Toro- Atalanta, precedenti sempre sul filo di lana

Toro- Atalanta, precedenti sempre sul filo di lana

Negli ultimi anni le sfide tra Torino e Atalanta con i granata padroni di casa hanno sempre riservato emozioni forti e sono sempre state molto combattute.
Nella stagione 2003/2004 in serie B i nerazzurri , poi promossi nel massimo campionato, espugnarono il Delle Alpi battendo il Torino di Ezio Rossi per 1-0 con rete dell’ex Marcolini.
Due…
Negli ultimi anni le sfide tra Torino e Atalanta con i granata padroni di casa hanno sempre riservato emozioni forti e sono sempre state molto combattute.
Nella stagione 2003/2004 in serie B i nerazzurri , poi promossi nel massimo campionato, espugnarono il Delle Alpi battendo il Torino di Ezio Rossi per 1-0 con rete dell’ex Marcolini.
Due anni dopo, nel 2005/2006, di nuovo al Delle Alpi e di nuovo in cadetteria,  le due squadre diedero vita ad un incontro scoppiettante terminato sul 2-2: da segnalare che nella Dea andò a segno con una doppietta il futuro attaccante granata Nicola Ventola. Al termine di quella stagione, la prima dell’era Cairo, entrambe le squadre vennero promosse: l’Atalanta direttamente, il Toro passando per i leggendari play-off contro il Mantova.
Quello successivo fu però un campionato difficile in casa granata, con la salvezza arrivata solo sul filo di lana. Numerose le sconfitte, tra cui quella con i bergamaschi nel nuovo stadio Olimpico per 2-1: la rete di Elvis Abbruscato riuscì a salvare l’onore ma non consentì al Torino di pareggiare i conti.
Nei due anni successivi fu invece il Toro ad avere la meglio: nel 2007/2008 decise una rete di Simone Barone mentre nel 2008/2009 i mattatori di giornata furono Nick “piede caldo” Amoruso su cross di Rubin e Roberto Stellone, con i nerazzurri che accorciarono con l’ inutile gol di Floccari.
Due stagioni più tardi però fu di nuovo serie B per entrambe e all’Olimpico la nuova Atalanta dell’ambizioso presidente Percassi ebbe la meglio sui disastrati granata di Lerda: illusorio vantaggio di Antenucci di fronte ad uno stadio vestito a festa, poi risultato ribaltato da Peluso e Bonaventura con un bolide a tempo scaduto che superò Rubinho nella giornata dell’esordio in granata di Denilson Gabionetta. A fine stagione bergamaschi trionfalmente in A e Toro che non raggiunse nemmeno i play-off, prima del salvifico arrivo di Giampiero Ventura.
Domenica una nuova sfida e, se la tradizione verrà confermata, chiunque raggiunga la vittoria se la dovrà sudare parecchio.
 
Redazione TN
 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy