Torino, Ventura prepara la svolta: non di modulo ma tattica

Torino, Ventura prepara la svolta: non di modulo ma tattica

Campionato / Il tecnico granata non può cambiare l’abito, ma l’atteggiamento. Baselli più avanzato, mediana a far da trincea con Gazzi. Zappacosta-Bruno Peres sulle fasce, ipotesi concreta, ma dipende dalle condizioni fisiche di entrambi…

15 commenti
Ventura in Torino-Sampdoria 2-0

La sconfitta in casa Fiorentina ha confermato per l’ennesima volta i limiti del collettivo di Ventura, più psicologici che puramente tecnici: gli errori commessi dal Torino sembrano essere sempre gli stessi ripetuti allo sfinimento e, sebbene di questo non si possa parlare per il match del Franchi, in particolare i granata hanno sbagliato troppe volte nel corso della stagione l’approccio alla partita. Per questo motivo il tecnico ha deciso di rinnovare tatticamente la squadra, escogitando nuove trame e variando le “competenze” di alcuni giocatori; non sarà il modulo a venir rivoluzionato poiché la rosa a disposizione di Ventura non lo permette. Bensì, il lavoro si concentrerà principalmente sulla testa dei propri giocatori e sugli schemi da attuare dalla cintola in su. L’obiettivo è quello di riuscire a dare una scossa allo spogliatoio e alla classifica.

Il Torino festeggia nella partita contro il Frosinone, che aprì il campionato.
Il gioco espresso ad inizio campionato sembra essere involuto: servono nuove idee

Un aiuto in questo senso può sicuramente arrivare dal mercato ma non ci si possono aspettare delle rivoluzioni su questo versante: dopo il ritorno di Ciro Immobile la società sta lavorando per sfoltire la rosa eliminando gli esuberi e regalare qualche innesto di qualità al tecnico, ma è chiaro che a stagione in corso non è produttivo, né tanto meno normale, cambiare completamente volto agli interpreti di qualsiasi formazione. Uno, forse due innesti potranno ancora essere effettuati ed alzare il tasso tecnico di questo Torino, ma il lavoro più grande Ventura dovrà svolgerlo con coloro che già sono presenti sotto la Mole. Avanti dunque con il 3-5-2: la difesa a tre è ormai consolidata ed è fondamentale per l’impostazione del gioco, così come necessario è il lavoro degli esterni nella lettura tattica venturiana. Per quanto riguarda il tanto sognato dalla piazza attacco a tre, si tratta di una soluzione possibile da effettuare in corso d’opera, ma l’organico granata non possiede i giocatori adatti per utilizzare questo sistema di gioco in pianta stabile e non è nei piani di tecnico e società acquistarli nel corso di questo mercato invernale.

Baselli in Torino-Milan pagellle
Maggiore libertà per Daniele Baselli: potrebbe essere la chiave tattica vincente

BASELLI SULLA TREQUARTI – Nuove soluzioni tattiche, si è detto: la scossa deve arrivare sotto questo aspetto, Ventura è al lavoro per variare alcune giocate ed inserire schemi innovativi e più efficaci. In particolare, la chiave tattica del “nuovo” Torino sarà una maggiore libertà di svariare tra le linee concessa a Daniele Baselli: una sorta di trequartista mascherato, non di ruolo ma di fatto. L’ex Atalanta ha dimostrato di saper inventare giocate vincenti per i compagni e di essere in grado anche di sbloccare la partita con conclusioni ed incursioni personali: Ventura starebbe quindi pensando di offrire alla mezzala la possibilità di giocare più vicino alla porta avversaria ed alle punte, di modo da dialogare maggiormente anche con i compagni del reparto avanzato. Un’alternativa a Baselli, nello stesso ruolo e con i medesimi compiti, potrebbe essere quell’El Kaddouri che rappresenterebbe così uno dei tasselli che questo mercato di riparazione porterebbe sotto la Mole, ma la trattativa non è semplice (LEGGI QUI)

US Sassuolo Calcio v Torino FC - Serie A
Il ritorno di Gazzi come perno davanti alla difesa per una maggiore copertura

TRINCEA GAZZI – La copertura difensiva dovrà inoltre essere aumentata: davanti alla retroguardia a tre è necessario un perno di centrocampo che funga da frangiflutti ed impedisca l’arrivo di eccessivi pericoli in zona gol, ed il Torino in rosa possiede già un giocatore con queste caratteristiche. Si tratta di Alessandro Gazzi, rosso mediano che non eccelle in qualità di impostazione ma al quale nulla si può rimproverare se schierato come mastino con il compito di intenditore: con lui in campo i granata subiscono meno offensive da parte degli avversari; ecco che dopo essere stato messo sul mercato, Gazzi potrebbe rappresentare ancora una volta una colonna del Torino e ritrovare la completa fiducia di Giampiero Ventura, ai danni di Vives che sicuramente è dotato di maggiori qualità tecniche ma non offre la stessa sicurezza a livello di copertura difensiva.

Torino FC v AS Roma - Serie A
La coppia di esterni Bruno Peres-Zappacosta garantirebbe maggiore imprevedibilità

SPINTA SULLE FASCE – L’ultima innovazione potrebbe essere rappresentata da una soluzione già vista a più riprese nel corso della stagione ma sempre a partita in corso, che il tecnico ligure non ha mai avuto modo e volontà di provare fin dal primo minuto: il contemporaneo schieramento di Bruno Peres e Zappacosta sulle fasce, con il dirottamento del brasiliano sulla corsia sinistra. Complici la misteriosa condizione fisica di Avelar ed il minutaggio decisamente elevato di Molinaro, Ventura potrebbe affidarsi a quella che avrebbe dovuto essere la coppia di esterni destri: sicuramente il tandem garantirebbe maggiore imprevedibilità ed un superiore apporto offensivo alla manovra, senza dimenticare la possibilità di allargare notevolmente il gioco, evitando quel fastidioso “effetto imbuto”. Ovviamente saranno da valutare le condizioni fisiche di entrambi gli esterni per poter attuare questo cambio tattico.

Il tecnico vara la riforma granata: idee nuove e forze fresche per un Torino da rivitalizzare.

15 commenti

15 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lello66 - 2 anni fa

    L’ennesima presa per i fondelli, non si può cambiare gioco perché la rosa di giocatori non lo permette, ma allora quale mister e così intelligente da richiedere dei giocatori a inizio anno, che non gli permettono di variare modulo e schemi, soprattutto dopo l’esperienza negativa degli anni precedenti. Probabilmente i limiti non sono della rosa ma di qualcun’altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ziocane66 - 2 anni fa

    MISTER

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Michele Nicastri - 2 anni fa

    La svolta sarebbe tornare al 4-2-4 con Baselli e Bruno esterni d’attacco e Gazzi-Acquah a far muro davanti alla difesa: Moretti a sx, Glik e Maksi centrali e Zappa a destra. Davanti Immobile/Belotti con Maxi dimagrito che subentra a30′ dalla fine. Quaglia e Martinez a vendere le patatine sugli spalti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. rossogranata - 2 anni fa

    FINALMENTE !!!! Sono due mesi che ho continuato a scrivere sul ruolo di Baselli sbagliato. Finalmente il Mister lo mette dietro le punte. Era ora, dopo una sciagurata stagione (eccetto le prime 4 partite) passata a rintuzzare a difendere come un Gazzi, in una continua umiliazione delle sue qualità natutali da trequartista di attacco.Solo che il ragazzo è in apnea e Ventura potrebbe concedergli una settimana di riposo- Putroppo si è perso molto tempo, e un allenatore di esperienza come Ventura non doveva fare certi errori. Comunque abbiamo il tempo di rimediare anche con gli acquisti che arriveranno. E Speriamo!!! che arrivino….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nick - 2 anni fa

      aspetto solo domenica per vedere come va. ormai sono molto realista sulla situazione e mi entusiasmeró solo quando li vedrò giocare veramente a calcio. cmq anche se vinciamo domenica non é un vero test, quando ci misureremo con qualche squadra piú forte allora si potrà dire qualcosa. certo se non facciamo risultato neanche domenica allora credo che qualcuno debba veramente fare le valigie…..
      ad maiora.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. aste - 2 anni fa

    Vorrei corregermi.
    La variazione c’è : mancano Vives e Glick
    Sarà questa la grande svolta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. VenturaVattene - 2 anni fa

      …una vera svolta…un vero “rilancio nella monnezza in cui siamo sepolti da tre mesi…!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. VenturaVattene - 2 anni fa

    “…..la difesa a tre è ormai consolidata ed è fondamentale per l’impostazione del gioco….”

    …certo, certo…è consolidata per l’impostazione degli scambi di gioco sulla nostra trequarti quando subiamo continuamente il pressing degli attaccanti/centrocampisti della squadra avversaria…!!!!

    Ma andate a dar via i ciap…!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. aste - 2 anni fa

    Vorrei capire dove sta la variazione
    La gente è sempre quella e il modulo pure

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ObiWan - 2 anni fa

    Pochezza di soluzioni e cocciutaggine allo stato puro !!!!
    E stavolta non diamo la colpa al braccino, che una rosa così se la sognano parecchie squadre davanti a noi !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Jerry - 2 anni fa

    Non ho parole…. È questa me la chiamate variazione tattica? Esterni invertiti già visto con scarsi risultati, Gazzi da frangiflutti ci ha sempre giocato, e Baselli da trequartista + Peres sulla fascia sx… E chi copre? Il solo Moretti?….. Non ho parole.. ma abbandoniamo sta difesa a 3… Giochiamo a 4… Mettiamo un centrocampo a 4 a rombo con Baselli vertice basso a fare veramente il trequartista.. Gazzi vertice alto con Acquah e Benassi esterni, con compiti di copertura sulle sovrapposizioni degli esterni, o di inserimento nelle ripartenze… si ha una settimana di tempo per provare, rigorosamente a porte chiuse, e non mi dite che il tempo per imparare i vari movimenti di scalata o di ripartenza non vi sia? È la voglia di cambiare che manca veramente!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Nick - 2 anni fa

    io dico solo che da domenica ci vuole una prestazione convincente, non occorre solo vincere che già é un buon viatico. ma voglio vedere cervello nello spiegamento della manovra e finalizzazione. cose che sono utopie fino ad ora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Fabius - 2 anni fa

    Ma la scossa a ventura chi la darà?
    Se spesso l’approccio alle partite è sbagliato allora è una carenza di chi li mette in campo, anche se un professionista non dovrebbe mai avere mancanze sotto questo punto di vista.
    A meno che lo scarso impegno non sia sintomo di altro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. VenturaVattene - 2 anni fa

      ..la scossa a mr. libidine, Fabius…???

      …ma nenache con i cavi ad alta tensione…!!!!

      Più che la scossa, bisognerebbe pregare che lo colpisca un fulmine…così almeno lo incenerisce e voltiamo pagina davvero…!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SoloToro - 2 anni fa

        Commento vergognoso, ancora più del tuo Nickname!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy