Toro in numeri: Baselli, gol e contrasti in mediana. E quando calcia il pallone…

Toro in numeri: Baselli, gol e contrasti in mediana. E quando calcia il pallone…

Granata ai Raggi X / Le statistiche della mezzala non mentono, è uno dei più concreti sotto porta, ma anche in fase di impostazione: 80,3% di precisione nei passaggi. Sorprendono i tackles: recupera il 60% dei palloni

3 commenti
Baselli

Arrivato in estate dall’Atalanta, Daniele Baselli è riuscito a conquistare in pochissimo tempo i tifosi granata, inanellando una serie di ottime prestazioni condite anche da reti pesanti. Grande dribling, intelligenza tattica, giocate di fine: il pubblico granata sognava da tempo un elemento della sua qualità in mezzo al campo. Anche Ventura ne ha subito riconosciuto le indiscusse capacità, incollandogli addosso la maglia da titolare: fino all’infortunio patito contro il Palermo, il classe 92 ha sempre iniziato da titolare in questo avvio di stagione, collezionando così sette presenze totali considerando anche quella in Coppa Italia, per un totale di 511 minuti giocati.

PASSAGGI –  Il gioco di Ventura ha negli esterni i propri uomini cardine, sfruttando dunque le fasce come arma principale per stanare gli avversari. Tuttavia, è dal centrocampo che hanno inizio e si sviluppano molte azioni dei granata, dopo il consueto giro palla difensivo. Baselli nasce come metodista, dovrebbe dunque ricoprire il ruolo davanti alla difesa, ma il mister non l’ha mai schierato in quella posizione: intravedendo un ottimo potenziale, Ventura ha infatti posizionato il ventitreenne bergamasco come mezzala, con ottimi risultati. Pur non essendo colui che da via al gioco, Baselli ha la media di circa due occasioni create a partita (2,2 passaggi chiave la medie precisa) e di 26,2 passaggi ogni match, dei quali ben l’80,3% va a buon fine. La percentuale è senza dubbio abbassata poiché il giocatore talvolta tenta di servire i compagni con passaggi dall’elevatissimo coefficiente di difficoltà.

Daniele Baselli dopo il gol realizzato contro la Fiorentina
Daniele Baselli festeggiato dai compagni dopo il gol alla Fiorentina

TIRI – Schierato dunque più vicino alla porta, il ragazzo nelle prime giornate ha mostrato qualità balistiche importanti (ne è un chiaro esempio la rete segnata alla Fiorentina)  ed una certa confidenza con il gol: tra Coppa Italia e campionato infatti, nelle prime quattro partite ufficiali giocate in granata Baselli ha messo a segno quattro centri. Ma c’è di più: il ragazzo ha la media di un tiro in porta a partita; significa che l’ex atalantino non tira molto, ma quando lo fa quasi sempre centra il bersaglio grosso.

Baselli in Torino-Sampdoria
Baselli in azione contro la Sampdoria

TACKLES – Nonostante possa sembrare un giocatore molto più portato all’attacco, Baselli è dedito anche alla fase difensiva ed al mantenimento del pallone. Quella che sorprende non è infatti la media dei dribbling per partita (1,7) quanto invece quella dei tackles andati a buon fine: 2,5 ogni sfida, con 1,5 palloni intercettati di media. Inoltre, una volta recuperata la palla, il ventitreenne quasi mai la butta via: preferisce conservarne il possesso e reimpostare una nuova azione di gioco. Sono infatti solamente 1,5 a partita i lanci lunghi del numero 16 granata.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …me lo aspettavo forte…ma non così…e direi che in under 21 faceva la panca…pensavo fosse uno di quei giocatori dalla grande tecnica ma che entrasse poco nel vivo del gioco…e invece si propone sempre…segno anche di grande personalità…deve solo mettere su 2 o 3 kg in + e diventerà devastante…ma a questo ci penserà Ventura che per la forma fisica è maniacale…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pupi - 2 anni fa

    È giovane, deve crescere e storie di questo tipo. Beh, però quando uno è buono davvero evidenzia subito le proprie capacità anche se ovviamente migliorerà quando maturerà fisicamente. Oltre alla qualità tecnica palese ciò che mi ha sorpreso di lui è la fase di non possesso, di come morde le caviglie all’avversario quando difende, è arcigno molto più di quanto la sua esile figura possa far pensare. Insostituibile in questo momento……e si è visto subito! Che bel giocatore!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS - 26/04/15 Toro 2 - Merde 1 - 2 anni fa

      Purtroppo mi ricorda un gobbo, però era un gran bel giocatore, Tardelli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy