Toro, dall’arrivo di Pioli è un’altra Inter: i numeri del tecnico nerazzurro

Toro, dall’arrivo di Pioli è un’altra Inter: i numeri del tecnico nerazzurro

L’ex Lazio ha perso solamente contro Roma e Napoli: per il resto due pareggi e 12 vittorie in 16 gare sotto la sua gestione

2 commenti

E’ tutta un’altra Inter, rispetto all’andata, quella che affronterà i granata al Grande Torino sabato pomeriggio: i nerazzurri han cambiato tanto rispetto ad ottobre, prima di tutto in panchina, dove adesso siede Stefano Pioli, in luogo di quel Frank De Boer che salvò per un attimo il proprio posto dopo la vittoria di San Siro contro il Toro, per poi venire esonerato due partite più tardi.

Con Pioli la musica è decisamente cambiata: dopo il pareggio all’esordio del derby di Milano, maturato fra l’altro solo nel recupero, l’Inter con lui ha sempre vinto, perdendo solamente contro Roma e Napoli, e pareggiando allo Juventus Stadium contro i bianconeri. Un cammino da cavalcata scudetto, se l’avvio problematico con De Boer non avesse compromesso la classifica. Pioli, ad ogni modo, ha dato ritmo ed intensità al suo 4-3-3 mobile, spesso e volentieri schierato con un 4-2-3-1, uno dei suoi moduli preferiti sin dai tempi di Bologna.

Pioli, dunque, arriva al Grande Torino con uno score davvero impressionante, che parla di 12 vittorie, due pareggi e due sconfitte in un totale di 16 gare sotto la sua gestione. Da grande squadra anche il computo gol presi/gol fatti, con un rapporto di 15 (quelli incassati) a 37 (quelli fatti), con un trio d’attacco Perisic-Icardi-Candreva da stropicciarsi gli occhi per intensità e giocate.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Athletic - 3 mesi fa

    Pioli è l’esempio migliore di un bravo allenatore, che sa far rendere i giocatori che ha a disposizione. Mihailovic è uno di quegli allenatori che ha un solo modulo in testa e pretende che la società costruisca una squadra ad hoc per poterlo mettere in pratica. Ma questo, forse, può farlo una società con grandi disponibilità economiche, e che abbia voglia di affidarsi a lui ciecamente. Noi non siamo la società giusta. Ranieri non ha voglia di fare un miracolo in Italia, stavolta? Anche mezzo miracolo, andrebbe bene lo stesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. echoes - 3 mesi fa

    …e noi abbiamo Mihajlovic…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy