Toro: Immobile, Moretti e Bellomo fanno ben sperare

Toro: Immobile, Moretti e Bellomo fanno ben sperare

L’esordio in campionato con il Sassuolo è alle porte e l’eliminazione prematura dalla Coppa Italia di ieri per mano del Pescara suona da campanello d’allarme. Ma analizzando ciò che è successo ieri, cerchiamo di guardare…
 
Commenta per primo!
L’esordio in campionato con il Sassuolo è alle porte e l’eliminazione prematura dalla Coppa Italia di ieri per mano del Pescara suona da campanello d’allarme. Ma analizzando ciò che è successo ieri, cerchiamo di guardare i pochi spunti positivi.
 
IMMOBILE IL MIGLIORE IN CAMPO – Nonostante ieri il Toro abbia palesato gravi difficoltà a concretizzare le azioni create, in avanti ha brillato Ciro Immobile. Una delle poche note positive di ieri sera, l’ex Genoa ha mostrato capacità tecniche indiscusse e soprattutto una determinazione che pochi suoi compagni hanno avuto. E’ stato uno dei pochi a provarci. La sua rete, quella dell’ex, però non è servita a nulla. Più di quello sicuramente non poteva fare, anche perchè accanto lui Larrondo e Cerci non sono apparsi ancora in forma. Insomma se il Toro in questa estate cercava un attaccante di qualità per sostituire la partenza di Bianchi si può dire che sembra averlo trovato. Ma da solo non basta.
 
BENE ANCHE BELLOMO E MORETTI – Ciò che può far accennare un sorriso dopo la gara di ieri sono le prestazioni dei due nuovi acquisti. Se infatti i collaudati Glik e Cerci hanno faticato, le novità Moretti e Bellomo hanno risposto bene al loro primo appuntamento ufficiale con la maglia granata. L’ex Genoa sembra essersi ben inserito nel sistema difensivo di Ventura. E anche per l’ex centrocampista del Bari non si può che essere soddisfatti. In cabina di regia è stato uno dei pochi a salvarsi. Discorsi diversi invece per Farnerud, El Kaddouri e Larrondo. I due centrocampisti hanno infatti faticato parecchio sulla mediana. Lo svedese era partito bene come interno di sinistra, ma poi si è eclissato con il passare dei minuti. Anche il subentrato ex Napoli non ha fatto meglio. Larrondo invece non si è visto fino alla sua sostituzione, sprecando anche un’occasione da gol sul finire di primo tempo.
 
LE ALTRE NOTE POSITIVE – Chi non ha deluso le aspettative sono stati anche il solito D’Ambrosio (alla faccia di chi lo voleva lontano da Torino) e il neo entrato Basha. L’albanese, subentrato al posto di un opaco Brighi, ha attaccato gli spazi e ha mostrato un ottimo stato di forma giocandosi forse qualche chance di partire da titolare nella partita con il Sassuolo. Insomma nonostante una sconfitta, qualche spunto interessante da cui ripartire esiste. Ora bisogna solo dimenticare ciò che è successo ieri sera e provare a tornare a far bene partendo proprio da ciò che è funzionato contro il Pescara.
 

Redazione TN
 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy