Torino, variabile Coppa Italia: il settimo posto varrà l’Europa League o no?

Torino, variabile Coppa Italia: il settimo posto varrà l’Europa League o no?

Approfondimento / La squadra granata osserverà prima la Lazio affrontare il Milan, per poi arrivare alla sfida cruciale tra Atalanta e Fiorentina

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino ha vinto contro l’Atalanta 2-0 e ha agganciato il sesto posto in coabitazione proprio con i bergamaschi e con la Lazio (i biancocelesti devono ancora giocare, però). Questo è stato un passo molto importante per i granata, che hanno ambizioni europee evidenti: tuttavia, oltre al buon lavoro in campionato, il Toro dovrà prestare attenzione a ciò che succederà in Coppa Italia, nonostante per i granata la competizione in questione sia già terminata settimana orsono. Perchè la vincitrice della coppa, come è noto, “toglie” il posto in Europa League alla squadra che termina settima in campionato. E in semifinale ci sono tre squadre che al momento si possono definire dirette concorrenti del Torino in Serie A.

LAZIO-MILAN – La prima gara che verrà disputata è Lazio-Milan: andrà in scena questa sera alle ore 21. Il Milan è in un grande momento e lotta per il quarto posto, la Lazio è a pari punti con il Torino seppur con una partita in meno: al Filadelfia sperano che ad andare avanti possa essere il Milan, che lotta per un obiettivo superiore rispetto al Torino in campionato e, secondo i pronostici, terminerà davanti ai granata. Invece la sfida tra Atalanta e Fiorentina in Coppa Italia è da tenere ancor di più d’occhio per il Torino. Una delle due squadre andrà in finale e in caso di vittoria della Coppa Italia avrebbe garantito l’ingresso in Europa League anche se non terminasse tra le prime sei squadre del campionato. In questa competizione l’Atalanta ha battuto la Juventus, la Fiorentina ha rifilato un clamoroso 7-1 alla Roma (dopo aver eliminato proprio il Torino negli ottavi): per entrambi i club la partita di domani è tra le più importanti della stagione.

LUNGA ATTESA – In assoluto il Torino dovrà continuare a lavorare cercando di totalizzare più punti possibile da qui alla fine del campionato, per cercare di arrivare tra le prime sei. Il settimo posto potrebbe bastare al Torino solo se la Coppa Italia finisse nella bacheca di un club tra le prime sei squadre. Con tre dirette concorrenti in semifinale, è chiaro che la seconda competizione nazionale è una variabile da tenere in grande considerazione. Le gare di andata sono oggi e domani, quelle di ritorno si giocheranno addirittura il 24 aprile: una lunga attesa, ma anche da qui passa il sogno europeo del Torino.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. apuano - 3 mesi fa

    vediamo di pensare domenica per domenica .io spero di fare i nove punti poi vediamo se le altre ci stanno dietro e con un occhio di infinita e bellissima follia a quelle davanti.se facciamo il massimo anche chi sta sopra non deve dormire tranqillo visto che a parte milan e juve le abbiamo gia’ affrontate.pensare positivo almeno ora.andiamoci a riprendere i punti persi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13967438 - 3 mesi fa

    A meno che non sia cambiato il regolamento UEFA…
    Il settimo posto vale come qualificazione solo se la coppa la vince chi arriva 4º o meglio.
    Se vince la 5ª o la 6ª, sono già classificate alla medesima competizione, non cedono alcun altro posto utile.
    Se vince la 7ª o peggio si prende il terzo posto utile.
    Per cui, vediamo di impegnarci ad arrivare quinti o sesti e poche storie e piagnistei: l’obiettivo è fattibile e alla portata.
    Pensare alla uscita di servizio denota mentalità perversamente perdente, e oltretutto dipendente dai risultati degli altri.
    Pensiamo a fare il nostro percorso.

    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. André - 3 mesi fa

      Giusto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. SiculoGranataSempre - 3 mesi fa

    D’accordo con Profondo Granata. La Viola in casa ha perso solo con la Juve e il Parma. Per noi è insidiosa, simile all Atalanta, veloce e offensiva. Insieme al Milan penso sia una delle più in forma e difficile da affrontare. Però siamo in grado di batterla con asfissiante copertura su Chiesa e pressing come con l’Atalanta. Sarà partita spareggio. Vedremo. Ad maiora! FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cecio - 3 mesi fa

      Sinceramente spero che non sia partita spareggio, perché spero di arrivarci con più di 3 punti di vantaggio su di loro.
      Se (e il “se” è bello grosso) facciamo il ns dovere nelle prossime giornate, dovremmo ragionevolmente guadagnare ancora qualche punto sui Viola e quindi presentarci a Firenze senza l’obbligo assoluto di vincere.
      Ovvio che poi dobbiamo comunque puntare a vincere la partita, ma in questo modo se la pareggiassimo non sarebbe un dramma.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SiculoGranataSempre - 3 mesi fa

        Me lo auguro e spero che ci arriviamo con più di tre punti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ProfondoGranata - 3 mesi fa

    La Coppa Italia è da sperare, come peraltro meriterebbe anche in base alla classifica, che vada al Milan.
    Detto questo sarebbe meglio puntare al sesto posto, ovvero lasciarsi alle spalle atalanta, fiorentina e lazio.
    Roma è più avanti coi punti e sarà più difficile raggiungerla.
    Appunto: la Fiorentina ci ha battuto in Coppa perché subivamo una forma non perfetta al rientro da una lunga assenza con diversi top player assenti o non in forma…
    Condizione analoga la affronteremo il 31 marzo a Firenze.
    Sarà una partita da vincere a tutti i costi e la pausa di 15gg può essere un problema… Speruma bin.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 3 mesi fa

      Potrebbe essere un problema anche per loro.
      A me preoccupa di più la sfida contro il Chievo; la Fiorentina è in forma ma lascia giocare, cosa ottima per il toro; Domenica il Chievo metterà il pulman davanti alla porta, creando una situazione che il toro sa affrontare con difficoltà.
      La cosa che temo di più dei viola, è il binomio Chiesa var; la prima, quest’anno sta aiutando la Fiorentina in maniera impressionante, il secondo è il giocatore più antisportivo del calcio italiano, il nuovo Nedvev. Insieme creano un grosso pericolo.
      Senza l’aiuto della var, la Fiorentina starebbe nella parte destra della classifica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marco Toro - 3 mesi fa

        Quindi Chiesa sarebbe il giocatore più antisportivo della serie A? Chiellini, Dybala, Cuadrado non ti dicono niente? Ma perfavore, il calcio Italiano è pieno di giocatori scorretti.. Chiesa ha solo la sfortuna di essere giovane e essere Italiano, per questo viene dipinto come il diavolo perchè quando i Duglas Costa sputano in faccia a un altro giocatore o quando un Chiellini rompe tibia e perone a Berghessio oppure da un cazzotto in faccia a Belotti va tutto bene, anzi Chiellini si prende il premio fair play quando un giovane Italiano fa una furbata viene dipinto come il diavolo.. Ma basta! Basta ascoltare i giornalai!!! I gobbi l’erede di Nedved quanto a scorrettezze e simulazioni ce l’hanno già anzi ne hanno 2 si chiamano Cuadrado e Dybala.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. GlennGould - 3 mesi fa

          Io ho le mie opinioni, giuste o sbagliate che siano. Mie, e non dei giornalisti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kalokagathia - 3 mesi fa

      La viola ci ha battuti perché non siamo stati così fortunati come con Napoli e la Dea. Siamo onesti, se in entrambe le partite gli avversari avessero segnato nella prima mezz’ora, quale sarebbe stato oggi il nostro destino? Per non parlare della fortuna avuta contro l’udine che per un pelo, in 10, non ha acciuffato il pari. Continuando con la retrospettiva arriviamo alla nostra reale dimensione: lo 0 a 0 con la Spal. E come non citare quel goal incredibilmente sbagiato da Lautaro Martinez nei primi minuti della sfida con l’Inter….
      É assolutamente distensivo vedere il nostro toro occupare finalmente la posizione di classifica tanto sognata a questo punto del campionato, ed è rinfrescante sapere che giocatori è allenatore abbiano riacquistato quell’autostima necessaria per far bene. È emozionante vedere il nostro capitano comportarsi da vero e maturo capitano del toro: forte, umile, grintoso e consacrato al sacrificio. Sono veramente sollevato della prospettiva che ci attende, ma la vera domanda è: siamo in debito con la fortuna o eravamo in credito con lei e ora siam pari????

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Gio - 3 mesi fa

        Ke kagathia.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Kalokagathia - 3 mesi fa

          Ahahahaha.
          A me invece pare proprio una costatazione lucida caro banana gió.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy