Toro, a Rennes fondamentali gli esterni

Toro, a Rennes fondamentali gli esterni

Verso Rennes – Torino / Bruno Peres, Zappacosta, Avelar e Molinaro dovranno dare una grossa mano ai tre difensori granata

1 Commento
zappacosta, baselli

L’amichevole in programma questa sera alle 20 allo Stade de la Route de Lorient a Rennes contro lo Stade Rennais sarà il test più probante di questo precampionato estivo 2015/2016 per il Torino, dopo che i granata, a Bormio, hanno affrontato Bormiese, Grosio, Sondrio, Savona e Renate (queste ultime due, squadre di Lega Pro, le più ostiche) e in attesa di sfidare il 5 agosto a Chatillon la Pro Vercelli di Mister Scazzola.

TEST PROBANTE – Test interessante dunque, e la possibilità, per il tecnico genovese, di fare degli esperimenti, provando tutti gli elementi a disposizione all’interno della sua rosa, per far mettere a tutti minuti nelle gambe, anche in vista del debutto ufficiale in programma in Coppa Italia il 15 agosto.

GLI SCHIERAMENTI – I francesi, allenati da Philippe Montanier, sono una squadra veloce e rapida, che mette in campo un frizzante 4-3-3, modulo solitamente utilizzato dai transalpini.

I granata scenderanno invece in campo, con ogni probabilità, con il loro consueto 3-5-2: due schieramenti che potrebbero dar vita a un bell’incontro.

Se il Toro infatti potrebbe avere fin da subito il comando della mediana, sfruttando la superiorità numerica e metà campo, il Rennes potrebbe far male in attacco, soprattutto sugli esterni e soprattutto a sinistra, dove può contare su un giocatore di grande tecnica come Ntep.

FONDAMENTALE L’AIUTO DIFENSIVO DEGLI ESTERNI – Sarà dunque fondamentale l’apporto degli esterni granata in ripiegamento difensivo: Avelar e Molinaro da una parte, Bruno Peres e Zappacosta dall’altra dovranno tornare in difesa per dare man forte ai compagni, per impedire che Maksimovic e Moretti o chi per loro siano costretti ad allargarsi lasciando così ampie voragini al centro della retroguardia.

Tutto da vivere sarà anche il duello tra Kamil Glik e Ola Toivonen, con il centrale polacco che avrà pane per i suoi denti contro il fisico e il fiuto del gol dello svedese, in rossonero dalla scorsa estate ma con alle spalle una lunga esperienza in un club blasonato e prestigioso come il PSV Eindhoven.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sergio Rossi - 2 anni fa

    Finalmente potremo annusare le potenzialita’ del Toro in una partita, si’ amichevole, ma contro un avversario vero, di sostanza. Sono molto curioso…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy