Toro, a Cagliari un lungo digiuno di reti

Toro, a Cagliari un lungo digiuno di reti

Quella dei recenti incontri tra Cagliari e Torino è una storia ricca di pareggi e assai povera di reti.
Nella stagione 2003/2004, quella della promozione in A dei sardi guidati dalla seconda giovinezza del grande Gianfranco Zola, al Sant’Elia finì…
Quella dei recenti incontri tra Cagliari e Torino è una storia ricca di pareggi e assai povera di reti.
Nella stagione 2003/2004, quella della promozione in A dei sardi guidati dalla seconda giovinezza del grande Gianfranco Zola, al Sant’Elia finì a reti bianche: al termine di quel campionato il Toro di Ezio Rossi non riuscì ad agguantare nemmeno i play-off.
Con i rossoblu in A e i granata in B bisogna attendere qualche anno per un nuovo incrocio, incrocio che puntualmente arriva, questa volta nella massima serie, nel 2006/2007: finisce ancora a reti inviolate, con più Cagliari che Torino, pericoloso soltanto con un bel colpo di testa di Roberto Stellone.
L’anno successivo i granata di Novellino vengono duramente sconfitti per 3-0 grazie ad un super ex come Acquafresca, mentre nel 2008/2009 termina ancora sullo 0-0 ed è ancora una volta un ex, questa volta Rolando Bianchi, a mettersi in evidenza, con un magistrale colpo di testa salvato sulla linea dal portiere di casa Michael Agazzi.
Dunque un Toro a digiuno di reti da molti anni in terra sarda, ma chissà che il nuovo stadio e, soprattutto, il buon momento di forma dei granata, non invertano la tendenza.
 
Redazione TN
(Foto Dreosti)
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy