Toro, Eraldo Pecci: eroe dell’ultimo scudetto con il granata nel cuore

Toro, Eraldo Pecci: eroe dell’ultimo scudetto con il granata nel cuore

Figurine / “Piedone” compie 63 anni: fu tra i protagonisti indiscussi dell’ultimo scudetto granata

di Redazione Toro News

Era il 12 aprile 1955 quando a San Giovanni in Marignano, comune di circa 9.340 anime nella provincia di Rimini, venne al mondo Eraldo Pecci. Un mediano di fosforo e qualità che, dopo gli inizi di carriera tra il Superga 63 di Cattolica e il Bologna, nell’estate del 1975 approdò al Torino. Un giocatore voluto e acquistato dal presidente Pianelli. Il suo innesto si rivelò decisivo per il Torino, che anche grazie a Pecci vinse il suo primo – e sinora unico – Scudetto del dopo-Superga. Centrocampista di buone geometrie e dall’ottimo temperamento, “Piedone” conta 154 presenze condite da 10 reti, in sei stagioni in granata.

Il matrimonio tra Pecci e il Torino finì nel 1981, quando il mediano finì prima alla Fiorentina per tre stagioni, prima delle esperienze con Napoli, Bologna e Vicenza. In carriera, ha racimolato anche sei presenze in Nazionale. Dopo il ritiro è stato commentatore televisivo, editorialista e anche scrittore, con il suo ultimo libro intitolato “Il Toro non può perdere” uscito nel 2014, sempre con la consueta arguzia, competenza e simpatia. Non è mai realmente uscito dal mondo granata, con i colori del Torino che in qualche modo faranno sempre parte della sua vita.

Da tutta la Redazione di Toro News, tanti auguri Eraldo!

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. torracofabi_640 - 5 mesi fa

    Mi unisco libro perennemente sul comodino!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. biziog - 5 mesi fa

    Ecco un giocatore da TORO e del TORO, oltre ad essere un fuoriclasse che non ha giocato con continuità in nazionale solo perché il blocco dei gobbi non lo voleva (come Pupi e Sala)
    il libro è bellissimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. robertozanabon_821 - 5 mesi fa

    Caro Eraldo, ho il tuo libro con dedica personale che ho letto tra un misto di risate e lacrime esattamente come la Storia del Torino. Ogni tanto ci incontriamo qui a Cattolica ed è sempre un piacere notare che il tuo “spiritaccio” simpatico ed intelligente ti accompagna e ti difende da un Mondo sempre più banale ed asettico.
    Il Toro non può perdere…e Pecci neanche.
    Tanti auguri di cuore…granata ovviamente!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. rokko110768 - 5 mesi fa

    Piedone Grande Cuore Granata. Il suo libro è molto bello, leggero e pieno di racconti di una squadra anzi di un Gruppo meraviglioso, Campioni nel modo di essere oltre che nel campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy