Torino, anche Amauri è pronto a ruggire nel finale di stagione

Torino, anche Amauri è pronto a ruggire nel finale di stagione

Focus on  / L’attaccante italo-brasiliano, che non ha convinto pienamente nella sua esperienza granata finora, è pronto a dare il suo contributo nel finale di stagione

Progressione fulminante. Tunnel a di Loreto e tiro rasoterra che batte Calderoni in uscita. Questo è stato l’impatto devastante che ebbe Amauri sul derby dell’ottobre 2008. Il suo gol condannò il Toro a una sconfitta per 1 a 0. Sette anni dopo il centravanti si trova a lottare e sudare per la maglia della squadra che colpì in quella stracittadina. Le prestazioni non possono certo dirsi esaltanti, ma tutti si augurano che l’attaccante possa dare il proprio contributo da qui alla fine del campionato. Sostenendo la squadra nel rush finale, con l’obiettivo di conquistare un posto in europa. 

LA LOTTA – Proprio la lotta è stata la costante dell’avventura granata del classe ’80. Una lotta contro tutti: contro i tifosi che lo ritenevano un ripiego last minute per la partenza di Cerci, contro i compagni per ritagliarsi uno spazio nelle gerarchie di Ventura e contro gli avversari per difendere i colori che veste.

MASSIMO IMPEGNO MINIMO RISULTATO – Nonostante tutto l’impegno profuso dal numero 22 granata i numeri della punta italo-brasiliana non sono esaltanti. 18 presenze e 1 goal in Serie A e 7 presenze condite da 2 segnature in Europa League non sono statistiche degne di un centravanti dell’esperienza e della caratura di Amauri. In più se all’inizio della stagione la punta ex nazionale italiana godeva della fiducia di Ventura, con il passare delle partite ha giocato sempre meno causa l’esplosione di Martinez e l’arrivo di Maxi Lopez.

POTENZA E ACROBAZIE – Ma la stagione non è terminata. Ci sono ancora 10 partite su cui Amauri può mettere la firma. La sua potenza straripante e le sue doti acrobatiche possono essere molto utili nell’area avversaria per scardinare anche le difese apparentemente impenetrabili. Se il Toro vuole tornare in Europa deve fidarsi di ogni suo giocatore, soprattutto di chi come Amauri ha tutte le qualità tecniche e caratteriali per fare la differenza.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy