Toro, a Parma una vittoria per nulla scontata

Toro, a Parma una vittoria per nulla scontata

L’analisi a mente fredda di Parma – Torino / Per i granata una sfida insidiosa, da cui i ragazzi di Ventura sono usciti bene

Commenta per primo!

Quella di Parma era una trasferta che, differentemente da quanto si potesse pensare, poteva nascondere per il Torino numerose insidie.

A cominciare dagli avversari, ultimi e con un fallimento societario sulle spalle ma orgogliosi e capaci di bloccare sullo 0-0 la Roma di Garcia. Su questo campo, inoltre, sono cadute anche Inter e Fiorentina, per cui la gara non era da sottovalutare.
E non lo hanno fatto i ragazzi di Mister Giampiero Ventura che, pure in un ambiente surreale e con addosso le fatiche fisiche e mentali della partita di giovedì sera contro lo Zenit in Europa League, sono subito scesi in campo con il piglio e la concentrazione giusta, trovando il gol con il solito Maxi Lopez dopo venti minuti e venendo agevolati, questo va detto, dall’espulsione di Lucarelli al 36′.
Da lì la gara, per il Torino, è stata in discesa, con i parmensi che però non hanno mollato, hanno cercato di rendersi pericolosi in avanti e, con un sussulto d’orgoglio, hanno anche colto un palo con Ishak Belfodil.
Poteva essere il pareggio, ma a chiuderla è stato invece Basha, tornato finalmente utile alla causa del Toro e protagonista dopo un calvario durato un anno intero.
Buone le prove, oltre che di Basha, di Molinaro, Darmian e Maxi Lopez, in ombra, invece, Bruno Peres, ma le occasioni per riscattarsi non mancheranno: tra due settimane, infatti, c’è l’Atalanta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy