Torino, Zappacosta raccoglie un’eredità pesante: le sue statistiche a confronto con Darmian

Torino, Zappacosta raccoglie un’eredità pesante: le sue statistiche a confronto con Darmian

In ritiro / Primo assaggio di calcio giocato per il neo terzino granata. Concorrenza alta, ma i numeri fanno ben sperare per il futuro

Quello di Matteo Darmian è stato senza dubbio un addio piuttosto sofferto. Il ragazzo ormai ex granata è entrato nel cuore di tutti i tifosi tramite la dedizione, l’umiltà e le prestazioni sempre di ottimo livello. Il suo passaggio al Manchester United  è stato però capito ed accettato dal popolo granata, che sa quanto l’ex pupillo possa puntare in alto e farà ora il tifo per lui.

ZAPPACOSTA – Comunque sia, al suo posto è arrivato un sostituto di primo livello. Zappacosta raccoglie senza dubbio un’eredità pesante, ma è anche vero che è ancora molto giovane e se dovesse mantenersi su questi livelli o ancora migliorare (grazie all’abilità di Ventura), potrebbe anche lui facilmente diventare un idolo della tifoseria e non far rimpiangere il ragazzo scuola Milan. 

IL CONFRONTO – Dicevamo, appunto, che il confronto è in realtà piuttosto equilibrato. Solamente una voce, quella relativa al numero di occasioni da gol create, pende nettamente in favore di Darmian: 39 a 18, esattamente il doppio. Per il resto, l’ex Atalantino ha segnato 3 gol in 29 partite, dunque ha una media leggermente superiore rispetto a quella di Darmian, che ne ha messi a segno 2 in 33. La percentuale di precisione dei cross, che è un dato molto importante, è in equilibrio pressochè totale (14% e 13%).

                                 

Certo, questi dati prendono in considerazione solo il campionato, e si sa quanto anche in Europa Darmian abbia fatto la differenza. Il neo acquisto granata dovrà migliorare nella fase offensiva, cercando di aprire gli spazi e creare occasioni come faceva l’attuale giocatore del Manchester. Per il resto, però, i numeri fanno ben sperare, e la giovane età ancora di più: con gli insegnamenti di Ventura, Zappacosta ha tutte le carte in regola per seguire la strada tracciata da Darmian e diventare un giocatore di primissimo livello. Non resta che aspettare fiduciosi, il campo dirà la sua. 

PRIMO ASSAGGIO A BORMIO – Nel ritiro della Valtellina, l’ex orobico ha assaporato per la prima volta il gusto granata. Dal quel ”Forza Toro” alle prime scorribande sulla fascia, ieri, contro il Renate. Zappacosta si è calato nella parte, sa che dovrà lavorare molto, dapprima per poter ‘scalzare’ Bruno Peres – ad oggi prima scelta per la corsia di destra – successivamente per conquistare il popolo granata. In punta di piedi, bruciando l’erba avanti e indietro: come fece Matteo Darmian, prima di spiccare il volo verso il grande calcio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy