Grinta e occasioni da gol: finalmente si rivede il vero Belotti. Ora va servito meglio

Grinta e occasioni da gol: finalmente si rivede il vero Belotti. Ora va servito meglio

Focus on / Il gallo sembra aver ormai superato il ‘momento no’: contro l’Atalanta si rivede la luce in fondo al tunnel

6 commenti

Guarda un po’ chi si rivede! Belotti è tornato. O almeno così si può dire dopo aver visto lo spirito con cui il capitano granata è sceso in campo contro l’Atalanta. È vero, il gol in campionato non è ancora arrivato. È altrettanto vero però che, per la prima volta dopo l’infortunio al ginocchio, Belotti è parso pronto fisicamente e mentalmente. Una novità non da poco, visto che dal Cagliari al Milan, il classe ’93 è sembrato ancora lontano dalla miglior condizione. La fiducia della ‘sua gente’ non è mai mancata. E tanto meno quella della squadra. Sia Mihajlovic che i compagni lo hanno sempre sostenuto con fiducia, sapendo che prima o poi sarebbe tornato ‘il solito Belotti’; quello che lo scorso anno faceva innamorare tutta l’Italia con 26 gol in campionato.

 

Il gol è arrivato contro il Carpi. Non il più proibitivo degli avversari certo, ma fondamentale per scacciare le paure. Prima del match contro l’Atalanta, Mihajlovic aveva provato a pungolarlo.”Mi aspetto molto da lui” aveva dichiarato il tecnico serbo alla vigilia della gara di sabato scorso. La risposta è arrivata sul campo. Forse non come la maggior parte della gente si aspettava, ma è arrivata. Belotti infatti, ha dimostrato di aver la stessa ‘fame’ dello scorso anno. Adesso non resta che aspettare il gol, ma la fiducia nei propri mezzi sembra essere tornata.

A confermare ulteriormente la tesi, le parole di Mihajlovic nel post-partita: “Il Gallo ha fatto una partita al livello dell’anno scorso. Soprattutto nell’atteggiamento ha fatto delle buone cose. Ma dobbiamo cercarlo di più, dobbiamo verticalizzare di più. Ci è mancato il gioco in verticale”. Insomma, l’atteggiamento è quello giusto. Ora però Belotti dovrà cercare di essere più presente in attacco, sacrificando almeno in parte quei ripiegamenti difensivi che portano via tante energie e spesso gli impediscono di essere perfettamente lucido sotto porta. È servito del tempo, ma ora finalmente si inizia a vedere la luce in fondo al tunnel. L’infortunio è ormai alle spalle e Belotti è sulla strada giusta per tornare ad essere il ‘vero’ gallo.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone - 6 giorni fa

    Chi è che dovrebbe servirlo, Baselli che ormai si occupa solo della fase difensiva? Rincon che è praticamente un gazzi nel tempo di miha?
    Obi spinge ma nn inventa passaggi filtranti.
    L’unico sarebbe ljajic ma viaggia a targhe alterne.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Grande Torino - 7 giorni fa

    Se deve continuamente coprire e andare a cercarsi la palla è dura segnare, poi chi gliela passa visto che ognuno gioca per se e prima di darla ci dormono sopra? L’unico che la fa girare è Valdifiori ma non gioca mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Spygor - 7 giorni fa

    La grinta,non manca di certo al Gallo e presto rivedremo i goal…Purtroppo il difficiel divente quando giocatori come lui,Baselli, devono venire a prendersi i palloni quasi nella nostra area…Manca anche un po di cinismo che è quello che serve per risolvere quelle partite “rognose”.Ci sono squadre che con certi giocatori,se hanno a disposizione una palla,te la buttano dentro,noi abbiamo bisogno di più occasioni per fare una rete.Volevo spendere due parole su ciò che si sta dicendo rispetto alla nostra classifica.La quota Europa League secondo me sarà sui 60 punti,forse meno,ammesso che totalizziamo dei punti con le prossime partite a Roma e con il Napoli,ci rimangono la Spal e il Genoa,sei punti possibili..Ma al ritorno bisognerebbe fare,almeno una trentina di punti,cosa abbastanza dura,visto le dinamiche che ci saranno per la testa e per la coda della classifica…Secondo me nei primi mesi dell’anno nuovo,bisognerà cominciare a guardarsi attorno per costruire una squadra con un degno allenatore che punti veramente all’Europa,perchè quando cominceranno le trattative e il mercato,alcuni nostri giocatori,inevitabilmente finiranno per essere ceduti,con la conseguenza che chi arriva,non sempre è una garanzia,vedere Niang?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. FVCG-70 - 7 giorni fa

    Sabato sera grinta da vendere (come sempre) e un paio di occasioni sfumate di poco.
    Se pensiamo poi alla sgroppata sulla destra verso al fine della partita, non assistita dai compagni, viene da pensare che la forma fisica sia tornata.
    E con quella torneranno i goal!
    Grande Gallo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13658217 - 7 giorni fa

      Potevamo venderlo e prendere Zapata e Simeone ora lo svendiamo……….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FVCG-70 - 7 giorni fa

        Amico mio, sicuro che non il nostro mister, Zapata e Simeone avrebbero reso come con Gianpaolo e Pioli?

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy