Toro, è un Ljajic inedito: quanto sacrificio per la squadra!

Toro, è un Ljajic inedito: quanto sacrificio per la squadra!

Focus on / Nella gara di ieri il serbo è stato il giocatore che ha percorso il maggior numero di kilometri in campo

di Alberto Giulini, @albigiulini

Decisivo nella gara di ieri contro l’Inter, Adem Ljajic sembra finalmente aver trovato la definitiva maturazione. Spesso criticato per la discontinuità e per la scarsa propensione al sacrificio, il giocatore serbo sta ora dando prova di essersi lasciato alle spalle quei difetti che ne stavano limitando una carriera potenzialmente di altissimo livello.

LIMITI CARATTERIALI Se le doti tecniche non possono assolutamente essere messe in discussione, lo stesso non si può invece dire dell’atteggiamento di Ljajic che, citando Petrachi, tende talvolta a comportarsi da prima donna. Un grosso limite, che va a compromettere il rendimento di un giocatore dalla classe cristallina. E se già i miglioramenti ad inizio stagione sono stati notevoli rispetto a quella passata, ora Adem sembrerebbe aver compiuto il definitivo salto di qualità. Merito, senza alcun dubbio, del lavoro compiuto da Walter Mazzarri che attraverso un lungo lavoro è riuscito ad inculcare nel giocatore quello spirito di sacrificio che fino ad ora gli era mancato.

video

CORSA E SACRIFICIO – Il tecnico toscano ha più volte relegato in panchina quello che, a livello tecnico, è il miglio elemento a sua disposizione. Una scelta sì controproducente per la squadra, che ha dovuto rinunciare alla fantasia del suo numero dieci, ma che sta regalando un Ljajic in grado di fare ancor di più la differenza. Emblematiche, in tal senso, queste ultime tre gare, in cui il serbo ha dato la priorità alla squadra, mostrando un grandissimo spirito di sacrificio. Nella gara di ieri contro l’Inter, Adem ha corso dal primo all’ultimo minuto andando più volte a prendere palla e rincorrendo per tutto il campo gli avversari. E se spesso veniva criticato perché tendeva a giocare troppo da fermo, il fatto che ieri sia stato il giocatore ad aver corso il maggior numero di kilometri la dice lunga sul salto di qualità che sta finalmente compiendo.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata63 - 3 mesi fa

    Mai visto correre così Ljaic dietro agli avversari. Speriamo sia l’inizio di una serie di vittorie. Non si può mai dire nel calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. byfolko - 3 mesi fa

    Se Ljajic avesse la continuità di Iago, sarebbe tra i 5 top player al mondo. E’ dai tempi di Scifo e M.Vasquez che non avevamo uno con questa tecnica individuale. Spero in una maturazione come quella che fu di Roberto Mancini, che esplose relativamente tardi se ben ricordate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. daunavitagranata51 - 3 mesi fa

    //////////////

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. daunavitagranata51 - 3 mesi fa

    E VAI FACCI GODERE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. daunavitagranata51 - 3 mesi fa

    A MÈ ADEM È SEMPRE PIACIUTO, BEH FORSE SI CARATTERE DIFFICILE, PRIMA DONNA OK, PERÒ RAGAZZI IN GIORNATA BUONA, NON CE NÈ PER NESSUNO, PENSO CHE IL PERIODO SABBATICO IN PANCHINA LE HABBIA FATTO PIÙ CHE BENE, PER RISETTARE UN PO I SUOI DIFETTI CARATTERIALI, IO PENSO CHE ABBIA CAPITO [CREDO E SPERO] CHE CON LA SOLA QUALITÀ DEI PIEDI NON BASTA A FAR UNA PLUSVALENTE E DIGNITOSA CARRIERA,
    IL CASTIGO DI SINISA PRIMA E WALTER DOPO LE ABBIA FATTO BENE, VAI ADEM SEI FORTE SFVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Conta7 - 3 mesi fa

    Che spettacolo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Conta7 - 3 mesi fa

    Leggere un dato simile fino a poche settimane fa poteva sembrare frutto della follia: e invece ci troviamo a parlare di uno LJAJIC – avete capito bene, proprio lui – che è stato il giocatore a correre di più!
    Il dato è incredibilmente prezioso e simbolico se inserito nel contesto delle caratteristiche strutturali del serbo: assolutamente d’accordo, quindi, sul fatto che grandi meriti debbano essere riconosciuti a Mazzarri.
    Ora l’errore più grave che si può commettere è pensare di essere arrivati: sarà altrettanto difficile tenerlo sulle corde giuste, ma sono sicuro che con un cazzuto come il mister in panchina possiamo stare un po’ più tranquilli…
    A mio modo di vedere il calcio, vedere un giocatore di quella qualità fare quello che ha fatto Ljajic nelle ultime 2 partite è una gran bella vittoria!

    Grande Adem, grande Mister… Avanti così!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Apam - 3 mesi fa

    Ma come si fa a dare sentenze del genere dopo 3 partite? Sarei ben contento che fosse così, ma magari tra un paio di partite torna l’indolente giocatore di prima. Keep calm e aspettiamo a dire cose del genere. Come molti altri slavi l’impegno non segue la classe e molti sono stati così per tutta la carriera…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. daunavitagranata51 - 3 mesi fa

      DEI NON GUFARE GODITI IL PRESENTE, CHE È UN CASINO DI TEMPO CHE NON SI GODEVA COME ADESSO

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13726000 - 3 mesi fa

    Grande Adem,il nostro 10…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Luke90 - 3 mesi fa

    A febbraio scrissi:
    Non conosco il gioco (psicologico) di Mazzarri su Ljajic; possiamo dire tutto su di lui .. ma è talentuoso e il talento non deve essere sprecato ma deve essere gestito.
    Probabilmente per lui è un momento particolare. Vedremo.
    Io la vedo così: ad un certo punto Adem entrerà … e non ce ne sarà per nessuno.

    Le risposte le lascio stare….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy