Toro, il Petrovsky Stadium è una nave da conquistare

Toro, il Petrovsky Stadium è una nave da conquistare

Verso Zenit-Torino / L’impianto russo da circa 21000 posti ha una particolare collocazione e una lunga storia, anche se la fine del suo utilizzo è dietro l’angolo

In mezzo ad un fiume. Ecco dove si giocherà l’andata degli ottavi di finale di Europa League tra Zenit e Toro. Il Petrovsky Stadium si trova su un’ isola in mezzo al fiume Malaja Nava. Alla vista sembra una nave, una nave che però all’occorrenza si tinge di blu, il colore dello Zenit.

UNO STADIO “NORMALE” – Ma a parte l’ubicazione suggestiva, il Petrovsky non è uno stadio particolarmente famoso. Costruito nel 1925, esso non può vantare un tifo caldo o fama come il San Mames di Bilbao, quasi a rispecchiare il clima glaciale della terra in cui è situato. Sopravvissuto alla seconda guerra mondiale, lo stadio di San Pietroburgo è stato la sede di alcune partite durante le Olimpiadi del 1980. 

IL GEMELLO COSTOSO – Nonostante la storia lunga 90 anni il Petrovsky Stadium verrà sostituito a breve da un faraonico impianto denominato New Zenit Stadium. Questo stadio verrà a costare 1,1 miliardi di dollari e sarà uno dei luoghi più importanti del Mondiale che si giocherà nel 2022 in terra russa. Al centro di numerose polemiche per l’enorme quantità di denaro investita, l’arena, che dovrebbe contenere 68000 posti, avrebbe dovuto essere già stata ultimata ma la data di consegna è stata posticipata più volte, facendo sorgere dubbi sulla bontà del progetto. Ma il futuro non conterà giovedì. Lo stadio da espugnare sarà il Petrovsky, la nave che i bucanieri granata dovranno attaccare e fare loro.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy