Toro, al derby a muso duro

Toro, al derby a muso duro

L’editoriale di Gino Strippoli / Grinta, intelligenza e tanta corsa è quello che serve ai granata questa sera contro la Juventus

di Gino Strippoli

Il derby di quest’anno, ma in realtà da più anni, è sempre stata una lotta impari. Se da una parte c’è una squadra, quella bianconera, ricca di campioni grazie alla ricchezza societaria e agli ingaggi favolosi che li fanno accorrere al primo richiamo, dall’altra parte c’è il Toro, la storia del calcio, la leggenda, una squadra che è stata costruita stagione dopo stagione, nell’era Cairo, e che piano piano sta cercando di tornare nel calcio che conta sia in Italia che in Europa, ma sicuramente inferiore tecnicamente ai bianconeri. Il Toro di Bersellini era sicuramente una compagine più debole rispetto alla Juventus di Platini eppure riuscì a vincere con corsa, grinta e orgoglio. Stessa cosa si può dire per Sonetti e il Toro di Rizzitelli che piegò la Juventus. Quelle due squadre bianconere dominavano il campionato italiano ma non riuscirono mai a piegare il Toro.

Certi derby si possono vincere, come vinse Davide contro Golia, con astuzia sicuramente, ed è la prima regola che i granata dovranno osservare, la furbizia di non cadere nei tranelli di entrate troppo impetuose per evitare facili cartellini gialli se non rossi. Si può essere poi duri incutendo paura agli avversari già nel tunnel che li porterà poi sul campo. I derby non si affrontano con i sorrisini e gli abbracci nel sottopassaggio, basta strette di mano. Quelle si possono fare in altri luoghi ma non nello Stadio Grande Torino e per un derby contro i bianconeri. Uno sguardo cattivo verso un giocatore bianconero fa più paura di un entrata da tergo che servirebbe solo ad avvantaggiare la squadra avversaria. Giocatori come Rincon, Izzo, Meitè, Belotti, Ola Aina, Nkoulou, Djidji hanno nella loro fisicità un valore che devono mettere in campo e fare esplodere.

Torino-Juventus, facce da derby /1: gli auguri di Bianchi, Fontana, Dossena e il Tir

Il Toro poi dovrà agire con  aggressività, con un pressing asfissiante, mordendo il giusto le caviglie dei bianconeri. Se riflettiamo sulla classifica e sulle statistiche il Toro sarebbe già condannato, ma lo era anche Davide contro Golia. 21 punti di differenza  sono davvero tanti cosi come la differenza reti che vede i bianconeri in campionato con 32 reti all’attivo e solo 8 al passivo rispetto al Toro che di gol ne ha segnati 19 e subiti 16 che ne fanno comunque la quarta migliore difesa del campionato. Ma la condanna  non può mai avvenire prima di una sentenza definitiva, quella la darà il campo dopo i 90 minuti regolamentari e al limite con l’aggiunta di quelli di recupero.

Ecco perché il Toro oggi deve mentalmente partire alla pari, senza paure reverenziali. Se da una parte ci sarà Ronaldo il Toro avrà un giocatore come Izzo che sicuramente giocherà con l’orgoglio e la grinta che tutti gli riconoscono. Se loro avranno Mandzukic i granata avranno un giocatore come Nkoulou capace di rispondergli per le rime. A centrocampo il Toro può dire la sua perché la mediana granata ha tre giocatori che sanno essere grintosi e hanno capacità tecniche tali da poter competere contro i bianconeri. Il carattere del Toro dovrà superare la forza della Juventus, che si sa bene quanto sia una corazzata, che però non è invincibile e lo ha dimostrato lo Young Boys. Al Toro non serve la simpatia che ha dichiarato Chiellini nei confronti della squadra granata, quelli sono respinti e nessun tifoso granata li accoglierebbe mai con sé.

Basta con queste simpatie gratuite, il derby è derby: è scontro, durezza e orgoglio. Già un orgoglio di indossare la maglia granata, di sentirsela sulla propria pelle, di vincere per quei tifosi che hanno come fede il Toro. Già, il Toro non è passione ma è fede! Scendere in campo con la mentalità giusta è quello che dovranno fare i granata, l’impatto con i primi minuti dirà subito che partita sarà e cosa potrà regalare il Toro ai suoi tifosi che vorranno a fine partita uscire a testa alta in un modo o nell’altro, che si vinca o che si perda, ma a testa alta sempre!

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 4 mesi fa

    Concordo con l’autore dell’articolo in tutto, ma NON quando parla del pre-partita.
    NON RENDIAMOCI RIDICOLI, PER FAVORE!
    Intanto che un’occhiataccia incuta paura ai bianconeri mi fa sorridere, anzi proprio ridere!
    Questi, gli juventini, vanno in giro per il mondo a giocare con tutte le squadre più famose, potenti e vincenti, incontrano campionissimi che si esprimono ai più alti livelli, e si fanno spaventare da uno sguardo “maligno” dei nostri ragazzi?!
    Mantenere onore e dignità vuol dire anche non scadere nel patetico, e non rendersi, ripeto, ridicoli o “maleducati”!
    Il derby, di sabato sera, probabilmente lo guarda metà Italia calcistica: manteniamo, ripeto, la “dignità”!
    Se a Chiellini il Toro “sta simpatico”, a Belotti “fa piacere che la Juve brilli in Champions”, per esempio!
    Loro sono “superiori” alle “beghe da bar”:sostanzialmente non ci temono? Sono “amabili ed amichevoli”? Bene, noi non siamo da meno!
    Almeno formalmente, dimostriamo lo stesso
    “SAVOIR FAIRE”: avversari a viso aperto, non nemici!
    NON deve passare il messaggio che per loro sia una partita qualunque, di “routine”, e per noi “la partita della vita”: in questo caso, sì, che ci dimostreremmo “fragili”!
    E poi non possiamo chiedere ai nostri ragazzi di non “dare la mano” a quelli che, per esempio, sono i loro compagni in Nazionale!
    E la mano DEVONO stringersela comunque, secondo regolamento!
    Suvvia, un po’ di stile e di leggerezza!
    È solo giocando bene, precisi ed aggressivi, ma anche ordinati e possibilmente corretti, che daremo filo da torcere agli juventini e non “presteremo il fianco” ai biechi attacchi degli arbitri!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

    #SPACCHIAMO il culo a sti stronzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. torotranquillo - 4 mesi fa

    Meetere Zaza come foto sotto quel titolo tutto grinta e volontà è una pessima scelta di redazione. Mi auguro che vada in panchina, dove forse ci starebbe meglio Millico ( e non sono uno che osanna i giovani primavera). Spero solo che non l,o inquadrino di nuovo che fa sorrisi, occhiolini e gioca con la bottiglietta perché nonostante la mia flemma e positività (come si evince dal nickname) non risponderò di me.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

      Ottima scelta invece!!!
      Sosteniamo tutti coloro che indossano la maglia granata senza se e senza ma.
      Gli avversari sono quelli in bianco e nero.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 4 mesi fa

        Concordo pienamente!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

          Grazie madama!! Sempre e solo forza toro

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy