Izzo e i saluti degli amici calciatori: “Sei un Toro, questa è la tua maglia”

Izzo e i saluti degli amici calciatori: “Sei un Toro, questa è la tua maglia”

In entrata / Numerosissimi messaggi di ex compagni di squadra e amici, tutti con lo stesso significato: il Torino è la scelta giusta

di Redazione Toro News

Nella giornata di ieri si è conclusa ufficialmente la trattativa per portare Armando Izzo dal Genoa al Torino. Ieri pomeriggio, nel suo primo giorno in granata, il difensore ha postato sul proprio profilo Instagram una sua foto in maglia granata, ringraziando il Genoa e il presidente Preziosi per gli anni passati insieme e definendosi felice, orgoglioso, carico e pronto a vestire la maglia del Torino ed iniziare questa nuova avventura già domani al raduno. Nei commenti del post si sono susseguiti vari messaggi di addio e di auguri dei suoi ex compagni rossoblù e dei nuovi granata. Praticamente identici i messaggi di Palladino e Rigoni, che augurano in bocca al lupo al loro amico, a cui si aggiunge quello del giovanissimo Salcedo; tra i granata, si distinguono Iago Falque e Ansaldi, già suoi ex compagni in Liguria, che hanno scritto di essere felici di averlo ritrovato ora sotto la Mole e di non veder l’ora di iniziare la nuova stagione con un amico in più tra i compagni di squadra. I messaggi di tanti calciatori evidenziano il fatto che Izzo si sia lasciato dietro diversi amici nei club dove ha giocato.

“QUESTA E’ LA TUA MAGLIA” – Tra i vari auguri, però, spicca quello del difensore del Cagliari Fabio Pisacane, compagno di Izzo ai tempi di Avellino: “Sei sempre stato un Toro nella vita, hai incornato il destino è lo hai ribaltato a tuo favore, senza nulla togliere alle altre maglie che hai vestito, questa è proprio la tua”. Sicuramente un messaggio toccante arrivato da una persona speciale, la cui storia, caratterizzata anche dalla lotta contro una malattia al sistema nervoso che lo aveva colpito a soli 14 anni e dalla denuncia alle autorità di una combine propostagli nell’ambito del calcio scommesse. Proprio lo scandalo del calcio scommesse che colpì tempo addietro anche il neo difensore granata, che fu squalificato per 18 mesi, poi ridotti a 6, per doppia omessa denuncia ai tempi in cui era tessere per l’Avellino in Serie B. Ora Izzo è chiamato a dimenticare questa brutta parentesi della propria carriera per concentrarsi a pieno in questa nuova sfida con indosso la “sua” maglia.

Luca Signorelli

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 5 mesi fa

    C’è una cosa che da garanzie su izzo, e questa è che non è uno che cambia squadra spesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy