Toro in numeri: Joe Hart e la specialità delle uscite con i pugni

Toro in numeri: Joe Hart e la specialità delle uscite con i pugni

Granata ai raggi X / Il portiere inglese ha realizzato 21 parate all’interno dell’area di rigore

3 commenti

Una sorpresa o meglio un regalo inaspettato nel bel mezzo dell’estate, forse i tifosi granata si stanno ancora stropicciando gli occhi, ma quello che sembrerebbe pura utopia è soltanto la bellissima realtà, poiché Joe Hart è veramente l’estremo difensore del Torino. L’ inglese di Shrewsbury è reduce da un glorioso passato al Manchester City, dove ha conquistato due Premier League, una Coppa d’Inghilterra e due Coppe di Lega: un bottino molto ricco che lo ha portato anche tra le fila dei “Three Lions”, dove è ancora leader assoluto, proprio come al Toro, dove il suo carisma e la sua sicurezza sono diventati ormai una certezza della nuova squadra di Mihajlovic, la quale, come in una favola, è alla ricerca della conquista di un sogno chiamato Europa.

POCHE PARATE ED UNA GRANDE DIFESA – I portieri del  Torino, dalla prima giornata contro il Milan ad oggi, hanno compiuto ben 40 parate – 35 quelle di Hart -, poche, o pochissime se confrontate al numero delle altre squadre della Serie A: ma occorre vedere anche l’altra faccia della medaglia, poiché questo dato è a dir poco positivo. Compiere poche parate è sinonimo di una buona difesa, poiché ad ausilio dell’estremo difensore inglese, sin qui, ci sono stati degli ottimi centrali, capaci di difendere la propria area a suon di ottimi interventi e di carattere, lo stesso che mette l’ex City nel corso delle partite. La squadra che ha compiuto meno parate è invece la Juventus, una delle migliori difese d’Europa, il cui portiere – Buffon – ha eseguito soltanto 22 parate. Mentre la squadra che ne ha eseguite di più è il Crotone: ben 71.

FC Torino v SS Lazio - Serie A

POCHE CLEAN SHEET – Joe Hart si classifica anche dodicesimo nella classifica delle clean sheet – 2 quest’anno – conquistate in Serie A sin qui. Poche, molto poche per un portiere del suo calibro, capace di compiere miracoli e di guidare una squadra a suon di carisma e leadership, qualità molto importanti nel calcio moderno. Le uniche volte dove l’inglese è uscito indenne è stato il 18 settembre nello 0-0 contro l’Empoli e nella partita seguente, quella contro il Pescara, terminata nuovamente con un secco 0-0, clean sheet dunque che non sono state d’auspicio per i granata, i quali, a queste condizioni, non hanno mai conquistato una vittoria. Il portiere che ha meglio difeso i propri pali è – stranamente – Berisha, estremo difensore dell’Atalanta, con la quale ha conquistato ben 5 clean sheet, squadra che sta vivendo una vera e propria favola, anche dal punto di vista difensivo.

SPECIALITA’ – Tra le sue qualità, di certo, non possiamo riconoscergli quella di para rigori: in 10 presenze in Serie A infatti, su 2 rigori, non ne ha parato nemmeno uno. Il primo subito contro la Dea – in rete Franck Kessiè – e il secondo di Francesco Totti, assoluto specialista dal dischetto. Il record di para rigori del campionato della penisola appartiene, al momento, a Gigio Donnarumma, il quale ha fatto 2 su 2, parandoli tutti. Un suo punto fermo è però l’uscita con i pugni, qualità che lo caratterizza sin dai tempi del City, dove però è stato cacciato a causa del suo “problema” con i piedi: è stata questa infatti la scusa usata da Pep Guardiola per mandarlo altrove, dando assoluta fiducia ad un ex catalano di nazionalità cilena: Claudio Bravo. Il portiere inglese è anche uno dei portiere che ha siglato più parate all’interno dell’area di rigore: 21, mentre 11 quelle da fuori area. La difesa molto stabile ha anche concesso un dato molto positivo, ovvero quello delle parate all’interno dell’area piccola: una.

JOE HART
PARATE 35
RIGORI PARATI 0
CLEAN SHEET 2
PARATE IN AREA DI RIGORE 21
PARATE FUORI AREA 11

Dati presi da Whoscored.com e da Lega Serie A

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ToroSardo - 4 settimane fa

    Mi correggo esce raramente,dovrebbe farlo piu’ spesso. Con un’altro si sarebbero perse almeno 2 partite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. claudio sala 68 - 4 settimane fa

    Grande personalità, per cui prende dei rischi a volte non necessari rischiando l’errore. L’opposto di Padelli che si è sempre limitato al compitino, quando andrà via lo rimpiangeremo. Saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ToroSardo - 4 settimane fa

    Forte ma.. in uscita è scarsino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy