Toro, attento al Cagliari

Toro, attento al Cagliari

Il 7 ottobre, alla settima giornata contro il Cagliari, arrivava la seconda sconfitta casalinga per la truppa di Ventura. Ai rossoblu basta un rigore di Nenè nella ripresa per uscire dall’Olimpico con il bottino pieno. Era l’esordio sulla panchina cagliaritana della coppia Pulga-Lopez, al posto di Ficcadenti,…
Il 7 ottobre, alla settima giornata contro il Cagliari, arrivava la seconda sconfitta casalinga per la truppa di Ventura. Ai rossoblu basta un rigore di Nenè nella ripresa per uscire dall’Olimpico con il bottino pieno. Era l’esordio sulla panchina cagliaritana della coppia Pulga-Lopez, al posto di Ficcadenti, esonerato dopo la sconfitta in Sardegna contro il Pescara. I frutti della scossa in panchina li paga subito il Toro.
 
SOTTOTONO E PENALIZZATO – Il Cagliari tutto sommato non ruba niente, perché i granata giocano una gara decisamente sottotono. Altrettanto vero che gli episodi, soprattutto arbitrali, non favoriscono certo la squadra di Ventura. Celi infatti assegna un rigore contro il Toro per un fallo di mano di Glik che ai più sembra involontario. Al difensore polacco arriva addosso una bordata ravvicinata di Astori, che sbatte contro le braccia completamente attaccate al corpo. Ad inizio gara il direttore di gara aveva sorvolato proprio su un tocco di mano di Avelar in area sarda. In questo caso invece non ha dubbi e decreta il rigore che deciderà la partita. Perché il pareggio trovato da Bianchi pochi minuti dopo viene annullato per un fuorigioco molto al limite.
 
POCA CONCRETEZZA – Senza esaltare, il Toro le sue occasioni però le crea, in particolare con Bianchi, che però non riesce a bucare Agazzi. La manovra dei granata stenta a trovare fluidità, Cerci e Stevanovic sugli esterni non pungono, Sgrigna in appoggio al Capitano combina pochino. Gli ospiti invece sfruttano lo slancio del vantaggio e colpiscono ancora un palo con Ibarbo in contropiede e costringono poi al miracolo Gillet su un sinistro velenoso di Nenè. Poi l’episodio del gol annullato che, in pratica, chiude la sfida. Negli ultimi 10’ minuti non succederà infatti più niente.
 
RIVINCITA – Ventura adesso cova la vendetta nei confronti del duo Pulga-Lopez, che allora conquistarono il primo successo stagionale del Cagliari. La squadra sarda ora naviga in brutte acque. Non bastasse la situazione di classifica traballante, nella scorsa settimana è arrivato anche l’arresto del presidente Cellino nell’ambito dell’inchiesta sullo stadio ‘Is Arenas’.Nella gara di domenica, in programma alle 15, Ventura vuole comunque servire il freddo piatto della rivincita.
 
Emanuele Olivetti
(foto zimbio.com) 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy