Torna il Mister della promozione

Torna il Mister della promozione

Gianni De Biasi nasce a Sarmede in provincia di Treviso nel giugno del 1956. Dopo un carriera di calciatore  passata con le maglie di Treviso, Inter (senza esordire), Reggiana, Pescara, Brescia, Vicenza e Palermo inizia quella di allenatore a Bassano, squadra dove aveva appeso le scarpette al chiodo.
Negli anni ’90 allena Vastese (C2), Carpi (C1), Cosenza (B dove retrocede), Spal (C2 con promozione) e nel ’99…

Commenta per primo!

Gianni De Biasi nasce a Sarmede in provincia di Treviso nel giugno del 1956. Dopo un carriera di calciatore  passata con le maglie di Treviso, Inter (senza esordire), Reggiana, Pescara, Brescia, Vicenza e Palermo inizia quella di allenatore a Bassano, squadra dove aveva appeso le scarpette al chiodo.
Negli anni ’90 allena Vastese (C2), Carpi (C1), Cosenza (B dove retrocede), Spal (C2 con promozione) e nel ’99 approda al Modena, voluto da Doriano Tosi, dove centra la salvezza in C1 e negli anni successivi prima la promozione in B e poi quella in A. Nel 2003 i gialloblù raggiungono una salvezza piuttosto tranquilla nella massima serie.
Nella stagione successiva De Biasi approda al Brescia di Roby Baggio nella sua ultima stagione da professionista. La squadra disputa un buon campionato arrivando a metà classifica.
Nel ‘04/’05 viene esonerato alla 23° giornata in seguito alla sconfitta interna contro l’Udinese e viene sostituito da Cavasin. Il Brescia a fine stagione retrocederà nella serie cadetta.

La storia recente la conosciamo, Urbano Cairo lo sceglie per allenare il nuovo Torino fc e la squadra al termine di una memorabile cavalcata approda in Serie A. Nelle 42 partite di campionato disputate nel ‘05/’06 il Toro ottiene 21 vittorie, 13 pareggi ed 8 sconfitte (minor numero del campionato). Le reti segnate sono state 51 contro le 31 subite, che hanno reso la porta di Taibi la meno battuta del torneo cadetto.
Da questi dati si comprende immediatamente la caratteristica fondamentale del Toro di De Biasi, schierato col 4-4-2: la solidità, soprattutto difensiva. I granata nello scorso torneo hanno sfruttato con efficacia il fattore campo facendo del Delle Alpi il campo meno violato della Serie B, appena 1 volta dall’Arezzo.
Squadra ed allenatore hanno attraversato un momento delicato in concomitanza con la ripresa dalla pausa natalizia e con il mercato invernale, tradotto in una sola vittoria (col Catanzaro), 7 pareggi e 3 sconfitte su 11 partite.
I granata hanno ricominciato a correre dalla gara interna con il Mantova di metà marzo e non si sono praticamente più fermati.
Ricordi indelebili per i cuori granata provengono dai play- off nei quali sono stati battuti prima il Cesena e poi il Mantova con la strepitosa rimonta al Delle Alpi, siglata da Rosina, Muzzi e Nicola.

A una manciata di giorni dal campionato ’06/’07 l’esonero ed ora, alla vigilia della partita con il Cagliari, il ritorno in granata. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy