Toro, Barreto sarà la tua arma in più

Toro, Barreto sarà la tua arma in più

3 mesi lontano da tutto e da tutti, senza sentire il profumo dell’erba degli stadi di Serie A, senza calzare gli scarpini se non per andare ad allenarsi con l’intento di non ingrassare – perchè è questo che succede durante lunghi periodi di inattività, si prende peso -, senza provare l’emozione, la gioia e l’ebrezza di…
3 mesi lontano da tutto e da tutti, senza sentire il profumo dell’erba degli stadi di Serie A, senza calzare gli scarpini se non per andare ad allenarsi con l’intento di non ingrassare – perchè è questo che succede durante lunghi periodi di inattività, si prende peso -, senza provare l’emozione, la gioia e l’ebrezza di un gol. Deve averne passate di tutti i colori, Paulo Vitor Barreto, il brasiliano del Toro squalificato per 3 mesi in seguito allo scandolo del calcioscommesse. Tre mesi intensi, di allenamenti duri e provanti, per non perdere la condizione fisica e farsi trovare pronti (o quasi) per la prima chiamata di Ventura dopo l’inferno.

Certo, l’inferno, perchè sicuramente, per l’attaccante, non deve essere stato un periodo facile, soprattutto dal punto di vista umano. La società gli è stato vicino, come bisogna fare in questi casi affinchè il giocatore non si perda. Per l’attaccante granata, dunque, il periodo di stop è praticamente finito e sarà già convocabile da Ventura a partire dalla sfida in notturna contro l’Inter di domenica prossima. Lui vuole esserci, per ripagarare con la stessa moneta, quella della fiducia, la società e i tifosi che hanno sempre creduto nella sua innocenza.

Ovviamente, tra un allenamento in Sisport e una partita di Serie A la differenza è abissale. Non sarà facile recuperare in fretta il ritmo partita, anche perchè Barreto non gioca una partita ufficiale da maggio, escludendo sgambettate in famiglia e amichevoli, come quella disputata oggi dal Torino contro l’Asti, formazione di Serie D. Aldilà del risultato (8-0), questa partitella è servita a Ventura per testare le condizioni dell’attaccante nativo di Rio de Janeiro, che sono parse ottime nonostante un paio di chiletti di troppo, che è assolutamente fisiologico dopo 3 mesi di totale inattività. Barreto è pronto, il suo agente Zilli l’ha visto carico e a meno di sorprese, lo vedremo nella lista dei convocati che affronteranno l’Inter domenica prossima. La coperta in attacco non è corta, ma non c’è nemmeno da stare allegri: Larrondo starà fuori ancora un mese e Barreto, che lo andrà a sostituire, potrebbe rappresentare davvero l’arma in più di questo Torino.

 
Federico Lanza
 
(foto Dreosti)
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy