Torino, una conferma da meritare: anche Acquah è sotto la lente di Mazzarri

Torino, una conferma da meritare: anche Acquah è sotto la lente di Mazzarri

Focus on / Il tecnico ha utilizzato più volte il centrocampista, in scadenza 2019, per le sue caratteristiche: ma la sua annata non è finora esaltante

di Federico Bosio, @fedebosio19

Il Torino occupa attualmente, quando mancano dieci giornate alla conclusione del campionato, la decima posizione con un passivo di otto punti rispetto a quello che era l’obiettivo prefissato ovvero l’ultima posizione disponibile per approdare alla prossima Europa League. Uno stallo a metà classifica inevitabilmente figlio di un’annata che ha finito per condizionare le prestazioni di quasi tutti gli elementi della rosa granata, che adesso sono chiamati in questo periodo conclusivo a dimostrare però le proprie qualità di modo da convincere il tecnico e la società a puntare anche su di loro per il prossimo ciclo. Non è esente, tra gli altri, né dal primo né tanto meno dal secondo discorso Afriyie Acquah.

Il centrocampista ghanese non ha di certo vissuto sinora un’annata esaltante dal punto di vista delle prestazioni e della continuità a livello personale: dopo un’estate concitata – in particolar modo nel finale, quando la sua partenza era più che paventata – ed una permanenza all’ombra della Mole, la mezzala ha disputato solamente quindici presenze in questo campionato e raramente è stato impiegato dal primo minuto. Spesso e volentieri tuttavia, anche entrando a partita in corso, l’impatto non è stato determinante come invece era riuscito ad essere nelle precedenti stagioni, prettamente dal punto di vista fisico. Con il cambio in panchina la situazione è forse migliorata per quanto riguarda il minutaggio, ma resta il fatto, evidente, che questa non sia stata sino ad ora la miglior stagione del ghanese per prestazioni offerte da quando indossa la casacca granata. Come ai compagni, anche ad Acquah restano dieci partite per dimostrare al tecnico di meritare la conferma.

Di certo, il centrocampista è una delle pedine sotto la lente di Mazzarri, uno di quei giocatori che dovranno essere valutati con maggiore attenzione rispetto ad altri, ed il motivo è semplice: il suo contratto è in scadenza 2019 (qui la situazione generale dei contratti), ed è dunque proprio in questo finale di stagione che il club deve prendere una definitiva decisione in merito al suo futuro. D’altra parte, va riconosciuto che dal cambio in panchina la mezzala ha assunto tratti più determinanti e peculiari all’interno del roster del Torino: Mazzarri infatti in più di un’occasione si è affidato a lui proprio per via delle sue caratteristiche specifiche – una minore qualità palla al piede, sì, ma compensata da grinta, muscoli e corsa – e dunque potrebbe non privarsene così a cuor leggero. Quel che è certo è che anche Acquah ha a disposizione all’incirca due mesi per convincere tecnico e società di meritarsi la conferma nel Torino del futuro, e l’unico modo per poterlo fare è fornire prestazioni di maggiore impatto.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. toro - 8 mesi fa

    Scrivere che Mazzarri non capisce un tubo non ci va del coraggio, ma è solo una netta e chiara consapevolezza di quello che sta dimostrando. Mi spiego meglio: tenere in panchina Ljajic sarà mica da persona competente? Ricordo che l’anno scorso Bellotti ha segnato 26 reti anche grazie agli assist di Ljajic, inoltre questi ha raggiunto la doppia cifra di reti. Il buon Mazzarri ricordo ancora negli ultimi anni quali sono stati i suoi risultati? Esonerato dall’inter, spedito dall’inghilterra. E tutt’oggi il torino con la sua gestione sta andando come sappiamo malissimo, e non mi ci venga a dire che i giocatori non sono stati scelti da lui. Un allenatore deve saper far giocare una quadra con ciò che si trova, diversamente non doveva prendersi l’incarico. Quindi spero tanto che Cairo capisca come si stia evolvendo la situazione. Comunque sia credo che lei di calcio ne mastichi piuttosto poco, senza offesa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Granatissimo1973 - 8 mesi fa

    Per scrivere che Mazzarri non capisce un tubo di calcio ci vuole il coraggio di chi oggi a pranzo si è scolato un fiasco di barbera…ve lo meritavate Mihailovjc, povero torino che tifosi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Athletic - 8 mesi fa

    Io vorrei vedere giocare a calcio, e Aquah col calcio non c’entra nulla. Mi dispiace per lui, ma ha solo fisico, nulla più. Non è il caso di puntare a fare nessuna plusvalenza, basta cederlo … se vuole andare in Inghilterra, perfetto .. il suo procuratore certamente troverà una società disposta a pagarlo quei pochi milioni necessari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. torracofabi_520 - 8 mesi fa

      Perfettamente d’accordo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. WGranata76 - 8 mesi fa

    Acquah se ce lo valutano (se) 6-8 milioni lo si può vendere tranquillamente con plusvalenza, altrimenti può fare solamente la riserva in un club che punta alla qualificazione in Europa League.
    Tanto fisico, ma scarsa tecnica di base e oramai non può più migliorare, ha avuto le chance per crescere e le ha sprecate.
    Con la vendita si possono prendere tanti buoni giovani dalla B per fare la riserva e crescere in ottica futura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 8 mesi fa

      chi li spende 8 milioni x lui?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. steacs - 8 mesi fa

        Giusto in premier league ma quella cifra la vedo dura!

        Che poi di acquah in africa è pieno, gente che corre senza un minimo di tecnica la si trova pure nei centri di accoglienza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. toro - 8 mesi fa

    Una cosa è sicura se Mazzarri deve scegliere quali soni i calciatori x il prossimo anno possiamo essere certi che lotteremo x non retrocedere. visto e considerato che di calcio non capisce un tubo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13658280 - 8 mesi fa

    xche siamo ancora fermi a capire se ripartire da acqua o meno? non si fa tanta strada se hai in campo uno che condiziona tre partite su cinque o xche si fa mandar fuori o xche fa errori grossolani con quei piedacci

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. torinodasognare - 8 mesi fa

    L’errore fatto contro la Fiorentina va oltre ai piedacci…. un centrocampista che fa uno sbaglio tecnico simile non lo vorrei più. Rivoglio gente con il sangue nelle vene, tutti questi moscioni se ne dovrebbero andare dal Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. fabrizio - 8 mesi fa

    a calcio purtroppo servono anche i piedi. Se li avesse avuti non avremmo perso con la fiorentina ad esempio..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. fabrizio - 8 mesi fa

    ma che vada anche questo. di giovani italiani con i ferri da stiro che ha ne trovi a migliaia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy