Toro, anche i numeri lo dicono: l’approccio è sbagliato, nella ripresa arriva la riscossa

Toro, anche i numeri lo dicono: l’approccio è sbagliato, nella ripresa arriva la riscossa

L’analisi / La differenza tra primi e secondi tempi è lapalissiana: i gol e i tiri effettuati aumentano drasticamente

di Marco De Rito, @marcoderito

“Li ho ripresi nello spogliatoio e poi siamo rientrati con un altro piglio e abbiamo segnato il secondo gol”. Walter Mazzarri racconta così la reazione dei suoi giocatori che ha portato al momentaneo 2-0 granata sul Frosinone. Dopo un primo tempo concluso in fase calante, il Torino è rientrato dagli spogliatoi e dopo 1′ ha segnato. Non si tratta di un caso isolato il match contro i ciociari, in più occasioni – in queste prime giornate di campionato – il Toro ha svolto una prima parte di gara sottotono e dopo nel secondo tempo c’è stata un riscossa che ha portato punti preziosi. Dalla rimonta contro l’Inter a San Siro dove i granata partivano in svantaggio di due reti e poi hanno rimontato, al gol di Nkoulou contro la SPAL arrivato al 52′, passando per il pareggio contro l’Udinese arrivato a 4′ dall’inizio della ripresa. Con il Napoli solo una vana illusione la segnatura di Belotti che ha accorciato le distanze, mentre contro il Chievo il gol è arrivato a 2′ dalla fine.

LE STATISTICHE – Il Toro si scatena nei secondi tempi ma pecca nei primi 45′. Prima della sfida contro il Frosinone – dove è arrivato il gol di Rincon al 20′ – i granata non avevano mai segnato nelle prime frazioni di gara. Su nove gol segnati dal club piemontese, sino ad ora, ben 8 sono stati siglati nelle riprese. Analizzando meglio il dato si può cogliere che ben il 56% delle reti sono state effettuate nei primi 15′ del secondo tempo. Durante il break dagli spogliatoi granata Mazzarri e il suo staff si deve far sentire con i giocatori, perché la scossa è evidente e lo segnalano anche i numeri. Ciò vale sopratutto per l’attacco, per quanto riguarda le reti subite non si nota molto la differenza.Le reti che la difesa granata prende sono pressoché equamente divise: 5 nel primo tempo, 4 nel secondo. Non sono solo i gol che evidenziano la riscossa granata, ma anche i tiri effettuati hanno un aumento del 133% nel secondo tempo (70 tiri) rispetto al primo (30 tiri).

APPROCCIO DA CORREGGERE – La differenza tra le due frazioni di gioco è evidente. Mazzarri, durante la sosta per le nazionali avrà modo per riflettere e pensare a come mettere una pezza alla situazione. E’ probabile che, visto anche i carichi atletici pesanti effettuati nel precampionato, la squadra non goda ancora di brillantezza e difficilmente riesce a tenere alti i ritmi per 90′. I primi 45′ delle partite del Toro però sono spesso sprecati, mettono in salita la partita e fanno perdere punti che potrebbero essere utili. E’ comunque interessante, dal punto di vista psicologico, notare che la squadra abbia una reazione importante, dopo esser passata in svantaggi. L’approccio alle gare, però, dev’essere migliorato perché non sempre si riesce a rimettere in careggiata la partita; la gara contro il Napoli insegna. In quell’occasione Mazzarri ha ammesso che l’atteggiamento iniziale sbagliato ha poi condizionato tutto il match. Il problema è palese, vanno cercate le giuste risoluzioni per porvi il rimedio, nel minor tempo possibile.

Torino, poco spazio per Bremer: riflessioni sul difensore brasiliano

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 2 mesi fa

    Certo, l'”optimum” sarebbe tenere ad alti livelli x 90 minuti di fila, ma ,x me, meglio “rimontare” , o andare in vantaggio, nel secondo tempo, piuttosto che non farsi irrimediabilmente raggiungere o superare, nei minuti finali, come negli anni scorsi.
    Per ciò che i guarda la partita con il Frosinone, non dimentichiamo che Longo ha dato filo da torcere anche alla Juventus, che è riuscita a passare, e di misura, solo negli ultimi minuti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy