Toro, la risalita tardiva di Baselli: a Napoli il ritorno al gol dopo quasi sei mesi

Toro, la risalita tardiva di Baselli: a Napoli il ritorno al gol dopo quasi sei mesi

Focus On / Il centrocampista di Manerbio si è ripreso la fiducia di Mazzarri disputando delle ottime gare nelle ultime partite

di Marco Notaro, @MarcoNotaro17

Il pareggio di Napoli ha dato diversi segnali positivi a Mazzarri, un Toro che risponde ancora con orgoglio sul campo e con la volontà di giocarsela con tutte fino a fine stagione. Tra gli elementi più positivi della partita di domenica pomeriggio c’è di sicuro Daniele Baselli, che è anche tornato al gol, il terzo del campionato, dopo una lunga astinenza (non segnava dal 19 novembre, data di Torino-Chievo 1-1). Una ritorno al gol che è coinciso con la prima partita con al braccio la fascia di capitano, vista l’assenza di Belotti dall’undici titolare, la squalifica di Moretti e la panchina di Molinaro.

FIDUCIA – Mazzarri nutre grande rispetto e fiducia nei confronti del numero 8 granata. Un centrocampista duttile, capace di tamponare (in ogni gara è sempre tra i migliori granata in quanto a distanza chilometrica percorsa) come di impostare. La sua versatilità a ricoprire più ruoli potrebbero essere una chiave anche per il centrocampo del futuro. L’ex Atalanta, quest’anno, è stato impiegato da mezzala, mediano e anche all’occorrenza da trequartista: ma è stata una stagione strana anche per Baselli, che quest’anno era chiamato alla consacrazione definitiva. Alti e bassi si sono susseguiti più volte in questo campionato ed il suo rendimento a sprazzi lascia un po’ l’amaro in bocca, soprattutto per quanto sta facendo vedere in un finale di stagione decisamente in crescendo. La prima volta da capitano di Napoli potrebbe coincidere, forse, anche con una sua personale svolta ed il ritorno al gol dopo tantissimo tempo è un altro buon segno.

INCOMPIUTO – Non ci sono dubbi sul fatto che il centrocampista di Manerbio possa fare meglio, in termini di continuità. L’anno scorso il Torino ha effettuato un importante investimento sul ventiseienne centrocampista, con il rinnovo del contratto a cifre da top player granata. Durante questa stagione, Baselli non si è mai tirato indietro dal prendersi le sue responsabilità ma al tempo stesso in qualche frangente ha avuto una mancanza di personalità. Resta uno dei giocatori più importanti della rosa granata, e in quanto tale è un elemento che certamente ha mercato. Al club granata spetterà decidere se trattenerlo e rinnovargli la fiducia o eventualmente sacrificarlo per una cessione remunerativa che possa far incamerare risorse da reinvestire.

 

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13868308 - 6 mesi fa

    Baselli è scarso e oltretutto svogliato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Filadelfia - 6 mesi fa

    Baselli NON si tocca. Nel Toro del futuro servono piedi buoni e gente che da del tu al pallone. Pertanto la conferma di Baselli è scontata oltechè doverosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 6 mesi fa

      E perché mai sarebbe doverosa? Che cosa gli dobbiamo? Per i soldi che prende dovrebbe dare 10000 volte più di quello che fa. Ma chi sei tu, il suo procuratore?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. SiculoGranataSempre - 6 mesi fa

    Io penso che qualunque calciatore può e deve essere criticato quando se lo merita, ancor di più se è della tua squadra e le critiche a Baselli sono legittime. Ma perché insultare? Non capisco. Ancor di più un nostro giocatore. Questa forma di, “tifo” non mi piace. Invito la testata a cancellare. Grazie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marchese del Grillo - 6 mesi fa

    Sempre più spesso la nostra rosa mi ricorda l’Armata Brancaleone! Dentro c’è di tutto, senza capo né coda!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Marchese del Grillo - 6 mesi fa

    Se penso che in questo momento a centrocampo abbiamo (o meglio sarebbe dire NON abbiamo) gente come “scarpone” Acquah, sto femminiello di Baselli, “ossa di cristallo” Obi, quel pippone colossale di Rincon (88 nella tombola è “il provolone di Sorrento”), quell’inutile ameba di Vasodifiori!!! Ma vi rendete conto di come volevamo andare in Europa??? No, ma ci vogliamo un attimo rendere conto? Ma di cosa stiamo parlando?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Oscar777 - 6 mesi fa

    Ma di cosa stiamo parlando? Se non la deviava il difensore quella mezza sega di palla andava fuori o tra le braccia del portiere. Non me ne frega un cazzo se la regola dice che il goal va assegnato a chi tira…Baselli si deve svegliare…perche’ ha fatto un campionato da pena!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Marchese del Grillo - 6 mesi fa

    Basellino pisellino, detto anche “gambero di fiume”, un passo avanti e dieci indietro. Non è uno da Toro, nonostante gli sforzi per farcelo diventare (Miha docet). Vendere, vendere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 6 mesi fa

      Per crescere ci vogliono piedi “buoni” e cervello “fine”. Baselli queste doti le ha. Serviva anche Benassi ma il “mister” serbo ha deciso il contrario. Per fortuna NON decidi tu le conferme per il prossimo anno. E per fortuna il tuo “caro” Miha NON c’è più. Cosi non può più fare danni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 6 mesi fa

        Scusami perché scrivi “il tuocaro Miha”? Mica ho scritto che Mihajlovic per me è caro? Se rileggi ho solo scritto che ha provato a tiragli fuori le palle; tutta la polemica è storia più che nota. Purtroppo non c’è riuscito. Baselli è rimasto un invertebrato e basta andarsi a rileggere tutte le pagelle di quest’anno per averne conferma. E’ un eterno incompiuto e gli anni stanno iniziando a passare anche per lui. Che c’entra poi il discorso di Benassi?

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy