Toro, attento: il Napoli sta bene

Toro, attento: il Napoli sta bene

Domenica i granata troveranno una squadra in salute che è tra le migliori del campionato. Ma per certi versi potrebbe essere un momento non del tutto sfavorevole per incontrarla.

SBANCATO IL VELODROME – Il mese di Ottobre era cominciato, per i napoletani, con un passo…

Domenica i granata troveranno una squadra in salute che è tra le migliori del campionato. Ma per certi versi potrebbe essere un momento non del tutto sfavorevole per incontrarla.

SBANCATO IL VELODROME – Il mese di Ottobre era cominciato, per i napoletani, con un passo falso in Champions League con l’Arsenal: il 1° ottobre all’Emirates Stadium il team di Benitez dovette cedere il passo per 2-0 a una squadra che è sicuramente tra le più temibili, al momento, a livello europeo. Hamsik e compagni hanno però subito messo a tacere le prime perplessità sul loro conto surclassando il Livorno al San Paolo per 4-0. Dopo la sosta, è sì arrivata un’altra sconfitta, all’Olimpico con la Roma, ma la storia della partita ha detto che il risultato avrebbe potuto essere diverso viste le occasioni mancate da Pandev e Insigne e la discutibile espulsione di Cannavaro. Ieri, infine, è arrivata la bella vittoria del Velodrome: 1-2 il risultato finale (reti di Callejon e Zapata), che rilancia alla grande le quotazioni partenopee nel girone F di Champions League.

TOUR DE FORCE ALLE PORTE – La sfida col Toro si colloca, però, all’inizio di quello che sarà per il Napoli un ciclo ravvicinato di impegni, alcuni dei quali davvero molto importanti. Dopo la partita di domenica, Benitez sarà ospite della Fiorentina nel turno infrasettimanale, e poi ci saranno Catania in casa, la partita di ritorno col Marsiglia in casa (che potrebbe risultare determinante per la qualificazione agli ottavi Champions) e lo scontro con la Juventus del 10 novembre. Benitez, conscio delle difficoltà che comporta un calendario così serrato, potrebbe quindi optare per un po’ di turn-over, concedendo magari un turno di riposo ad alcuni titolarissimi (per esempio Callejon, al momento uno dei 2-3 migliori attaccanti esterni della Serie A). Da considerare poi il fatto che Gonzalo Higuain è appena tornato da un infortunio e potrebbe non avere ancora i 90 minuti nelle gambe.

Certo, è difficile che ciò possa rendere più facile il compito dei granata, visto che Benitez starà sicuramente attento a tenere sul pezzo i suoi, che non devono perdere altri punti dalla Roma, e vista la qualità della rosa del Napoli, che vanta come “rincalzi” giocatori come Mertens, davvero determinante ieri sera al Velodrome. Tuttavia ci sono elementi per fare ben sperare i granata, che peraltro hanno dimostrato fin qui di poter creare problemi a chiunque.

Gianluca Sartori
(foto Dreosti)
 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy