione di Ventura la Coppa Italia rischia di trasformarsi da obiettivo sensibile – come dichiarato in estate – a vero e proprio fardello da sostenere. L’idea di giocare un altro Derby, con possibile rivincita, contro la Juventus certamente ingolosisce. Ma allo stesso tempo occorre guardarsi allo specchio e fare i conti con le molteplici defezioni.

Il Torino di oggi, che fatica a fare le dovute e opportune rotazioni, che in alcuni casi – vedi la prossima sfida contro l’Inter – rischia di mandare in campo 14 giocatori (11 titolari e 3 cambi) per il rotto della cuffia, può permettersi di reggere e portare avanti due competizioni? La domanda è lecita. E ad oggi rispondere con un , appare difficile.

Ad ogni modo, stringendo i denti, questa squadra tenterà ancora una volta di superare l’ennesimo ostacolo. Nonostante tutto, nonostante tutti i pesi e le sfortune che oggi fanno da zavorra. Ma se alla fine la Coppa Italia, da obiettivo sensibile quale era, venisse messa leggermente in secondo piano, non ci sarà da stupirsi. Considerata la delicata situazione, quella di dedicare maggiori energie – soprattutto dal punto di vista mentale – al campionato, non sarebbe affatto una scelta stupida…

DI SEGUITO IL CALENDARIO DEL PROSSIMO TURNO DI COPPA ITALIA

Spezia-Salernitana – Martedì 1 dicembre 2015 ore 15.00
Torino-Cesena – Martedì 1 dicembre 2015 ore 18.00
Milan-Crotone – Martedì 1 dicembre 2015 ore 21.00
Palermo-Alessandria – Mercoledì 2 dicembre 2015 ore 15.00
Hellas Verona-Pavia – Mercoledì 2 dicembre 2015 ore 18.00
Udinese-Atalanta – Mercoledì 2 dicembre 2015 ore 21.00
Carpi-Vicenza – Giovedì 3 dicembre 2015 ore 18.00
Sassuolo-Cagliari – Giovedì 3 dicembre 2015 ore 21.00

15 commenti

15 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 1 anno fa

    Se la Coppa Italia diventa un fardello, allora un’eventuale Europa League, per non parlare della Champions, sarebbero una mazzata tremenda, che tirerebbero, con questa mentalità, il Toro, diritto alla retrocessione in B, se mai si parteciparvi decentemente. A meno che non si abbia il coraggio di dire, senza tanti giri di parole, che solo alcune società possono permettersi i doppi e tripli impegni e le altre, per ragioni di bilancio, siano solo di contorno, per far sì che lo spettacolo vada avanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Catlina - 1 anno fa

    Nel calcio si è persa la dimensione. .e questo articolo dice che in certi casi si è persa anche attorno al calcio. Stiamo parlando di una partita ogni paio di mesi o quasi. .stiamo parlando di gente che guadagna circa 1.500 euro al GIORNO!!..stiamo parlando che siamo il toro..e bisognerebbe RINUNCIARE??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Maroso - 1 anno fa

    Mi spiace veramente leggere questo articolo, contrario alla proverbiale grinta granata (se esiste ancora). Io ieri mi consolavo: abbiamo perso il derby, pazienza, due di fila non li potevamo vincere … E adesso si rinuncia in partenza? Cosa direbbero Ferrini, Fossati,Policano e centinaia di altri. Vendiamo cara la pelle, superiamo il turno e giochiamo il derby, per intanto, e magari qualcuno nel frattempo guarisce! Un po’ di sano ottimismo suvvia…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Catlina - 1 anno fa

      Pienamente d’accordo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. RDS - 26/04/15 Toro 2 - Merde 1 - 1 anno fa

    Va bene che non stiamo andando benissimo, ma nemmeno siamo in piena zona retrocessione!
    Ah Chirico!!!!, ma che stronzate tiri fuori…. ci manca che dopo dieci giornate stiamo già a giudicare fardello una partita in più a settimana ogni due mesi…
    e se avevamo anche la EL che si faceva? ci si suicidava??? Dai basta se si vuole scrivere un articolo perchè per forza bisogna scriverlo è meglio non scriverlo o trovarne uno su le giovanili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Placebo75 - 1 anno fa

      In effetti…. vero che non siamo costretti a leggere e benvenga che ci siate (!), ma qui si partoriscono 10 articoli al minuto di cui, il 90% sul nulla. Ormai leggo solo i commenti :-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. blubba - 1 anno fa

    Ma sta scherzando quello che ha scritto l’articolo.Questo è l’obbiettivo principe della stagione vale coppa ed europa league ed è piu semplice del campionato.Ormai i punti persi causa defezioni nn li recupereremo piu è piu facile far fuori i gobbi in coppa che arrivare al quinto /sesto posto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. collotaurino - 1 anno fa

      c’hai ragione! C.I. più facile della europa League non tanto per i punti di distacco da recuperare dalla 6, ma per il fatto che stiamo rivitalizzando tutte le concorrenti di turno..milan,genoa,juve

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. osvaldo - 1 anno fa

    Ma come ti viene in mente di scrivere un articolo del genere?
    Ti ha dato di volta la “penna”? Non diciamo eresie per favore!
    In coppa bisogna andare avanti, molto oltre il Cesena e molto oltre i gobbi
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. uassing - 1 anno fa

    Meglio non scrivere niente che scrivere un articolo senza senso come questo. Siamo in coppa Italia e va onorata anche con le riserve.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. gian.ca_368 - 1 anno fa

    Ma smettiamola, dov’è l’ambizione se alle prime difficoltà dovremmo lasciar perdere quello che, ad oggi, mi pare l’unico possibile obiettivo stagionale…è vero che, con Ventura, non abbiamo mai superato più di un turno ma la prospettiva di rigiocare contro i gobbi dovrebbe da sola essere da stimolo per divorarlo il Cesena…si fa tutta questa demagogia sul fatto che “NOI SIAMO IL TORO” e poi ce la facciamo sotto come negli ultimi minuti del derby…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. gantonaz64 - 1 anno fa

    Ci manca solo che ci facciamo buttare fuori dal Cesena per non rigiocare il derby. Ma per piacere. Orgoglio e sano agonismo, calcio giocato e le chiacchiere a zero. Please.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. gantonaz64 - 1 anno fa

    Ho riletto l’articolo. Non concordo in nulla.
    Ma quale energie da riservare al campionato…..
    Le energie erano quelle che dovevano avere i nostri genitori per andare a lavorare in fonderia.
    Ma smettiamola con sti’ discorsi da provinciali.
    La Coppa Italia e’ piu’ importante del campionato quest’anno e Stop.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. gantonaz64 - 1 anno fa

    Ma di cosa stiamo parlando? Ma quale fardello.
    Quale migliore occasione per vendicarsi sportivamente parlando.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Jerry - 1 anno fa

    Con questa mentalità, non si va’ da nessuna parte. Già incominciamo a ridimensionare un probabile obbiettivo. Spero che questo pensiero non stia iniziando a balenare in società, perché se no vorrebbe dire avere una mentalità puramente provinciale Chi ha paura al giorno d’oggi d’affrontare una Juve così piccola? Neanche la Longobarda di Oronzo Cana’….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy