Toro, a Is Arenas scenario surreale

Toro, a Is Arenas scenario surreale

Per una decisione del prefetto di Cagliari la partita in programma domani pomeriggio a Is Arenas tra i sardi e il Torino si giocherà a porte chiuse, per via della situazione legata al nuovo stadio della società rossoblu, non ancora pienamente in grado di ospitare il pubblico.
Commenta per primo!
Per una decisione del prefetto di Cagliari la partita in programma domani pomeriggio a Is Arenas tra i sardi e il Torino si giocherà a porte chiuse, per via della situazione legata al nuovo stadio della società rossoblu, non ancora pienamente in grado di ospitare il pubblico.
Di questa vicenda si è già parlato abbondantemente, anche in queste pagine, ma resta il fatto che si giocherà in uno scenario surreale, in grado di provocare qualche possibile problema agli uomini di Giampiero Ventura.
Se infatti è vero che il Cagliari di Pulga non avrà dalla sua i suoi sostenitori, una tifoseria molto calorosa capace di far davvero valere il fattore campo, è altrettanto vero che sarà difficile abituarsi ad una cornice del genere.
L’atmosfera infatti sarà quella di un allenamento, con un quasi totale silenzio attorno ai giocatori tranne, ovviamente, le urla e gli schiamazzi provenienti dal campo e dalla panchina.
Un allenamento si diceva, però con i tre punti in palio, una posta piuttosto alta che consentirebbe al Toro di fare un ulteriore, significativo passo verso la salvezza e di staccare le concorrenti.
Sarà dunque difficile ma importantissimo tenere lo stesso la concentrazione al massimo, anche senza l’assordante rumore del pubblico circostante.
Le porte chiuse in questo modo si trasformano in un’arma a doppio taglio: un vantaggio ma anche uno svantaggio per chi non è abituato a condizioni simili.
I ragazzi di Ventura dovranno superare anche questo ostacolo, tenendo però chiaramente presente che la stessa situazione si presenterà anche per i padroni di casa.
 
Roberto Maccario
 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy