Torino, Zappacosta voto 6: pazienza e lavoro per essere protagonista nel ritorno

Torino, Zappacosta voto 6: pazienza e lavoro per essere protagonista nel ritorno

Il Pagellone di Natale di TN / L’esterno dopo un avvio incerto ha offerto prestazioni in crescendo: può diventare una pedina molto importante

Arrivato durante l’ultimo calciomercato dall’Atalanta, l’esterno Davide Zappacosta ha rappresentato il colpaccio della sessione estiva del Torino insieme al compagno Daniele Baselli: gli occhi di molti club importanti erano sui due gioiellini orobici che però alla fine sono approdati alla corte di Ventura, per merito di una straordinaria trattativa del ds granata Petrachi. Se il centrocampista ha vissuto certamente il momento più alto della sua carriera finora nella prima parte di stagione sotto la Mole, per poi subire un calo fisiologico circa dalla metà del girone d’andata, lo stesso non si può dire dell’esterno ex Avellino. Zappacosta non è infatti arrivato per ricoprire il ruolo di titolare ma per crescere attraverso gli insegnamenti di Ventura e sostituire al meglio Bruno Peres quando chiamato in causa.

Zappacosta pagelle di torino-genoa
L’esultanza di Zappacosta dopo il suo primo gol con la maglia del Torino.

AVVIO DIFFICILE – L’esordio è arrivato alla quinta giornata, nel match interno vinto per 2-0 contro la Sampdoria, ma da quel momento Zappacosta ha trovato spazio solamente in alcuni spezzoni e quasi mai è partito dall’inizio: a rallentare il suo definitivo inserimento negli schemi di gioco granata una serie di prestazioni abbastanza deludenti alle sue prime presenze con il Torino, nelle quali il ragazzo sembrava peccare un po’ di personalità, che non hanno quindi convinto Ventura ad affidargli troppo spesso la fascia destra. Nel corso di questo girone d’andata l’ex Atalanta ha però lavorato con impegno e dedizione ed ogni volta che è stato chiamato in causa ha sfoderato prestazioni via via migliori, trovando progressivamente la condizione fisica ottimale ed inserendosi sempre meglio nei meccanismi di gioco venturiani: si registra anche un suo gol molto bello messo a segno contro il Genoa, con un destro ad incrociare da fuori area che ha dimostrato come l’esterno sia pian piano cresciuto anche sotto l’aspetto della personalità.

Zappacosta
Zappacosta semina un avversario nel recente match contro l’Udinese

PRESTAZIONI IN CRESCENDO – Le ultime occasioni nelle quali è stato chiamato in causa sono state colte al volo da Zappacosta, che è sempre risultato uno dei migliori in campo per i granata: anche nella partita persa contro l’Udinese, al netto dei molti traversoni murati dagli avversari, l’esterno ha spesso preso il tempo ai friulani ed è riuscito a creare situazioni pericolose sull’out di destra. Il periodo di apprendimento sembra quindi terminato e nel complesso, fatta eccezione come detto per un paio di apparizioni iniziali, il giocatore non ha demeritato e sembra ormai pronto per diventare davvero una delle armi in più a disposizione di Ventura per questa seconda parte di campionato: una staffetta tra Bruno Peres ed il miglior Zappacosta sull’out di destra sarebbe veramente un vanto non di poco conto per il Torino; l’esterno adesso vuole e può essere protagonista di questa seconda parte di stagione.

CAMPIONATO

PRESENZE: 9

GOL: 1

MINUTI GIOCATI: 511

CARTELLINI GIALLI: 1

CARTELLINI ROSSI: 0

COPPA ITALIA

PRESENZE: 1

GOL: 0

MINUTI GIOCATI: 92

CARTELLINI GIALLI:0

CARTELLINI ROSSI: 0

VOTO: 6

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy