Toro, ecco il Nizza: Vieira guida una squadra giovane, Saint-Maximin la stellina

Toro, ecco il Nizza: Vieira guida una squadra giovane, Saint-Maximin la stellina

Gli avversari del Torino / Senza Balotelli manca una prima punta di peso. I rivieraschi schiereranno però una squadra giovane e con molti prodotti del vivaio

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Primo test probante della stagione per il Torino di Mazzarri, che oggi ad Alessandria (ore 18) sfida il Nizza di Patrick Vieira. L’ex centrocampista, leggenda del calcio francese, è alla prima stagione alla guida di una prima squadra in Europa. La carriera di allenatore è iniziata nel 2011 al Manchester City, dove ha chiuso la carriera da calciatore, club in cui ha passato quattro anni tra Under 19 e squadra riserve. Poi nel 2015 il trasferimento al New York FC dove ottiene un quarto ed un secondo posto con due relative partecipazioni ai playoff, fino ad arrivare alla rescissione consensuale di quest’anno a seguito della chiamata del Nizza.

FC Internazionale Training Session

CESSIONI IMPORTANTI – La prima stagione in Ligue 1, Vieira la affronterà con una buona squadra, decisamente dall’età media bassa, con tanti ragazzi cresciuti nel settore giovanile. Rispetto alla squadra che chiuse la scorsa stagione con un buon ottavo posto, piazzamento però non sufficiente per la partecipazione alle coppe europee, ci sono state due cessioni eccellenti: quella del centrocampista Jean-Michel Seri al Fulham per ben 30 milioni e quella dell’attaccante Alassane Plea (16 gol la scorsa stagione) al Borussia Monchengladbach per 23 milioni. Se a ciò si aggiunge la partenza imminente di Mario Balotelli, che dopo due buone stagioni in Riviera è prossimo a partire in direzione Marsiglia (l’italiano non è stato nemmeno convocato per la cessione di oggi), si capisce che al momento Vieira si presenta con una squadra “spuntata”, senza un attaccante di grande livello.

LEGGI: I convocati del Nizza per il Torino

I GIOCATORI – L’acquisto più oneroso è stato sin qui quello del centrocampista brasiliano Danilo dallo Sporting Braga (acquistato per dieci milioni). Oggi sarà lui a dare battaglia in mediana ai granata di Mazzarri. Gli altri giocatori più rappresentativi sono certamente il difensore brasiliano Dante (in molti lo ricorderanno in campo con la nazionale brasiliana nella storica sconfitta per 7-1 ai mondiali del 2014 contro la Germania) e l’esterno d’attacco Allan Saint Maximin. Tecnico e talentuoso, è nel giro della nazionale Under 21, alla sua seconda stagione in maglia rossonera vuole il salto di qualità per puntare ad una big del calcio europeo.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. carlo - 5 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy